HOME - Implantologia
 
 
30 Novembre 2009

Implantologia post-estrattiva in presenza di lesioni endodontiche

di S. Taschieri, A. Pigato, G. Rosano, T. Weinstein, M. Del Fabbro


Obiettivi: Prendere in esame l’inserimento di impianti post-estrattivi immediati, che rappresenta un protocollo chirurgico affidabile e universalmente accettato grazie alla buona preservazione dell’estetica tissutale che ne deriva, alla riduzione del tempo totale di trattamento e alla possibilità di un ottimale posizionamento implantare.
Materiali e metodi: Al contrario, il concetto di posizionamento immediato di impianti dopo l’estrazione di denti affetti da patologia periapicale e/o parodontale è, a oggi, oggetto di dibattito.
Il potenziale svantaggio di quest’ultima tecnica è correlato alla possibile contaminazione dell’impianto dentale durante il periodo iniziale di guarigione a causa dei residui dell’infezione preesistente. L’evidenza scientifica derivante dal trattamento di osteomieliti vertebrali in chirurgia ortopedica suggerisce, tuttavia, che evitare assolutamente il posizionamento di impianti in presenza di patologie periapicali e/o parodontali è da ritenersi un concetto equivoco.
Risultati: L’analisi della letteratura scientifica internazionale recente riporta, peraltro, che il posizionamento di un impianto immediatamente dopo l’estrazione di un dente con lesione periapicale può avere successo se vengono adottati degli accorgimenti pre- e postoperatori, come la somministrazione di antibiotici e una meticolosa “toilette” chirurgica del sito alveolare prima dell’intervento. Conclusioni: L’alta percentuale di successo implantare e il vantaggio estetico legato alla preservazione dei tessuti duri e molli unito alla soddisfazione generale del paziente in termini funzionali mostrano che la riabilitazione immediata di siti post-estrattivi infetti può essere considerata un’opzione terapeutica sicura e predicibile.



Articoli correlati

Sin dalla sua prima introduzione, più di cinquant’anni fa, l’innesto di tessuto molle è stato sempre più utilizzato nella pratica clinica per aumentare lo spessore del...

di Lara Figini


Pillole di evidenza scientifica per la pratica quotidiana è il nuovo approfondimento per i lettori di Odontoiatria33 curato dal prof. Esposito. Oggi si parla di impianti


Sebbene il titanio sia utilizzato con successo in implantologia dentale ormai da più di cinque decenni, vi è una crescente domanda di un’alternativa non metallica.Il materiale...

di Lara Figini


Allo stato attuale, l’utilizzo di corone singole supportate da impianto è diventato l’approccio di prima scelta per la sostituzione di un dente singolo, specialmente quando...

di Lara Figini


La carie dentale e le malattie periodontali, tra cui gengivite e parodontite, sono causate da batteri organizzati in biofilm tridimensionali adesi alle superfici dentali, ai...

di Lara Figini


Altri Articoli

Ai medici e dentisti sussidio sostitutivo e sospensioni dei contributi previdenziali. Intanto anche il Governo proroga i versamenti per i tributi


Al MidWinter di Chicago l’odontoaitria mondiale ha toccato con mano le novità del settore. Presente anche EDRA con la linea libri in inglese

di Davis Cussotto


Il coronavirus cambia qualcosa nell’atteggiamento da adottare da odontoiatra e personale dello studio? Il parere del consulente sulle procedure organizzative dello studio odontoiatrico


ANDI ricorda quanto previsto dalla 81/08 e consiglia 10 disposizioni da adottare. Il lavoratore obbligato ad informare se si manifestano i sintomi


Rimandati i congressi IAO, SIDP, il test del San Raffaele a medicina ed odontoiatria ed il Congresso in occasione dei 30 anni della Scuola di specializzazione in Ortognatodonzia di Roma 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni