HOME - Implantologia
 
 
01 Maggio 2011

Nuova tecnica per il trattamento dei siti di impianti postestrattivi immediati in zone estetiche. Caso clinico

di F. Rao Genovese


Obiettivi. Presentare i risultati clinici preliminari di un nuovo approccio chirurgico in casi di impianti postestrattivi immediati in zone estetiche.
Materiali e metodi. Una radice non recuperabile è stata estratta e un impianto NobelActive™ (Nobel Biocare, Kloten, Svizzera) è stato posizionato in posizione 14 in un caso di biotipo gengivale sottile. L’alveolo, inoltre, è stato oggetto di un’elevazione transalveolare della membrana del seno del mascellare e il gap tra l’osso facciale e la superficie dell’impianto è stata riempita con microgranuli Bio-Oss® (Geistlich Biomaterials, Wolhusen, Svizzera). Il biomateriale è stato inoltre depositato sulla superficie della spalla dell’impianto della platform switch, riempiendo la distanza tra il collo dell’abutment e la superficie interna buccale-mesiale-distale della gengiva marginale libera, del tessuto connettivale e della porzione adiacente di epitelio giunzionale. Una corona provvisoria è stata immediatamente posizionata e il livello del tessuto è stato registrato.
Risultati. Un chiaro aumento del livello delle papille è stato notato alla consegna della corona definitiva con una crescita pari a 1,5 mm mesiale e a 2 mm distale, rispetto ai valori iniziali, e non è stato riscontrato alcun tipo di recessione della gengiva marginale, che è riuscita a mantenere la sua dimensione iniziale di 10 mm. Sono state registrate la distanza tra la piattaforma dell’impianto e la porzione più apicale delle creste mesiale e distale, che hanno evidenziato l’assenza di segni di riassorbimento osseo, con misure di 4,01 e 2,09 mm, rispettivamente, per le creste mesiale e distale all’undicesimo mese di normale funzione masticatoria.
Conclusioni. In questo caso clinico l’uso del biomateriale, depositato sulla superficie della piattaforma dell’impianto a supporto dell’osso crestale e della gengiva marginale, è riuscito a prevenire la recessione dell’osso e del tessuto.



Articoli correlati

L'osteointegrazione di un impianto necessita di alcuni mesi di guarigione, come minimo, e questo periodo, che richiederebbe il non immediato inserimento dei denti, viene quasi...

di Lara Figini


ObiettiviViene proposto un caso clinico di riabilitazione implantare fissa a carico immediato con chirurgia flapless, mediante l’utilizzo di solidarizzazione implantare come supporto per...


Obiettivi. Le overdenture mandibolari supportate da 4 minimpianti rappresentano una soluzione soddisfacente per quei pazienti che non possono accedere a soluzioni fisse su impianti a causa di...


Obiettivi. Descrivere una riabilitazione implantoprotesica di una mandibola completamente edentula in paziente parkinsoniano, in anestesia locale, con tecnica “flapless” e carico protesico...


Obiettivi. Il carico immediato nel mascellare superiore è stato lungamente considerato un rischio. Gli autori analizzano i fattori che possono influenzare la prognosi degli impianti caricati...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


Di Fabio (ANDI Milano e Lodi): con la terza media è possibile fare il Ministro ma non l’Assistente di Studio Odontoiatrico


Attenzione ai messaggi ricevuti attraverso PEC, possono contenere programmi malware, a rischio anche quelli che sembrano provenire dall’Agenzia delle Entrate o dall’Ordine


L’autore del saggio di EDRA sul nuovo passaparola, commenta le inziative di CED e FNOMCeO e consiglia i dentisti su come favorire quelli positivi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi