HOME - Inchieste
 
 
15 Febbraio 2016

Studi di settore: la fotografia delle Entrate. Ecco i dentisti e laboratori odontotecnici congrui o non congrui nel 2014


L'Agenzia delle Entrate, nei giorni scorsi, ha diffuso i dati degli Studi di settore 2014 di alcune attività produttive tra cui quelli degli studi odontoiatrici e dei laboratori odontotecnici.

I dentisti

La crisi, stando ai dati pubblicati, sembra aver penalizzato meno l'odontoiatria rispetto ad altre professioni, visto che rispetto agli anni precedenti i dentisti mantengono sostanzialmente il fatturato costante: 6.711.854.991 euro il totale del dichiarato nel 2013 da tutti gli studi dentistici italiani; 6.753.397.743 euro quanto dichiarato nel 2014.

In termini di numero contribuenti la crescita di partite iva come studi odontoiatrici è sempre più contenuta, nel 2012 rispetto al 2013 l'incremento era stato di 613 unità, nel 2014 rispetto al 2013 di soli 99. Si dovrà aspettare ancora qualche mese, invece, per conoscere la ripartizione tra professionisti, studi associati e società di capitale.

Sul fronte del rispetto dei parametri indicati dagli studi di settore, i dentisti che sono risultati congrui sono stati il 71,61% del totale mentre quelli non congrui il 28,39%. Dei non congrui solo il 10,77% ha deciso di adeguarsi.

Entrando ancora di più nello specifico, secondo i dati delle Entrate i dentisti risultati congrui e coerenti sono stati il 58,99%, il 12,61% sono risultati congrui ma non coerenti, il 12,12% non congrui ma coerenti, il 16,27% non congrui e non coerenti.

Cosa si intende per congruo e coerente

Le Entrate ricordano che "il contribuente è congruo se i ricavi o i compensi dichiarati sono uguali o superiori a quelli stimati dallo studio di settore, tenuto conto delle risultanze derivanti dall'applicazione degli indicatori di normalità economica. La coerenza, invece, misura il comportamento del contribuente rispetto ai valori di indicatori economici predeterminati, per ciascuna attività, dallo studio di settore".

Se il contribuente risulta congruo e coerente può stare tranquillo: non sono previsti controlli automatici per i contribuenti in questa situazione.

Se risulta non congruo e non coerente, l'accertamento è automatico.

Se si è congruo ma non coerente, per il contribuente non è possibile adeguarsi e la sua posizione finisce al vaglio dell'Agenzia delle Entrate che può decidere se effettuare un accertamento, ordinario o a tavolino, oppure soprassedere.

Se invece il contribuente non è congruo ma coerente, può decidere di adeguarsi.

I laboratori odontotecnici

A differenza degli studi odontoiatrici i laboratori odontotecnici registrano un segno meno rispetto al fatturato del 2013: 969.061.203 euro il dichiarato nel 2013 mentre nel 2014 e' stato 951.634.204 euro. Come per i dentisti il dato rappresenta il totale del fatturato di tutti i laboratori odontotecnici in attività.

Crisi che riduce il numero dei laboratori odontotecnici di 249 unità, infatti nel 2013 le partite iva erano 14.507 mentre nel 2014 sono scese a 14.258.

Sul fronte della congruità e coerenza agli studi di settore dei laboratori odontotecnici che sono risultati congrui sono stati il 57,49% dei contribuenti mentre quelli non congrui il 42,51%.

A differenza degli studi odontoiatrici, i laboratori odontotecnici hanno fatto maggiormente ricorso all'istituto dell'adeguamento: il 15% ha deciso pagare per risultare congruo.

Entrando ancora di più nello specifico, secondo i dati delle Entrate, i laboratori odontotecnici risultati congrui e coerenti sono stati il 5.417%, il 19,50% sono risultati congrui ma non coerenti, il 5,44% non congrui ma coerenti, il 37,07% non congrui e non coerenti.

Norberto Maccagno

Sull'argomento leggi anche:

2 Febbraio 2016: Studi di settore: conseguenze del mancato adeguamento e premi per i contribuenti congrui e coerenti. Quando conviene adeguarsi?

Articoli correlati

Dopo il calo registrato nel 2015 e 2016 tornano ad aumentare le partite iva degli studi odontoiatrici, anche come singoli professionisti. Il dato arriva dall’Agenzia delle Entrate che ha...


Nel 2007 erano 15.165, dieci anni dopo i laboratori censiti dallo studio di settore (anno 2017 dichiarazione 2018) sono 11.933, dati dell’Agenzia delle Entrate che confermano le difficoltà...


Tra le tante novità che il 2019 porta sui temi fiscali c’è anche il “pensionamento” degli Studi di Settore che vengono sostituiti con gli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità) e che si...


Continua a ridursi (anche se di poco) il numero di studi odontoiatrici attivi sul territorio nazionale mentre rimane stabile, il fatturato. La fotografia arriva dai dati statistici messi a...


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


Altri Articoli

Immagine di repertorio

A scoprirlo e denunciarlo il NAS di Catania ed i carabinieri di Pietraperzia. Sequestrato anche lo studio


Nessuna norma per l’odontoiatria ma vengono approvati due Ordini del Giorno, quello proposto dall’On. Nevi che impegna il Governo a prorogare la prima scadenza del DPCM sul profilo ASO e quello...


Importante celebrazione per ricordare da dove si era partiti, la strada fatta, i successi ottenuti, gli obiettivi futuri ed omaggiare il suo padre fondatore: Giulio Preti 


O33Cronaca     20 Febbraio 2020

Accordo tra Primo Group e CareDent

Nasce un Gruppo con 150 studi odontoaitrici. Accordo nato grazie alla sottoscrizione di Aksìa Group SGR, tramite il fondo Aksìa Capital V, del prestito obbligazionario convertibile emesso da...


Stretta sulle procedure per utilizzare in compensazione i crediti tributari. Ecco cosa prevede la norma e i consigli dei consulente fiscale AIO


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni