HOME - Implantologia
 
 
20 Aprile 2007

Rialzo del seno mascellare mediante tecnica di Summers

di D. Di Paola, *F. Giordano


Viene descritto un caso di inserimento implantare di un primo molare superiore in una situazione di ridotta altezza crestale residua, dovuta alla espansione per iperpneumatizzazione del seno mascellare.
Il caso in questione presenta una cresta di soli 6 mm, condizione che non consente l’inserimento convenzionale. La tecnica di Summers prevede l’utilizzo degli osteotomi a punta concava e l’inserimento di un materiale da innesto particolato di granulometria non superiore a 1 mm, che si interpone tra l’osteotomo e il pavimento del seno mascellare da sollevare.
Il materiale da innesto funge da ammortizzatore e consente di ottenere un effetto idrodinamico che provoca il sollevamento della membrana di Schneider.
Con questo protocollo è possibile ottenere rialzi notevoli: 4-6 mm, in condizioni di sicurezza, e l’inserimento di impianti di dimensione idonea al supporto del carico protesico. La protesizzazione è possibile in tempi non superiori ai 6 mesi dall’intervento.

Maxillary sinus lift by Summers’ technique
The Authors report a case of a single implant placed in upper first molar position with a short residual ridge height following sinus expansion. Summers’ technique is primarily based on the use of osteotomes combined with the insertion, through the implant site, of a grafting material between osteotome and sinus floor. Particles of the grafting material had a size smaller than 1 mm. Pressure is transmitted to sinus floor by the interposition of grafting material as a shock absorber in order to lift Schneiders’ membrane. With this technique it is possible to obtain a good vertical increase (4-6 mms). The aim of this technique is to transform part of the sinus cavity into a mineralized tissue able to hold dental implants and to resist masticatory forces. Rehabilitation is possible after 6 months.

Qualifiche Autori:
Libero professionista - Siracusa
*Libero professionista - Sala Consilina (SA)



Articoli correlati

Come evitare le complicanze emorragiche

di Lara Figini


ObiettiviScopo di questo studio è valutare la percentuale di successo e di sopravvivenza di impianti inseriti in seguito a elevazione del seno mascellare in pazienti con altezza ossea residua non...


ObiettiviLa tecnica chirurgica del “rialzo del seno mascellare” induce uno stato di infiammazione fisica del seno legata allo scollamento e al sollevamento mucoperiosteo, con conseguente...


 Obiettivi. Sono proposte due varianti alla tecnica abituale di rialzo per via laterale che rendono più semplice il corretto riempimento del seno e permettono di collocare il materiale di...


OBIETTIVI. Valutare la riabilitazione di pazienti affetti da severa atrofia del mascellare superiore (V Classe secondo Cawood e Howell), riabilitati mediante rialzo del seno mascellare e innesto di...


Altri Articoli

Rispettare l’ambiente costa fatica (in realtà poca), rinunce (anche queste poche) e quello dell’impegnarsi per il bene collettivo alla fine rischia di rimanere una frase che suona bene, ma molto...

di Norberto Maccagno


Si chiama Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati e si pone come portavoce di tutti coloro che credono nella Sanità Integrativa e vogliono renderla una opportunità per...


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Caprara: è una strada da percorrere per il nostro bene e quello dei nostri pazienti, non per tornaconti personali o per strategie di marketing


Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi