HOME - Implantologia
 
 
19 Settembre 2012

Microstruttura e funzione del tessuto osseo. Parte II: carico immediato e biomateriali

di T. Traini, E. Gherlone, P. Capparè


PositionPosition

Obiettivi
Scopo del lavoro è fare una revisione sull'adattamento della microstruttura ossea agli impianti in relazione al carico e all'uso di biomateriali.

Materiali e metodi
Le evidenze istologiche più significative raccolte negli ultimi 10 anni di attività di ricerca condotta sia su modello animale sia sull'uomo offrono lo spunto per una valutazione comparativa sull'architettura funzionale dell'osso. In particolare, sono valutati l'effetto del carico immediato sull'orientamento delle fibre collagene nella matrice ossea mineralizzata; il processo di osteointegrazione implantare alla presenza di biomateriali inseriti contemporaneamente agli impianti; le differenze microstrutturali fra l'osso di alcuni modelli animali usualmente impiegati nella ricerca e l'osso umano.

Risultati
L'applicazione del carico immediato consente di ottenere una migliore organizzazione della matrice ossea peri-implantare. In particolare, si ha una prevalente disposizione trasversale delle fibre collagene che, di conseguenza, determina nell'osso un incremento della resistenza ai carichi compressivi. Inoltre, se lo stimolo meccanico peri-implantare è adeguato, si ottiene anche un processo vero e proprio di corticalizzazione ossea. Il contestuale inserimento di impianti e biomateriali porta a una rigenerazione ossea prevalente intorno alle particelle di biomateriale, mentre l'osteointegrazione degli impianti è di tipo "focale". La microstruttura e i meccanismi di adattamento e rigenerazione ossea nei modelli animali più usati nella ricerca presentano marcate differenze con quelli umani.

Conclusioni
Il carico immediato, in presenza di adeguata stabilità primaria, migliora la qualità dell'osteointegrazione. Negli impianti inseriti contestualmente a biomateriali, dopo la seconda fase chirurgica, si dovrebbe applicare un carico progressivo. Nella sperimentazione in vivo su modelli animali la scelta del modello da impiegare dovrebbe essere circostanziata dagli obiettivi da testare e sottoposta a considerazioni etiche.

Leggi la prima parte del testo:
- Microstruttura e funzione del tessuto osseo. Parte I: meccanismi di adattamento



Articoli correlati

La stabilità primaria implantare è stata definita come assenza di mobilità nel letto osseo dopo il posizionamento dell’impianto, determinata principalmente dalle proprietà...

di Lara Figini


I recenti progressi in implantologia hanno portato a un aumento del numero di pazienti trattati, con tassi di sopravvivenza degli interventi superiori al 95% in una popolazione...

di Lara Figini


Correlazione tra lunghezza di fresatura e incremento della temperatura ossea crestale

di Lara Figini


L'osteointegrazione di impianti dentali si basa su un sequenziale processo di guarigione sia osseo che delle mucose e può essere rallentata o compromessa nei pazienti affetti da Lichen Planus...


Altri Articoli

Maria Costanza Meazzini guiderà ECPCA fino al 2013, durante il suo mandato l’organizzazione del Congresso internazionale a Milano. Le Congratulazione del Governatore Fontana


Il Garante della Privacy dà il via libera al MEF per inserire tra le professioni che devono inviare i dati, anche quelle iscritte ai nuovi Albi delle professioni sanitarie che fatturano al paziente


Interessante decisione della CCEPS chiamata a giudicare la sanzione ad un direttore sanitario per mancata vigilanza in tema di abusivismo e quando decorre la prescrizione del reato 


A finire nei guai tre diplomati odontotecnici, un assistente alla poltrona e un direttore sanitario. In provincia di Forlì-Cesena chiuso studio senza direttore sanitario 


Al Congresso SUMAI si è parlato anche di odontoiatri nel SSN: Magi, Ghirlanda, Fiorile pronti al dialogo con il Ministero per cercare di risolvere la questione


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi