HOME - Implantologia
 
 
30 Giugno 2008

Riabilitazione protesica di impianti singoli a carico immediato: studio prospettico

di L. Canullo, G. Malagnino, G. Iurlaro


Come criterio di successo per un impianto dentale, uno dei fattori storicamente usati è rappresentato dal rimodellamento della cresta ossea. La Letteratura ha dimostrato che, a distanza di un anno dalla connessione protesica, tale riassorbimento è approssimabile circa ad 1,7 mm apicale alla giunzione abutment-impianto (IAJ) o comunque si attesta a livello della prima spira implantare. Questa affermazione si riferisce sia ai protocolli one-stage che a quelli two-stage. Nei primi, il rimodellamento crestale avviene al momento della connessione con la vite di guarigione o con la componente protesica, negli altri al momento della scopertura. Esistono molte teorie per spiegare i cambiamenti della cresta ossea che avvengono dopo la fase di guarigione, ma solo due sono maggiormente accreditate: • il rimodellamento osseo avviene nel momento in cui l’impianto viene finalizzato come risultato di stress concentrati sulla regione coronale dell’impianto (teoria meccanica); • il rimodellamento osseo, che avviene dopo la connessione protesica, è il risultato di un’infiammazione dei tessuti molli localizzata all’interfaccia impianto-abutment,ed è conseguente al tentativo dei tessuti molli di stabilire una barriera mucosa (ampiezza biologica) intorno al collo dell’impianto. La teoria basata sulla ricreazione dell’ampiezza biologica al momento, sembra essere quella maggiormente accreditata dalla Letteratura. Molti, infatti, sono gli studi sul modello animale che descrivono istologicamente la perdita ossea intorno agli impianti dopo la finalizzazione protesica.



Articoli correlati

Caso clinico con l'utilizzo di una valida alternativa a tecniche di espansione orizzontale (GBR o Split Crest)


L'immagine è una elaborazione informatica e non rispecchia la realtà clinica

Quando si estrae un elemento dentario da sostituire con un impianto va inserito immediatamente, dopo qualche settimana o dopo qualche mese a guarigione ossea avvenuta o quasi? Le considerazioni del...


L'osteointegrazione di un impianto necessita di alcuni mesi di guarigione, come minimo, e questo periodo, che richiederebbe il non immediato inserimento dei denti, viene quasi...

di Lara Figini


ObiettiviViene proposto un caso clinico di riabilitazione implantare fissa a carico immediato con chirurgia flapless, mediante l’utilizzo di solidarizzazione implantare come supporto per...


Obiettivi. Presentare i risultati clinici preliminari di un nuovo approccio chirurgico in casi di impianti postestrattivi immediati in zone estetiche.Materiali e metodi. Una radice non recuperabile...


Altri Articoli

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni