HOME - Implantologia
 
 
14 Giugno 2012

Riabilitazione implantoprotesica previa ricostruzione con calvaria e pericranio in un caso di grave atrofia mandibolare

di M. Chiapasco, E. Corsi, P. Guazzotti


Obiettivi
Obiettivo del presente lavoro è illustrare l'utilizzo del pericranio a copertura di un innesto di calvaria nella ricostruzione di una mandibola gravemente atrofica, a scopo implantare, al fine di proteggere l'innesto nelle fasi di attecchimento e di mantenere il suo volume nel tempo.

Materiali e metodi
Una paziente di 72 anni affetta da edentulia completa della mandibola, associata a grave atrofia tridimensionale, si è rivolta all'attenzione degli autori per poter risolvere il suo quadro clinico mediante una riabilitazione implantoprotesica preceduta da una ricostruzione con trapianto osseo autologo. La procedura riabilitativa ha previsto la ricostruzione mediante osso prelevato dalla teca cranica parietale e ricoperto con innesti di pericranio. Dopo 5 mesi sono stati inseriti 5 impianti osteointegrati nella regione ricostruita (mandibola anteriore interforaminale). Il mascellare superiore, che presentava elementi dentari non recuperabili a causa di una grave parodontopatia, è stato trattato mediante avulsione degli elementi dentari e l'inserimento di 6 impianti endossei. Entrambe le arcate sono state riabilitate in una seconda fase con protesi fisse su impianti.

Risultati e conclusioni
La procedura ha permesso un'adeguata riabilitazione implantoprotesica di entrambe le arcate dimostrando l'efficacia del pericranio nel prevenire deiscenze precoci o tardive, e della calvaria nel ricreare e mantenere adeguati volumi ossei dopo l'inserimento di impianti in zone ricostruite a causa di grave atrofia.



Articoli correlati

In due pazienti consenzienti e selezionati per un prelievo tradizionale di calvaria a scopo preimplantare abbiamo voluto simulare un prelievo "minore" eseguibile in anestesia locale in ambulatorio...


Seconda parte del percorso di ricerca per valutare quanto il posizionamento implantare possa essere condizionato/agevolato dalla misura della densità ossea e quale sia il modo migliore per...

di Danilo Alessio Di Stefano


Una metodica per affrontare con sicurezza e con minore invasività la chirurgia orale e implantare. Ne abbiamo parlato con il dott. Angelo Cardarelli


L'immagine è una elaborazione informatica e non rispecchia la realtà clinica

Quando si estrae un elemento dentario da sostituire con un impianto va inserito immediatamente, dopo qualche settimana o dopo qualche mese a guarigione ossea avvenuta o quasi? Le considerazioni del...


Altri Articoli

Uno studio dell'Università di Padova ha valutato la conoscenza del COVID-19, la percezione del rischio e l’attitudine al trattamento odontoiatrico nella popolazione dei dentisti italiani


ANSOC al Ministro Speranza: serve una revisione tariffaria, troppa incongruenza tra il costo di produzione delle prestazioni odontoiatriche e le rispettive tariffe corrisposte


L’obiettivo dichiarato è riaprire in sicurezza al più presto per prestare le cure necessarie ai pazienti, ristrutturare il debito finanziario, tutelare i creditori, i dipendenti e collaboratori....


Premiato il rigore scientifico, la volontà nel perseguire l’eccellenza divulgativa e l’entusiasmo che caratterizzano il lavoro di tutto il Consiglio Direttivo della SIOI


Immagine d'archivio

Il professionista proprietario dello studio lo avrebbe messo a disposizione del fino dentista, entrambi denunciati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION