HOME - Implantologia
 
 
01 Luglio 2015

Connessione impianto abutment, dopo quanto le manovre protesiche la "logorano"? Studio italiano ha valutato la distorsione

di Costanza Micarelli


Una delle caratteristiche fondamentali della connessione implantoprotesica è l'affidabilità meccanica, che assieme alla precisione ha un impatto decisivo sulla qualità e sulla prognosi dell'insieme restauro/impianto.
Il titanio però è un materiale suscettibile a deformazione in seguito all'attrito con altre superfici, inoltre la gran parte degli impianti in commercio sono di titanio di grado 4, mentre le componenti protesiche sono di grado 5, materiale che possiede una resistenza meccanica superiore. Quindi, oltre all'inevitabile carico funzionale, anche le manovre protesiche, con il conseguente attrito tra le componenti, possono provocare distorsioni a livello della connessione.

Questa possibilità è stata testata in un lavoro "in vitro" (Implant/abutment connection deformation after prosthetic procedures: an in vitro study , Micarelli C., Canullo L., Iannello G. Int J Prosthodont 2015;28:282-286),  sottoponendo degli impianti a connessione esagonale interna a cicli di inserimento, avvitamento e susseguente disinserimento di corrispondenti pilastri protesici.

La deformazione delle connessioni interne degli impianti è stata misurata inserendo dei pilastri test utilizzati solo per le misurazioni e comparando le scansioni dei modelli con i pilastri test al "tempo zero" e dopo 1, 2,  5, 10 e 20 cicli di inserimento e disinserimento dei pilastri di lavoro.

I modelli venivano scansionati con Scanner a luce strutturata (Echo, Sweden&Martina) e i files comparati con un algoritmo apposito, metodica già sperimentata in un precedente lavoro.
Dopo analisi statistica dei dati si è evidenziata una deformazione significativa solo dopo 20 cicli di inserimento, al di sotto di tale soglia le deformazioni, pur presenti, non risultavano statisticamente significative.

Nonostante le limitazioni insite in uno studio "in vitro" eseguito su un solo tipo di insieme impianto/pilastro il lavoro presentato suggerisce ai clinici che esiste la possibilità di danneggiare la connessione interna degli impianti con le manovre protesiche, aumentando così le possibili complicanze meccaniche a carico dell'insieme implantoprotesico.

A cura di: Costanza Micarelli, Socio Attivo AIOP

  • Modello utilizzato per il test

  • Controlli attraverso il sofware

  • Controlli attraverso il sofware

  • Controlli attraverso il sofware

  • Controlli attraverso il sofware

  • Origine del punto di rotazione e vettori forze

Articoli correlati

Ne parliamo con Alberto Fonzar che dice: ‘’Io sto dalla parte dei denti’’. Ecco i consigli su quali scelte proporre al paziente considerando sia gli aspetti clinici che economici


Seconda parte del percorso di ricerca per valutare quanto il posizionamento implantare possa essere condizionato/agevolato dalla misura della densità ossea e quale sia il modo migliore per...

di Danilo Alessio Di Stefano


Una metodica per affrontare con sicurezza e con minore invasività la chirurgia orale e implantare. Ne abbiamo parlato con il dott. Angelo Cardarelli


L'immagine è una elaborazione informatica e non rispecchia la realtà clinica

Quando si estrae un elemento dentario da sostituire con un impianto va inserito immediatamente, dopo qualche settimana o dopo qualche mese a guarigione ossea avvenuta o quasi? Le considerazioni del...

di Marco Esposito


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio