HOME - Implantologia
 
 
31 Dicembre 2009

Riabilitazione implantoprotesica nelle gravi atrofie dei mascellari

di D. Delvecchio, G. Ascani, M. Messi, E. Lupi, R. Girotto, G. Cesaretti


OBIETTIVI. Fornire una breve panoramica delle possibilità chirurgiche preprotesiche utili per creare basi ossee solide, sulle quali eseguire poi una riabilitazione implantoprotesica.
MATERIALI E METODI. Gli autori presentano un caso clinico nel quale si esegue la ricostruzione del mascellare superiore con osso autologo prelevato dalla cresta iliaca, descrivendo accuratamente tutte le fasi, dallo studio del caso alla riabilitazione protesica finale.
RISULTATI. Nel caso presentato è stato possibile ottenere una riabilitazione protesica fissa a supporto implantare stabile e durevole nel tempo, come dimostrato dal controllo clinico e radiografico a cinque anni.
CONCLUSIONI. Adeguate tecniche chirurgiche, associate all’utilizzo di osso autologo, possono permettere, anche in caso di estreme atrofie dei mascellari, buoni risultati clinici a lungo termine.



Articoli correlati

Paolo BarelliRelatore della sessione dedicata a Assistenti alla Poltrona/Igienisti DentaliL'importanza della comunicazione strategica per lo studio odontoiatricoLa comunicazione è diventata la...


Obiettivi. La riabilitazione implantoprotesica nella monoedentulia mandibolare con deficit di spessore richiede un approccio rigenerativo. Tra le procedure cliniche per la risoluzione delle atrofie...


Obiettivi. Dopo l’inserimento dell’impianto si assiste di solito a un rimodellamento dell’osso crestale. Il platform switching è una tecnica che, con l’utilizzo di un abutment di diametro...


Obiettivi. Descrivere una metodica semplice, razionale ed ergonomica per la realizzazione di corone su impianti in zirconia e ceramica.Materiali e metodi. La peculiarità consiste nel realizzare in...


Altri Articoli

ENPAM indica le modalità operative per completare la domanda e le scadenze per chi non l’ha ancora presentata ma vuole farlo


Cairoli FROMCeO Lombardia Odontoiatri: prima di indicare protocolli e procedure serve avere dei dati statistico epidemiologici attraverso i quali capire quale direzione prendere.


Ancora troppo poche le certezze per indicare strumenti e procedure scientificamente validate che possano garantire la sicurezza degli operatori 


Servirà un nuovo adempimento burocratico per consentire ad ENPAM di inviare l’indennizzo statale dei 600 euro. Per quello dei 1000 euro ancora tutto fermo, ma quando arriverà sarà tassato


Corso live con il prof. Mattero Chiapasco martedì 14 aprile. L’obiettivo è di fornire tutte le informazioni necessarie per prevenire e gestire in modo efficace le complicanze


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni