HOME - Implantologia
 
 
01 Giugno 2010

Valutazione dell’efficacia di una terapia antibiotica locale nella perimplantite

di E.M. Polizzi, G. Pasini


Obiettivi: Valutare gli effetti del trattamento perimplantare non chirurgico con l’utilizzo di un antibiotico locale e compararli con un trattamento standard di levigatura non chirurgica perimplantare, valutando parametri clinici, microbiologici e radiologici, secondo un modello di studio clinico controllato e randomizzato.
Materiali e metodi: Sono stati inclusi nello studio 40 impianti con perimplantite diagnosticata mediante esame clinico e radiografico che rispettavano i criteri di inclusione ed esclusione preposti. Erano presenti infiammazione e rossore gengivale, suppurazione e/o sanguinamento al sondaggio, profondità di sondaggio patologica e riassorbimento osseo circonferenziale evidenziato con radiografia periapicale. I pazienti sono stati suddivisi in due gruppi, uno test e uno di controllo. Il protocollo prevedeva, al basale, registrazione dei parametri clinici (PD, BOP, suppurazione, indice di placca, morfologia dei tessuti molli perimplantari, radiografia, esame microbiologico; levigatura del difetto per scompaginare il biofilm, lavaggio con soluzione fisiologica e, nel gruppo test, applicazione di un antibiotico locale (Implacid) e a tre mesi registrazione dei parametri, radiografia di controllo ed esame microbiologico. Chiusura dello studio.
Risultati: I pazienti appartenenti al gruppo test, in cui è stato utilizzato un antibiotico locale in aggiunta al trattamento convenzionale non chirurgico per la cura delle perimplantiti, hanno mostrato dopo tre mesi un miglioramento della condizione dei tessuti perimplantari più marcato rispetto ai pazienti del gruppo di controllo sottoposti al solo trattamento convenzionale non chirurgico. Questa tendenza era statisticamente significativa per quanto riguarda il sanguinamento al sondaggio e la carica batterica a livello della tasca perimplantare, mentre per il PPD e la valutazione della placca batterica superficiale, sebbene dopo tre mesi il miglioramento medio fosse superiore nel gruppo test rispetto al gruppo di controllo, tale differenza non è risultata statisticamente significativa.
Conclusioni: L’impiego di un antibiotico locale nei pazienti affetti da perimplantite è una procedura clinica ampiamente riconosciuta dalla comunità scientifica. Il farmaco impiegato si è dimostrato valido e in grado di migliorare significativamente lo stato infiammatorio dei tessuti perimplantari e la carica batterica presente nel solco. Sarebbe, tuttavia, auspicabile un’ulteriore valutazione dei parametri clinici e microbiologici a sei e a 12 mesi per confermare i risultati osservati nella presente analisi preliminare.



Articoli correlati

Lo spiega a Dica33 il presidente SIdP in una video intervista che può essere condivisa con i propri pazienti per sensibilizzarli sulla necessità di mantenere in salute non solo i denti naturali ma...


Un studio pubblicato sul Journal of Periodontology di settembre 2020, ha valutato la sopravvivenza di impianti dentali in pazienti fumatori (CS) e pazienti non fumatori (NS) con diabete...

di Lara Figini


La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Molti sono i fattori che determinano il successo o il fallimento a lungo termine degli impianti dentali, e uno di questi è la contaminazione batterica.Ben poco si sa...

di Lara Figini


La gomma da masticare diventa amara in presenza di perimplantite. E' quanto emerge da una estesa ricerca paneuropea, che promette di realizzare presto un test di autodiagnosi per i pazienti portatori...


Altri Articoli

Il Consigliere ligure sostituisce l’On. Sandra Zampa che raccoglie il grazie della FNOMCeO. Nel segno della continuità la conferma di Sileri


Superato lo scoglio del percorso di studio per accedere ai corsi, ecco cosa dovrebbe cambiare dopo il passaggio in Stato Regione e la successiva approvazione in Consiglio dei Ministri


Savini (AIO): il frutto di un lavoro di condivisione tra le associazioni degli odontoiatri, delle ASO, le Regioni ed il Ministero della Salute. Tenteremo di farlo entrare in vigore entro il 24 aprile


Richiesta laurea e diploma di specialità. Le domande dovranno pervenire entro il 10 marzo


La CAO segnala, “la dimenticanza” all’ISS chiedendo di intervenire al fine di non precludere agli odontoiatri la possibilità di essere somministratori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP