HOME - Implantologia
 
 
01 Luglio 2015

Connessione impianto abutment, dopo quanto le manovre protesiche la "logorano"? Studio italiano ha valutato la distorsione

di Costanza Micarelli


Una delle caratteristiche fondamentali della connessione implantoprotesica è l'affidabilità meccanica, che assieme alla precisione ha un impatto decisivo sulla qualità e sulla prognosi dell'insieme restauro/impianto.
Il titanio però è un materiale suscettibile a deformazione in seguito all'attrito con altre superfici, inoltre la gran parte degli impianti in commercio sono di titanio di grado 4, mentre le componenti protesiche sono di grado 5, materiale che possiede una resistenza meccanica superiore. Quindi, oltre all'inevitabile carico funzionale, anche le manovre protesiche, con il conseguente attrito tra le componenti, possono provocare distorsioni a livello della connessione.

Questa possibilità è stata testata in un lavoro "in vitro" (Implant/abutment connection deformation after prosthetic procedures: an in vitro study , Micarelli C., Canullo L., Iannello G. Int J Prosthodont 2015;28:282-286),  sottoponendo degli impianti a connessione esagonale interna a cicli di inserimento, avvitamento e susseguente disinserimento di corrispondenti pilastri protesici.

La deformazione delle connessioni interne degli impianti è stata misurata inserendo dei pilastri test utilizzati solo per le misurazioni e comparando le scansioni dei modelli con i pilastri test al "tempo zero" e dopo 1, 2,  5, 10 e 20 cicli di inserimento e disinserimento dei pilastri di lavoro.

I modelli venivano scansionati con Scanner a luce strutturata (Echo, Sweden&Martina) e i files comparati con un algoritmo apposito, metodica già sperimentata in un precedente lavoro.
Dopo analisi statistica dei dati si è evidenziata una deformazione significativa solo dopo 20 cicli di inserimento, al di sotto di tale soglia le deformazioni, pur presenti, non risultavano statisticamente significative.

Nonostante le limitazioni insite in uno studio "in vitro" eseguito su un solo tipo di insieme impianto/pilastro il lavoro presentato suggerisce ai clinici che esiste la possibilità di danneggiare la connessione interna degli impianti con le manovre protesiche, aumentando così le possibili complicanze meccaniche a carico dell'insieme implantoprotesico.

A cura di: Costanza Micarelli, Socio Attivo AIOP

  • Modello utilizzato per il test

  • Controlli attraverso il sofware

  • Controlli attraverso il sofware

  • Controlli attraverso il sofware

  • Controlli attraverso il sofware

  • Origine del punto di rotazione e vettori forze

Articoli correlati

Edentulia dei mascellari sarà una delle sfide che l’odontoiatria italiana dovrà affrontare sia dal punto di vista della qualità di vita dei pazienti che per gli aspetti economici e...


Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


“La presenza di placca in un sito implantare determina un rischio aumentato di circa 14,3 volte di insorgenza e progressione di una perimplantite”, ad evidenziarlo è il vice presidente...


La documentazione radiografica pre e post-trattamento è ormai diventata fondamentale in implantologia sia per una corretta pianificazione che per i controlli a distanza. La radiografia...

di Lara Figini


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi