HOME - Implantologia
 
 
20 Settembre 2012

Osteointegrazione, rigenerazione tissutale e peri-implantiti

di Angelo Calderini


SimionSimion
Thomas D. Taylor nel 2002 ha sentenziato che "l'implantologia osteointegrata è il singolo fattore che più drammaticamente ha cambiato la disciplina della protesi dentaria e dell'odontoiatria dall'introduzione dell'acqua fluoridrata". L'osteointegrazione implantare - secondo i dettami di Branemark - è un'acquisizione scientifica universalmente riconosciuta che ha trovato continui riscontri negli ultimi 40 anni con notevole predicibilità di successo nel medio-lungo termine.

Ciononostante, il volume osseo è considerato un fattore fondamentale per il successo implantologico, motivo per cui nell'ultimo ventennio sono state introdotte molteplici tecniche per ripristinare diametri ossei sufficienti ad accettare impianti posizionati strategicamente laddove dovranno supportare delle corone protesiche sia anatomicamente che funzionalmente adeguate. Purtroppo le tecniche di rigenerazione tissutale sono spesso operatore-dipendente, essendo legate a procedure chirurgiche non sempre completamente predicibili e comunque non alla portata di qualsiasi operatore. Una semplificazione delle stesse sarebbe notevolmente auspicabile. Le infezioni peri-implantari costituiscono la principale causa di insuccesso implanto-protesico tardivo.

A tutt'oggi non esiste un completo agreement del mondo scientifico su come affrontare questo problema che sembra acquisire sempre più importanza per una incidenza in apparente aumento e nei confronti del quale mancano delle linee guida comportamentali. A questo proposito, in mancanza di una letteratura evidence-based che possa dare degli orientamenti universalmente riconosciuti, il parere degli esperti - seppur tutto tranne che l'ideale scientifico - può essere un'opzione valida per rispondere a quesiti ancora irrisolti.



Articoli correlati

I recenti progressi in implantologia hanno portato a un aumento del numero di pazienti trattati, con tassi di sopravvivenza degli interventi superiori al 95% in una popolazione...

di Lara Figini


Correlazione tra lunghezza di fresatura e incremento della temperatura ossea crestale

di Lara Figini


L'osteointegrazione di impianti dentali si basa su un sequenziale processo di guarigione sia osseo che delle mucose e può essere rallentata o compromessa nei pazienti affetti da Lichen Planus...


ObiettiviScopo del lavoro è fare una revisione sull'adattamento della microstruttura ossea agli impianti in relazione al carico e all'uso di biomateriali.Materiali e metodiLe evidenze...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi