HOME - Implantologia
 
 
15 Novembre 2006

Intervento complesso di ricostruzione mascellare. Caso clinico

di D.A. Di Stefano, *A. Cazzaniga, **S. Pagnutti


In questo lavoro sono presentati i risultati ottenuti in un caso di ricostruzione mascellare utilizzando un sostituto osseo eterologo di origine equina totalmente deantigenato per via enzimatica, in associazione a osso autologo per eseguire un intervento di rialzo di seno mascellare bilaterale, e osso autologo corticale per un aumento laterale dello spessore di cresta per apposizione onlay. Gli esami istologici sui campioni prelevati alla seconda fase chirurgica, 4 mesi dopo l’innesto, mostrano la vitalità dell’innesto e la capacità del sostituto osseo impiegato di andare incontro a rimodellamento fisiologico, riassorbimento e sostituzione con tessuto osseo endogeno neoformato del paziente.



Upper jaw reconstruction: a case report

The Authors report a case where the upper jaw was reconstructed and the sinus floor was elevated on both sides by the use of equine bone graft and homologous cortical bone: the former was made totally antigen-free by enzymatic methods, the latter was also used to enlarge crest width by onlay apposition. 4 months later histological samples taken during the second surgical step show that graft is vital and can go through physiological remodeling and substitution by newly formed patient’s bone.

Qualifiche Autori:
Libero professionista - Milano
Prof. a c. Università degli Studi di Chieti “G. D’Annunzio”
e Istituto Scientifico Universitario “San Raffaele” di Milano  Ateneo Vita-Salute
*Libero professionista - Samarate (VA)
**Biologo 



 



Articoli correlati

Come evitare le complicanze emorragiche

di Lara Figini


ObiettiviScopo di questo studio è valutare la percentuale di successo e di sopravvivenza di impianti inseriti in seguito a elevazione del seno mascellare in pazienti con altezza ossea residua non...


ObiettiviLa tecnica chirurgica del “rialzo del seno mascellare” induce uno stato di infiammazione fisica del seno legata allo scollamento e al sollevamento mucoperiosteo, con conseguente...


 Obiettivi. Sono proposte due varianti alla tecnica abituale di rialzo per via laterale che rendono più semplice il corretto riempimento del seno e permettono di collocare il materiale di...


OBIETTIVI. Valutare la riabilitazione di pazienti affetti da severa atrofia del mascellare superiore (V Classe secondo Cawood e Howell), riabilitati mediante rialzo del seno mascellare e innesto di...


Altri Articoli

La CAO La Spezia manifesta la disponibilità a Regione, ASL e Provincia affinché la rete dei medici odontoiatri della provincia sia inserita nel sistema di screening attraverso l’utilizzo dei...


L’American Dental Association scende in campo sostenendo la competenza degli odontoiatri statunitensi che si sono offerti di somministrare i vaccini


Negativi i collaboratori, dopo la sanificazione lo studio ha riaperto mentre il professionista rimane in isolamento


Federazione Alzheimer Italia nel mese di ottobre ha organizzato corsi on-line per insegnare ai familiari a gestire gli aspetti odontoiatrici. Tra i relatori il dott. Mario Ghezzi a cui abbiamo...


Obiettivo: offrire un servizio gratuito di formazione avanzata, con una visione globale sulla salute, consulenza e supporto per una miglior assistenza ai propri pazienti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Emergenza Covid ed odontoiatria: il punto con il presidente Iandolo