HOME - Implantologia
 
 
01 Maggio 2011

Nuova tecnica per il trattamento dei siti di impianti postestrattivi immediati in zone estetiche. Caso clinico

di F. Rao Genovese


Obiettivi. Presentare i risultati clinici preliminari di un nuovo approccio chirurgico in casi di impianti postestrattivi immediati in zone estetiche.
Materiali e metodi. Una radice non recuperabile è stata estratta e un impianto NobelActive™ (Nobel Biocare, Kloten, Svizzera) è stato posizionato in posizione 14 in un caso di biotipo gengivale sottile. L’alveolo, inoltre, è stato oggetto di un’elevazione transalveolare della membrana del seno del mascellare e il gap tra l’osso facciale e la superficie dell’impianto è stata riempita con microgranuli Bio-Oss® (Geistlich Biomaterials, Wolhusen, Svizzera). Il biomateriale è stato inoltre depositato sulla superficie della spalla dell’impianto della platform switch, riempiendo la distanza tra il collo dell’abutment e la superficie interna buccale-mesiale-distale della gengiva marginale libera, del tessuto connettivale e della porzione adiacente di epitelio giunzionale. Una corona provvisoria è stata immediatamente posizionata e il livello del tessuto è stato registrato.
Risultati. Un chiaro aumento del livello delle papille è stato notato alla consegna della corona definitiva con una crescita pari a 1,5 mm mesiale e a 2 mm distale, rispetto ai valori iniziali, e non è stato riscontrato alcun tipo di recessione della gengiva marginale, che è riuscita a mantenere la sua dimensione iniziale di 10 mm. Sono state registrate la distanza tra la piattaforma dell’impianto e la porzione più apicale delle creste mesiale e distale, che hanno evidenziato l’assenza di segni di riassorbimento osseo, con misure di 4,01 e 2,09 mm, rispettivamente, per le creste mesiale e distale all’undicesimo mese di normale funzione masticatoria.
Conclusioni. In questo caso clinico l’uso del biomateriale, depositato sulla superficie della piattaforma dell’impianto a supporto dell’osso crestale e della gengiva marginale, è riuscito a prevenire la recessione dell’osso e del tessuto.



Articoli correlati

Caso clinico con l'utilizzo di una valida alternativa a tecniche di espansione orizzontale (GBR o Split Crest)


L'immagine è una elaborazione informatica e non rispecchia la realtà clinica

Quando si estrae un elemento dentario da sostituire con un impianto va inserito immediatamente, dopo qualche settimana o dopo qualche mese a guarigione ossea avvenuta o quasi? Le considerazioni del...

di Marco Esposito


L'osteointegrazione di un impianto necessita di alcuni mesi di guarigione, come minimo, e questo periodo, che richiederebbe il non immediato inserimento dei denti, viene quasi...

di Lara Figini


ObiettiviViene proposto un caso clinico di riabilitazione implantare fissa a carico immediato con chirurgia flapless, mediante l’utilizzo di solidarizzazione implantare come supporto per...


Obiettivi. Le overdenture mandibolari supportate da 4 minimpianti rappresentano una soluzione soddisfacente per quei pazienti che non possono accedere a soluzioni fisse su impianti a causa di...


Altri Articoli

Un Agorà del Lunedì a puntate. In questa, il prof. Gagliani parla di come la Seconda Guerra Mondiale abbia cambiato l’endodonzia e della Scuola di Odontoiatri Generici 

di Massimo Gagliani


Precisazione della FNOMCeO. Ci si potrà iscrivere all’Albo dei medici in un Ordine provinciale e a quello degli odontoiatri in un'altra provincia


Il Presidente Draghi cambia il Commissario per l’emergenza Covid e si affida ad un esperto di logistica militare


Per stimare la diffusione in Italia delle tre varianti di coronavirus attivata un'indagine rapida coordinata dall'Istituto Superiore di Sanità


La comunicazione di una cattiva notizia è un momento difficile e stressante per tutti i professionisti sanitari inclusi gli odontoiatri. Ecco i consigli su...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP