HOME - Implantologia
 
 
01 Ottobre 2011

Corone singole su impianti ottenuti per fabbricazione diretta tramite laser

di F. Mangano, C. Mangano, T. Eccellente, M. De Franco, F. Briguglio, M. Figliuzzi, M. Rapani, G. Luongo


Materiali e metodi
110 impianti (TixOs®, Leader Novaxa, Milano) (65 maxilla, 45 mandibola) sono stati inseriti in 82 pazienti (44 uomini, 38 donne; età compresa tra 26 e 67 anni) in 7 diversi centri odontoiatrici. I restauri protesici comprendevano 110 corone singole (32 anteriori, 78 posteriori). Nella seduta di controllo, fissata a 1 anno dal carico funzionale, si prendevano in considerazione numerosi parametri clinici, radiografici e protesici. Il successo implantoprotesico prevedeva assenza di dolore, di sensibilità, di suppurazione o essudazione; assenza di mobilità clinica; assenza di radiotrasparenza continua perimplantare; distanza tra la spalla dell’impianto e primo contatto osseo visibile < 1,5 mm; assenza di complicanze protesiche all’interfaccia tra moncone protesico e impianto.
Risultati
La sopravvivenza implantare era del 99,1%, con 1 impianto perduto nel periodo di osservazione (98,4% maxilla; 100,0% mandibola). La distanza media tra la spalla dell’impianto e il primo contatto osseo visibile era di 0,60 mm (± 0,32). Tra gli impianti sopravvissuti (109), 3 non soddisfacevano i criteri di successo, per un successo implantoprotesico del 97,2%.
Conclusioni
Gli impianti ottenuti per fabbricazione diretta tramite laser sembrano rappresentare una valida opzione terapeutica per il sostegno di corone singole, nella maxilla e nella mandibola. Ulteriori studi sono necessari per la valutazione a lungo termine di questi impianti



Articoli correlati

In ambito implanto-protesico talvolta, anche di fronte a impianti completamente osteointegrati, esiste il rischio di riassorbimento osseo nelle regioni perimplantari, attivato o...

di Lara Figini


In implantologia uno dei fattori chiave che influenza l’osteointegrazione finale è la stabilità primaria dell’impianto. Esiste un’evidenza scientifica che sia la quantità...

di Lara Figini


Il fallimento precoce degli impianti è comunemente attribuito a una guarigione della ferita alterata o scarsa, che impedisce l’osteointegrazione. Ulteriori fattori – come la...

di Lara Figini


La stabilità primaria implantare è stata definita come assenza di mobilità nel letto osseo dopo il posizionamento dell’impianto, determinata principalmente dalle proprietà...

di Lara Figini


I recenti progressi in implantologia hanno portato a un aumento del numero di pazienti trattati, con tassi di sopravvivenza degli interventi superiori al 95% in una popolazione...

di Lara Figini


Altri Articoli

Il prof. Gagliani si sofferma su di un lavoro che analizza un'overdenture mandibolare supportata da quattro impianti corti si è dimostrata una modalità di trattamento valida per mandibole atrofiche

di Massimo Gagliani


Ha ragione il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli quando all’Agenzia ANSA denuncia che “in una fase così delicata per il nostro Paese, con un'epidemia in corso e con una campagna...

di Norberto Maccagno


Attraverso il nuovo software OrisLab Q abbiamo simulato i nuovi adempimenti legati alla direttiva sui dispositivi medici in vigore dal 26 maggio


Il Presidente CAO Cosenza ricorre contro la proclamazione degli eletti a revisore dei conti FNOMCeO. “Una questione di principio per tutelare i diritti degli odontoiatri”          


Il Ministero della Salute emana una circolare sentito il parere del CTS. Non inficia l’efficacia della risposta immunitaria ma consente di aumentare il numero di immunizzati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri rilancia il Tavolo Tecnico: è il luogo per discutere e concordare le risposte alle problematiche