HOME - Inchieste
 
 
12 Aprile 2016

Il 45% della protesi fissa in Italia è già al digitale. La fotografia dell'odontoiatria 2.0 al convegno AIOP di Riccione


"Il 2017 sarà probabilmente l'anno del sorpasso delle protesi realizzate con strumenti digitali su quelle tradizionali". A dirlo ad Odontoaitria33 è Roberto Rosso (nella foto), presidente dell'istituto di ricerca Key-Stone, mentre ci illustra in anteprima i dati che presenterà al Digit@IOP, il Meeting dedicato all'odontoiatria digitale che si svolgerà questo fine settimana (dal 15 al 16 Aprile) a Riccione.

Una fotografia, quella realizzata da Key-Stone che parte analizzando il mercato europeo dove, a sorpresa, è la Spagna la nazione in cui gli studi dentistici propongono più che in altri paesi protesi digitali (il 45% degli studi) seguita proprio da Italia e Germania con un 35% di studi che propongono dispositivi realizzati con tecnologia digitale.

"A mio parere è alla Germania che dovremmo guardare con attenzione ed imparare", dice Rosso. "Quello è un mercato digitale evoluto, perché partito prima degli altri, che presenta una perfetta integrazione tra clinico, odontotecnico ed industria. Il 31% degli studi tedeschi ha al suo interno un laboratorio con un odontotecnico che segue la realizzazione delle protesi al digitale". I laboratori indipendenti, continua Rosso, "sono grandi strutture paragonabili ai nostri centri di fresaggio".

La fotografia del mercato italiano evidenza un dentista ancora poco digitale, pochi gli scanner intraorali come la tecnologia chairside presente in studio mentre evidenza un odontotecnico estremamente attento verso queste tecnologie, con un 60% di laboratori che indica la possibilità di offrire ai dentisti dispositivi realizzati al digitale.

"Probabilmente perché hanno capito che la loro sopravvivenza è legata alle nuove tecnologie", ipotizza il presidente Key-Stone che, però, vuole evidenziare come, oggi, il mercato dei dispositivi odontoiatri realizzati attraverso la tecnologia Cad-Cam sia essenzialmente legato alle strutture, mentre la realizzazione della parte estetica rimane una "esclusiva" dell'odontotecnico.

Dai dati che Rosso presenterà a Riccione esce, ridimensionato, il timore degli odontotecnici che vedono lo studio come possibile concorrente, solo il 3% dei dentisti realizza in studio le corone Cad-Cam e solamente il 7% pensa di farlo nei prossimi anni. Mediamente sono i laboratori meno orientati alla produzione digitale ad avere più timori. I dentisti che già utilizzano il digitatale o prescrivono dispositivi realizzati al digitale sono invece convinti che la collaborazione con l'odontotecnico migliorerà.

"L'attenzione per i laboratori deve avvenire piuttosto verso i centri di fresaggio centralizzati", dice Rosso che fa notare come dal 2011 ad oggi i volumi di protesi fissa realizzata in Italia sia sostanzialmente sempre uguale "ma è cambiato il tipo di dispositivo realizzato". E' calato il mercato delle corone con struttura in lega (passato dall'81% al 64%) mentre sono in continua crescita le prescrizioni di corone estetiche.

Le impressioni dei dentisti ed odontotecnici sul futuro sono moderatamente positive, "certo rimane la preoccupazione più dovuta al un cambiamento che sta avvenendo repentinamente che alle reali difficoltà ad avvicinarsi a questi strumenti", dice Rosso, che ricorda come dentisti e odontotecnici europei, italiani compresi, "sono convinti che le nuove tecnologie avranno un ruolo determinante però, allo stesso tempo, la protesi tradizionale avrà ancora un ruolo importante per il futuro".

Norberto Maccagno

Articoli correlati

La consegna agli studi dentistici da parte dei laboratori odontotecnici di corone e restauri indiretti con la corretta occlusione è un obiettivo chiave della buona pratica...

di Lara Figini


Lo scopo di questo studio, pubblicato su Dental Materials, era di stimare la resistenza alla fatica ciclica di premolari restaurati con due tipologie differenti di ceramiche...

di Massimo Gagliani


I restauri protesici basati su sistemi ceramici hanno acquisito sempre più importanza grazie alla loro resa estetica e biocompatibilità. Questi restauri in ceramica integrale,...

di Lara Figini


Finora le riabilitazioni protesiche dei settori posteriori (FPD) in metallo-ceramica (MC) sono state considerate il gold standard in protesi fissa, ma l’esigenza estetica ha...

di Lara Figini


I restauri dentali in ceramica integrale, quale la zirconia, hanno maggiore resistenza alla frattura rispetto a quelli in litio disilicato; tuttavia, l’assenza della fase vetrosa amorfa nella...

di Lara Figini


Altri Articoli

Roberto Fornara

Il 12 e 13 novembre – a Bologna, Palazzo della Cultura e dei Congressi – l’attività della Società Italiana di Endodonzia riparte in presenza con il Congresso Endodonzia –...


E’ il tema del Congresso Politico AIO in programma venerdì 29 ottobre a Bologna. Approfondimenti sugli aspetti legali, fiscali, etici ed assicurativi


Il riconoscimento globale dei benefici dei preparati topici contenenti fluoro, cemento vetroionomerico, fluoruro di diammina d'argento, salutato come "un enorme passo avanti per la salute orale"


La Corte Costituzionale dichiara incostituzionale il comma 4 dell’art. 15 ritenendo la norma visibilmente contraria ai principi di equità ed eguaglianza previsti dalla Costituzione. Il commento...


Acquistare dispositivi di protezione individuale e prodotti monouso in modo semplice e a prezzi concorrenziali


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio