HOME - Inchieste
 
 
08 Febbraio 2016

Rallentano gli iscritti all'Albo degli odontoiatri, nel 2015 l'incremento è meno di 500 unità. L'odontoiatria si conferma una professione ''anziana''


Sono decisamente finiti i tempi in cui, da un anno all'altro, gli iscritti all'Albo degli odontoiatri aumentavano di migliaia di unità. Da alcuni anni, a causa del numero chiuso e dell'impossibilità per i medici di cambiare "vocazione", l'incremento del numero di iscritti rallenta.

Certo i 60.597 iscritti all'Albo degli odontoiatri al 31 dicembre 2015, stando ai dati forniti ad Odontoiatria33 dal CED FNOMCeO, per molti sono sempre tanti, ma piccoli segnali di una inversione di tendenza sembrano esserci.

Numero di iscritti all'Albo, ricordiamo, che non vuole dire esercenti, visto che secondo i dati ENPAM, nel 2014 (i più recenti disponibili, quelli delle Entrate sono riferiti al 2013) gli odontoiatri in attività erano 45.155.

Un incremento di 499 unità rispetto allo scorso anno (nel 2014 l'incremento degli iscritti all'Albo fu di 896 iscritti), condizionato certamente dal passaggio da 5 a 6 anni del corso di laurea in odontoiatria che di fatto ha interrotto per un anno (nel 2014 si sono laureati solo gli studenti fuori corso) l'accesso alla professione.

Analizzando più nello specifico i dati, i nuovi iscritti ai vari Albi provinciali degli odontoiatri sono stati 868 (506 maschi e 362 donne), mentre le cancellazioni 369.

Sul fronte della territorialità l'incremento maggiore si registra in Lombardia con 135 nuovi iscritti, seguita dalla Campania (95 nuovi iscritti) e dal Lazio con 88 nuove iscrizioni.

I dati forniti dalla FNOMCeO confermano come l'odontoiatria italiana sia ancora una professione matura visto che circa il 60% degli iscritti ha più di 50 anni: 12.234 gli iscritti compresi tra i 55 ed i 59 anni, 11.030 quelli con una età compresa tra i 60 ed i 64 anni mentre sono 8.179 i dentisti con una età compresa tra i 50 ed i54 anni.

Continuano invece a crescere, e questo è inevitabile, il numero degli odontoiatri "puri" a discapito dei doppi iscritti: 31.160 i primi di cui 10.723 donne.

Norberto Maccagno

Articoli correlati

La proposta: modello alla francese e primi due anni in comune con medicina e poi la scelta. Le criticità di FNOMCeO


Ancora qualche giorno per potersi iscrivere al Test a Tirana, università che garantisce un diploma universitario italiano


Sulla questione del diploma di specialità e della possibilità di collaborare o partecipare ai concorsi da dirigente medico nel SSN non potevamo non chiedere il parere dell’Università che, negli...


Dopo quella del Ministro Bussetti, anche il Ministro Giulia Grillo ha firmato il decreto che definisce i posti ai corsi di laurea in odontoiatria e protesi dentale per l’anno accademico...


Sono troppi i posti indicati dal MIRU per medicina ed odontoiatria o sufficienti a garantire il ricambio generazionale tra un decennio? Se per il presidente FNOMCeO Filippo Anelli non...


Altri Articoli

Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


Dopo l’Europa il Gruppo Editoriale EDRA sbarca negli Stati Uniti e lo fa puntando su due settori strategici come la veterinaria e l’odontoiatria


Al 38° Congresso AIOP si è approfondito il tema “dell’umanizzazione” della protesi e dei pazienti fragili. Guarda la Tavola rotonda organizzata sul tema


Dopo la presentazione del Manuale di Odontoiatria Speciale, dal suo 20° Congresso la SIOH punta alla formazione e sensibilizzazione dell’odontoiatra verso un’odontoiatria a misura dei pazienti...


Dagli USA un’analisi di come e quali applicazioni digitali interesseranno il settore odontoiatrico nel futuro, e non solo per realizzare protesi o curare denti

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi