HOME - Implantologia
 
 
30 Gennaio 2008

Tempi di guarigione negli aumenti di cresta atrofica

di M. Cassetta, D. Dell’Aquila, A. Dolci


Obiettivo del lavoro è approfondire i dettagli della sequenza temporale della guarigione dell’innesto, capire il ruolo che il tessuto innestato svolge nell’osteointegrazione degli impianti e l’influenza che la precoce applicazione del carico protesico esercita sulla guarigione di entrambi. 36 impianti vengono inseriti in creste alveolari atrofiche e i minus ossei residui corretti con innesti di osso particolato stabilizzato con una griglia in titanio.
Il rientro chirurgico è stato effettuato dopo 2 mesi per poter obiettivare il grado di incorporazione dell’innesto e monitorare nel tempo la stabilità implantare con l’Analisi della Frequenza di Risonanza. Il carico protesico è stato applicato appena gli impianti hanno raggiunto un valore di stabilità compatibile (57 ISQ). Un riempimento completo del difetto al rientro chirurgico si è osservato nel 64,7% dei casi. La stabilità primaria ha riportato un valore medio di 52,22 ISQ. La valutazione della stabilità secondaria ha mostrato un aumento dei valori di ISQ più significativo dopo i primi due mesi (valore medio 59,33 ISQ) e progressivamente più lieve fino al quarto mese (valore medio 63,58 ISQ), che è coinciso con il primo periodo di applicazione del carico masticatorio. Il valore soglia di 57 ISQ è stato registrato al termine del secondo mese per l’83,34% delle fixture.
Due mesi sembra essere un periodo di guarigione sufficiente a garantire l’incorporazione dell’innesto. L’osso innestato sembra aumentare la stabilità implantare soprattutto nel primo periodo, permettendo di anticipare i tempi di carico. La protesizzazione in epoca precoce sembra favorire la guarigione e la stabilità nel tempo dell’innesto.

Healing times after bone graft
AIM of WORK. The aim of this article is to understand the sequence of bone graft healing, the role of graft on implant-bone integration and the influence of early loading on both tissues. MATERIAL AND METHODS. 36 implants were placed in atrophic alveolar ridges; residual bone defects were corrected by particle bone graft stabilized by titanium mesh. After 2 months a second surgical access was made to evaluate bone graft incorporation and implant stability by using Frequency Resonance Analysis. Implants were loaded as soon as their stability reached 57 ISQ. RESULTS. In 64.7% of the sample a complete filling of alveolar ridge defect was observed. Average primary implant stability was 52.22 ISQ. Average stability values (ASV) increment was higher during the first 2 months (ASV 59,33ISQ) and raised until the fourth month (ASV 63.58 ISQ), when prosthetic load was applied. CONCLUSIONS. 83.34% of the fixtures reached the 57 ISQ threshold value after 2 months; this time interval seems to be enough to guarantee bone graft incorporation. CLINICAL IMPLICATIONS. Bone graft seems to increase implant stability especially in the first healing period, allowing early loading. Finally, early prosthetic loading seems to improve bone graft healing and reduce its resorption.

Qualifiche Autori:
“Sapienza” Università di Roma
Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche
Direttore: prof. G. Dolci



Articoli correlati

ObiettiviDescrivere incidenza e caratteristiche delle complicanze nella rigenerazione ossea guidata (Guided Bone Regeneration, GBR), illustrare la gestione clinica delle complicanze intra e...


OBIETTIVI. Valutare la sopravvivenza e il successo a lungo termine di impianti inseriti in pazienti affetti da esiti di labiopalatoschisi (LPS) trattati con innesto di osso autologo per la correzione...


Scopo del lavoro è quello di presentare una tecnica di ricostruzione ossea che vede l’utilizzazione di micro-mesh in titanio con osso autologo in implantologia. Viene presentato un caso clinico...


La stabilità primaria implantare è stata definita come assenza di mobilità nel letto osseo dopo il posizionamento dell’impianto, determinata principalmente dalle proprietà...

di Lara Figini


I recenti progressi in implantologia hanno portato a un aumento del numero di pazienti trattati, con tassi di sopravvivenza degli interventi superiori al 95% in una popolazione...

di Lara Figini


Altri Articoli

Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


Dopo l’Europa il Gruppo Editoriale EDRA sbarca negli Stati Uniti e lo fa puntando su due settori strategici come la veterinaria e l’odontoiatria


Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


Dopo la presentazione del Manuale di Odontoiatria Speciale, dal suo 20° Congresso la SIOH punta alla formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra verso un’odontoiatria a misura dei pazienti...


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi