HOME - Inchieste
 
 
12 Luglio 2016

Italia maglia nera in salute orale. Per Eurostat, gli italiani tra gli europei che rinunciano di più al dentista


Una statistica sui bisogni non soddisfatti in termini di salute è stata recentemente prodotta da Eurostat, l'Ufficio statistico dell'Unione europea. Molti dati riguardano nello specifico la salute orale, a partire dalla media complessiva dei cittadini che in Europa non si sottopongono ai controlli o alle cure odontoiatriche di cui avrebbero bisogno: circa otto su cento nel 2014.

Scorrendo i diversi Paesi si scoprono comunque differenze notevoli e le situazioni migliori si registrano in Austria, Slovenia e Malta, dove la percentuale di cittadini adulti con bisogni non soddisfatti di cure odontoiatriche è rispettivamente dello 0,9%, 1,5% e 2,5%. Anche Paesi Bassi e Lussemburgo presentano valori molto bassi (intorno al 3%); tra i Paesi più popolati la Germania (3,8%), il Regno Unito (4,5%) stanno al di sotto della media complessiva, ma non la Francia (9,3%) e l'Italia (11,6%). Peggio di noi fanno solo la Grecia (14,3%), il Portogallo (18,8%) e la Lettonia (21,2%).

Così come le cure mediche in generale, anche quelle odontoiatriche risentono delle condizioni economiche dei cittadini e la ragione principale dei mancati trattamenti sta nella difficoltà ad affrontarne i costi. Questa motivazione, da sola, spiega circa i due terzi dei controlli e dei trattamenti dentistici che non sono stati effettuati sebbene fossero opportuni. Dopo la spesa, che risulta determinante per il 5,1% dei cittadini europei, le altre motivazioni sono, nell'ordine, la classica paura del dentista e la mancanza di tempo disponibile, citati rispettivamente dallo 0,8% e della 0,5% della popolazione. Ancora meno spesso accade che si rinunci alle visite odontoiatriche a causa dei tempi d'attesa, per la distanza o per il fatto che non si conosca un bravo specialista.

Per ciò che riguarda il nostro Paese, la difficoltà di affrontare la spesa è stata indicata come ragione di bisogni odontoiatrici non soddisfatti da parte del 10% della popolazione: detto in altri termini: un italiano su dieci non si prende adeguatamente cura della propria salute orale a causa delle difficoltà economiche, dato che dovrebbe senz'altro indurre a riflessioni visto che si tratta di una percentuale pressoché doppia rispetto al resto dell'Europa.

Adelmo Calatroni

Articoli correlati

Un sito per i cittadini che aiuta i medici a rispondere ai dubbi dei pazienti con informazioni corrette e scientificamente provate. E' questo lo scopo di Dottoremaeveroche, il nuovo sito della...


La notizia che fa andare su tutte le furie il presidente CAO Giuseppe Renzo (nella foto) è quella dell'annuncio del possibile voto di fiducia al testo del Ddl Concorrenza così come...


Egr. Direttore,nei giorni scorsi sono comparsi su Odontoiatria33 due interventi di segno opposto in merito alla decisione della Consulta ENPAM della libera professione di non procedere ulteriormente...


"Ti scrivo per invitarti a sottoscrivere la petizione popolare lanciata qualche giorno fa su "change.org" da Gilberto Triestino contro la pubblicità sanitaria ingannevole". Comincia...


Altri Articoli

Sostenuto anche dalle Regioni Ordini professionali e società scientifiche per informare i cittadini. L’invito è quello di diffonderlo per migliorare l’informazione


L’obiettivo è quello di riunire le parti interessate in specifici gruppi di Paesi europei per sensibilizzare e condividere le esperienze.


Il “padre” della prima Legge sulla pubblicità sanitaria ci racconta come è nata e perché non fu applicata nella sua totalità e dice: “oggi più di ieri al paziente serve un Ordine che possa...


L’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul tema facendo distinguo soprattutto sui dispositivi proveniente da paesi extra UE. I chiarimenti del Consulente Fiscale SUSO


A scoprirlo il NAS di Trento, avrebbe assunto la direzione contemporaneamente in tre strutture e non era iscritto all’Albo provinciale dove esercitano


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni