HOME - Implantologia
 
 
30 Aprile 2008

Carico immediato su impianti con superficie trattata SLA

di A. Catarsini, M. Morales


Le esigenze del paziente moderno hanno portato a cercare la possibilita’ di ridurre il discomfort del paziente edentulo o parzialmente edentulo, accorciando i tempi di carico protesico: in virtu’ di cio’ oggi possiamo parlare di carico immediato, cioè di un carico protesico applicato contestualmente alla chirurgia implantare.
Lo scopo di questo lavoro è dimostrare che il rispetto di un protocollo clinico e chirurgico corretto consente di risolvere casi di edentulismo monolaterale con la tecnica implantare del carico immediato.
Tale protocollo prevede l’analisi e il rispetto di 4 fattori fondamentali: qualita’ ossea, corretto rapporto corona-impianto, corretta occlusione della protesi provvisoria e trattamento di superficie implantare adeguato.
I risultati clinici ottenuti mostrano chiaramente che l’osteointegrazione successiva ad un carico immediato è data dal rispetto non di un singolo parametro ma dalla messa in opera di tutti i fattori elencati.

Immediate loading of SLA dental implants
INTRODUCTION. Patients’ needs and expectations have brought to reduce discomfort of being totally or partially edentulous by making prosthetic rehabilitation faster than before. Prosthetic implant loading immediately after surgery is nowadays possible.
AIM OF THE WORK. The aim of this study is to show that immediate loading allows a successful rehabilitation of edentulous jaws provided that adequate clinical and surgical protocols are followed. PRELIMINARY ANALYSIS. This protocol is based on 4 key-points: bone quality, crown-implant relationship, good occlusion of temporary prosthesis and implant surface treatment (sandblasted and acid etched).
RESULTS AND DISCUSSION. Our results clearly show that bone integration after immediate loading is the outcome of complying with all the above mentioned key-points.

Qualifiche Autori:
Liberi professionisti, Messina



Articoli correlati

Caso clinico con l'utilizzo di una valida alternativa a tecniche di espansione orizzontale (GBR o Split Crest)


L'immagine è una elaborazione informatica e non rispecchia la realtà clinica

Quando si estrae un elemento dentario da sostituire con un impianto va inserito immediatamente, dopo qualche settimana o dopo qualche mese a guarigione ossea avvenuta o quasi? Le considerazioni del...


L'osteointegrazione di un impianto necessita di alcuni mesi di guarigione, come minimo, e questo periodo, che richiederebbe il non immediato inserimento dei denti, viene quasi...

di Lara Figini


ObiettiviViene proposto un caso clinico di riabilitazione implantare fissa a carico immediato con chirurgia flapless, mediante l’utilizzo di solidarizzazione implantare come supporto per...


Obiettivi. Presentare i risultati clinici preliminari di un nuovo approccio chirurgico in casi di impianti postestrattivi immediati in zone estetiche.Materiali e metodi. Una radice non recuperabile...


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni