HOME - Implantologia
 
 
30 Novembre 2009

Implantologia post-estrattiva in presenza di lesioni endodontiche

di S. Taschieri, A. Pigato, G. Rosano, T. Weinstein, M. Del Fabbro


Obiettivi: Prendere in esame l’inserimento di impianti post-estrattivi immediati, che rappresenta un protocollo chirurgico affidabile e universalmente accettato grazie alla buona preservazione dell’estetica tissutale che ne deriva, alla riduzione del tempo totale di trattamento e alla possibilità di un ottimale posizionamento implantare.
Materiali e metodi: Al contrario, il concetto di posizionamento immediato di impianti dopo l’estrazione di denti affetti da patologia periapicale e/o parodontale è, a oggi, oggetto di dibattito.
Il potenziale svantaggio di quest’ultima tecnica è correlato alla possibile contaminazione dell’impianto dentale durante il periodo iniziale di guarigione a causa dei residui dell’infezione preesistente. L’evidenza scientifica derivante dal trattamento di osteomieliti vertebrali in chirurgia ortopedica suggerisce, tuttavia, che evitare assolutamente il posizionamento di impianti in presenza di patologie periapicali e/o parodontali è da ritenersi un concetto equivoco.
Risultati: L’analisi della letteratura scientifica internazionale recente riporta, peraltro, che il posizionamento di un impianto immediatamente dopo l’estrazione di un dente con lesione periapicale può avere successo se vengono adottati degli accorgimenti pre- e postoperatori, come la somministrazione di antibiotici e una meticolosa “toilette” chirurgica del sito alveolare prima dell’intervento. Conclusioni: L’alta percentuale di successo implantare e il vantaggio estetico legato alla preservazione dei tessuti duri e molli unito alla soddisfazione generale del paziente in termini funzionali mostrano che la riabilitazione immediata di siti post-estrattivi infetti può essere considerata un’opzione terapeutica sicura e predicibile.



Articoli correlati

Gli impianti dentali vengono utilizzati per sostituire i denti mancanti e hanno lo scopo primario di ripristinare una buona funzionalità ed estetica. Tuttavia, in molti pazienti...

di Lara Figini


In una revisione sistematica, pubblicata su OOO di novembre 2020, gli autori hanno valutato il rischio di sanguinamento nelle procedure di implantologia dentale in pazienti che assumevano...

di Lara Figini


Sin dalla sua prima introduzione, più di cinquant’anni fa, l’innesto di tessuto molle è stato sempre più utilizzato nella pratica clinica per aumentare lo spessore del...

di Lara Figini


Pillole di evidenza scientifica per la pratica quotidiana è il nuovo approfondimento per i lettori di Odontoiatria33 curato dal prof. Esposito. Oggi si parla di impianti

di Marco Esposito


Sebbene il titanio sia utilizzato con successo in implantologia dentale ormai da più di cinque decenni, vi è una crescente domanda di un’alternativa non metallica.Il materiale...

di Lara Figini


Altri Articoli

Oltre il 59% della popolazione spagnola tra i 35 e i 44 anni necessita di un qualche tipo di protesi dentale


Come verificare se le certificazioni dei Dispositivi medici sono corrette, quali le responsabilità se non lo fossero ed in caso di “incedente” come ci si deve comportare? I consigli...


Firmato il protocollo di intesa tra Governo, Regioni e Province Autonome e FNO TRSM PSTRP per la somministrazione dei vaccini da parte di tutti i professionisti sanitari, compresi gli igienisti...


Iandolo (Cao): “Abbiamo di fronte quattro anni di lavoro a tutela della salute. Prima sfida, le vaccinazioni: adesione massiva ed entusiasta degli Odontoiatri”


Vengono ricordati i doveri dell’iscritto che non comunica il proprio indirizzo ma anche quelle per l’Ordine che non sanziona 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente