HOME - Inchieste
 
 
05 Novembre 2015

Non decollano le Società tra professionisti in odontoiatria, poche quelle iscritte agli Ordini. Ecco le regole e come effettuare la registrazione


Istituite nel 2013 le Società tra Professionisti (StP) danno la possibilità ai liberi professionisti iscritti ad un ordine di aprire un'attività in comune con altre realtà professionali, o semplici imprenditori, con le finalità di una professione regolamentata.

Per l'odontoiatria le StP potrebbero interessare dei dentisti iscritti all'Albo che vogliono aprire uno studio coinvolgendo anche nella società un igienista, un odontotecnico ma anche un imprenditore che vuole solamente investire nella strutture.

Per poterle attivare il legislatore ha posto dei "paletti" ovvero che i professionisti debbano avere la maggioranza nel CdA e che le StP siano iscritte in un apposito Albo tenuto dall'Ordine di riferimento della, nel nostro caso l'Ordine dei medici e degli odontoiatri.

Secondo i dati che il CED della FNOMCeO ha fornito ad Odontoiatria33 al 16 ottobre 2015 sono solo 58 le StP registrate alle varie OMCeO provinciali ma, dicono dalla Federazione il dato potrebbe essere in difetto di qualche unità.

Questo il numero delle StP registrate ai vari Ordini provinciali: Genova (5); Palermo, Bolzano, Verona (4); Caserta, Imperia, L'Aquila, Trapani (3); Bari,Benevento, Firenze, Lucca, Pavia, Pescara, Pistoia, Salerno (2); Aosta,Belluno, Brindisi, Lodi, Matera, Modena, Novara, Pisa, Potenza, Torino, Udine, Varese, Vicenza (1).

Il non aver indicato, ancora, un regime fiscale chiaro per le StP -di fatto sono equiparate agli studi associati- non hanno reso questo tipo di società particolarmente "interessanti" rispetto ad altre forme di aggregazione.

La necessità di iscrivere la StP ad un apposito Albo tenuto dall'Ordine dei medici chirurghi ed odontoiatri, nel caso l'oggetto della società sia l'esercizio dell'odontoiatria, e di sottostare al suo controllo può essere un altro freno alla loro attivazione.

I soci professionisti hanno poi degli obblighi di trasparenza verso i propri clienti, ricorda la FNOMCeO in una guida realizzata per le varie OMCeO, "in particolare sul diritto di chiedere che l'esecuzione dell'incarico conferito alla società sia affidata ad uno o più professionisti da lui scelti; in tale ottica, al cliente verrà consegnato un elenco scritto dei singoli soci professionisti, con l'indicazione dei titoli e delle rispettive qualifiche professionali, nonché la lista dei soci finanziatori".

Inoltre, sarà obbligo di ogni StP informare il cliente sull'esistenza. di situazioni di potenziale conflitto d'interesse con la società, determinate anche dalla presenza di soci con finalità d'investimento. I soci professionisti possono partecipare ad una sola StP.

Questi i documenti necessari per iscrivere la Società tra Professionisti all'Ordine.

• Domanda rivolta al consiglio dell'Ordine o del collegio professionale nella cui circoscrizione é posta la sede legale della società

• Atto costitutivo e statuto della società in copia autentica;

• Certificato di iscrizione nel registro delle imprese;

• Certificato di iscrizione all'albo, elenco o registro dei soci professionisti che non siano iscritti presso l'ordine o il collegio cui è rivolta la domanda".

Il Consiglio dell'Ordine verifica la domanda ed ha tre mesi di tempo per accettarla ed iscriverla nell'apposito Albo o meno. Ogni Ordine ha poi fissato una quota di iscrizione che la società dovrà versare annualmente.

Articoli correlati

La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


Lo spirito dei DiDomenica è quello di portare un parere diverso sui temi che settimana dopo settimana vengono toccati. Un punto di vista volutamente differente da come la potrebbe pensare un...

di Norberto Maccagno


Ad indicarlo è la delibera del 22 maggio 2019 dell’Autorità̀ Garante della Concorrenza e del Mercato (pubblicata oggi sul bollettino dell’Autority) che segnala “le limitazioni della...


Il Consiglio Direttivo dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Milano, su proposta del presidente Roberto Carlo Rossi e del presidente CAO Andrea Senna, ha dato mandato di richiedere al...


La circolare del MiSE ha riportato all'attenzione del settore le Società tra Professionisti, istituite nel 2013 con la finalità di dare la possibilità ai liberi professionisti...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


Di Fabio (ANDI Milano e Lodi): con la terza media è possibile fare il Ministro ma non l’Assistente di Studio Odontoiatrico


Attenzione ai messaggi ricevuti attraverso PEC, possono contenere programmi malware, a rischio anche quelli che sembrano provenire dall’Agenzia delle Entrate o dall’Ordine


L’autore del saggio di EDRA sul nuovo passaparola, commenta le inziative di CED e FNOMCeO e consiglia i dentisti su come favorire quelli positivi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi