HOME - Implantologia
 
 
30 Aprile 2006

Rialzo di cresta con materiale alloplastico

di G.C. Leghissa, G. Redaelli, *A.R. Botticelli, **D. Zaffe


Viene descritto un caso di rialzo di cresta in senso verticale in zona mascellare premolare superiore sinistra, utilizzando materiale alloplastico. L’uso di materiali alloplastici come alternativa all’osso autologo ha numerosi vantaggi, tra i quali l’assenza di un sito chirurgico donatore, la riduzione del rischio di lesioni neurologiche e/o vascolari e la diminuzione della morbilità postoperatoria. Nella Sinus Consensus Conference of Sinus Lifting tenutasi a Boston nel 1996 si è discusso, tra gli altri argomenti, su quale sia il miglior materiale riempitivo da utilizzare negli interventi di osteointegrazione: si è concluso che, superate le prime 24 settimane, non si evidenziano particolari differenze a seconda del materiale utilizzato. I dati clinici, radiologici e istologici rilevati in questo studio sono in accordo con le tesi rilevabili in letteratura.

Alveolar ridge augmentation by alloplastic graft: a case report
The Authors report a case of alveolar ridge vertical augmentation by alloplastic graft in the premolar area of an upper jaw. Alloplastic graft materials as an alternative to autologous bone grafting offers several advantages: absence of a donor site, reduced risk of nervous and vascular damages, fewer post-operative complications. Clinical, radiological and histological results of this case report are in agreement with those of current literature.

Qualifiche Autori:
Libero professionista - Milano
*Università degli Studi di Pavia - Dipartimento di Patologia Umana e Ereditaria - Direttore: prof. M. Scappaticci
**Università degli Studi di Modena-Reggio Emilia  Dipartimento di Anatomia e Istologia
Direttore: prof. G. Marotti                                 



Articoli correlati

La riabilitazione della zona posteriore del mascellare con protesi fisse implanto-supportate necessita talvolta l’adozione di tecniche di “sinus lifting” a causa della presenza del seno...


Obiettivo del lavoro è verificare l’azione di un nuovo materiale per la rigenerazione ossea guidata (GBR). Dopo chirurgia estrattiva, un copolimero di acido D-L-lattico e acido glicolico,...


In ambito implanto-protesico talvolta, anche di fronte a impianti completamente osteointegrati, esiste il rischio di riassorbimento osseo nelle regioni perimplantari, attivato o...

di Lara Figini


In implantologia uno dei fattori chiave che influenza l’osteointegrazione finale è la stabilità primaria dell’impianto. Esiste un’evidenza scientifica che sia la quantità...

di Lara Figini


Il fallimento precoce degli impianti è comunemente attribuito a una guarigione della ferita alterata o scarsa, che impedisce l’osteointegrazione. Ulteriori fattori – come la...

di Lara Figini


Altri Articoli

Per questo ultimo DiDomenica prima della pausa estiva ho voluto incontrare la dott.ssa Donatella Di Pietrantonio, odontoiatria tra le scrittici italiane emergenti di questi anni.La dott.ssa Di...

di Norberto Maccagno


Ogni anno la multinazionale con il Global Clinical Case Contest premia gli studenti di tutto il mondo per i loro rimarchevoli successi nel settore dell’odontoiatria estetica. ...


Pratica commerciale scorretta l’accusa dell’Antitrust. L’indagine era partita dalla denuncia di Altroconsumo 


La comunità scientifica e la politica si stanno interrogando. Ecco per quali categorie potrebbe diventare realtà il richiamo 


Sarebbero tra il decreto 101 rispetto alle indicazioni della Commissione Europea. L’esperto di radioprotezione Giancarla Rossetti le segnala al Ministro della Salute con la richiesta di annullare...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio