HOME - Inchieste
 
 
08 Febbraio 2016

Rallentano gli iscritti all'Albo degli odontoiatri, nel 2015 l'incremento è meno di 500 unità. L'odontoiatria si conferma una professione ''anziana''


Sono decisamente finiti i tempi in cui, da un anno all'altro, gli iscritti all'Albo degli odontoiatri aumentavano di migliaia di unità. Da alcuni anni, a causa del numero chiuso e dell'impossibilità per i medici di cambiare "vocazione", l'incremento del numero di iscritti rallenta.

Certo i 60.597 iscritti all'Albo degli odontoiatri al 31 dicembre 2015, stando ai dati forniti ad Odontoiatria33 dal CED FNOMCeO, per molti sono sempre tanti, ma piccoli segnali di una inversione di tendenza sembrano esserci.

Numero di iscritti all'Albo, ricordiamo, che non vuole dire esercenti, visto che secondo i dati ENPAM, nel 2014 (i più recenti disponibili, quelli delle Entrate sono riferiti al 2013) gli odontoiatri in attività erano 45.155.

Un incremento di 499 unità rispetto allo scorso anno (nel 2014 l'incremento degli iscritti all'Albo fu di 896 iscritti), condizionato certamente dal passaggio da 5 a 6 anni del corso di laurea in odontoiatria che di fatto ha interrotto per un anno (nel 2014 si sono laureati solo gli studenti fuori corso) l'accesso alla professione.

Analizzando più nello specifico i dati, i nuovi iscritti ai vari Albi provinciali degli odontoiatri sono stati 868 (506 maschi e 362 donne), mentre le cancellazioni 369.

Sul fronte della territorialità l'incremento maggiore si registra in Lombardia con 135 nuovi iscritti, seguita dalla Campania (95 nuovi iscritti) e dal Lazio con 88 nuove iscrizioni.

I dati forniti dalla FNOMCeO confermano come l'odontoiatria italiana sia ancora una professione matura visto che circa il 60% degli iscritti ha più di 50 anni: 12.234 gli iscritti compresi tra i 55 ed i 59 anni, 11.030 quelli con una età compresa tra i 60 ed i 64 anni mentre sono 8.179 i dentisti con una età compresa tra i 50 ed i54 anni.

Continuano invece a crescere, e questo è inevitabile, il numero degli odontoiatri "puri" a discapito dei doppi iscritti: 31.160 i primi di cui 10.723 donne.

Norberto Maccagno

Articoli correlati

L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


Calano i posti ma aumentano le sedi dei corsi che arrivano a 31. Ecco le assegnazioni per singolo Ateneo


Confermate le anticipazioni: circa cento posti in più rispetto allo scorso anno. Aumenta anche il numero degli atenei che salgono a 37  


Nisio: serve una programmazione su almeno 5 anni che tenga conto anche delle lauree estere e si deve rivedere il numero degli atenei italiani


Iandolo: numeri che non tengono conto della reale situazione e rischiano di creare nei prossimi anni un numero importante di disoccupati


Altri Articoli

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION