HOME - Inchieste
 
 
12 Febbraio 2016

Spazzolini elettrici. Altroconsumo li ha messi a confronto: ecco i migliori secondo il test


L'associazione consumatori Altroconsumo, sul numero di dicembre 2015 della propria rivista dedicata ai test, ha messo a confronto 12 spazzolini elettrici presenti sul mercato.

Il test è stato effettuato considerando vari fattori tra cui anche la facilità d'utilizzo e la qualità dell'igiene orale ottenuta, oltre ai costi di acquisto e di gestione (compreso il consumo di energia o delle eventuali pile).

Sull'efficacia di questo strumento per l'igiene orale domiciliare sembra che non ci siano dubbi. Secondo la valutazione effettuata da un dentista che ha collaborato al test, i modelli considerati hanno in media rimosso il 70% di placca. I 12 modelli sono stati affidati a 20 persone comprese tra i 18 ed i 60 anni per valutarne la facilità d'utilizzo.

Il primo consiglio che l'associazione dei consumatori fa è quello di non pagare di più per funzioni inutili, come ad esempio il bluetooth che "non toglie meglio di altri la placca". Però, aggiungiamo noi, può dare degli strumenti in più all'utilizzatore.

Tra le funzioni utili, segnalate nel test, sicuramente il timer che avverte quando sono scaduti i due minuti necessari per effettuare uno spazzolamento efficace, meglio ancora se vengono segnalati gli intervalli di 30 secondi in modo da pulire l'altro quadrante. Giudicata positiva la possibilità di utilizzare anelli colorati alla base delle testine, così da permettere di utilizzare uno stesso apparecchio da più persone. Bene anche quelli che offrono un sensore che avvisa quando si esercita troppa pressione su denti e gengive.

Per la scelta delle spazzolino elettrico, Altroconsumo sconsiglia di non compralo a "scatola chiusa" ma, almeno, di impugnarlo per trovare quello che meglio si adatta alla grandezza delle mani. Attenzione anche alla rumorosità dovuta al movimento della testina: potrebbe risultare fastidioso nell'utilizzo.

Meglio quelli ricaricabili o a pila?

Per Altroconsumo, quelli ricaricabili hanno il vantaggio di risultare più maneggevoli ma hanno un costo più elevato. Quelli a pile sono più ingombranti, più difficili da riporre, in quanto non hanno la base ricaricabile, mentre a loro vantaggio il costo più contenuto e la facilità nel trasportarli.

Questa la classifica redatta da Altroconsumo (etichetta rossa = miglior test; etichetta gialla miglior acquisto)

Articoli correlati

L’Associazione dei consumatori critica il mancato inserimento della norma sui Fondi integrativi che avrebbe permesso agli iscritti di scegliere il dentista a cui rivolgersi


Nick Sandro Miranda: una proposta di buon senso e di giustizia che apre all’assistenza indiretta e che potrà evitare le criticità già evidenziate


Lo prevederebbe il prossimo Decreto Concorrenza, gli iscritti ai Fondi potranno scegliere il professionista da cui farsi curare. ANOMeC, premiata la battaglia di Associazioni ed Ordine


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


Oltre a quelli italiani ne hanno parlato il New York Times, Al Jazeera, siti spagnoli e degli altri Paesi europei. Sileri: sarebbe una macchietta se non fosse un odontoiatra


Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, potrebbero contribuire a migliorare la comunicazione con pazienti con problemi di udito ma non solo


Il Viminale pubblica una utile tabella per capire cosa si può fare a seconda del tipo di certificazione posseduta ed il colore della regione. Le regole per datori di lavoro e lavoratori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi