HOME - Inchieste
 
 
05 Settembre 2016

E' sempre medicina ad interessare gli studenti italiani, solo il 7% degli iscritti al test vuole fare il dentista. Intanto le casse degli atenei ringraziano: con i test incassati più di 3 milioni di euro


Domani 6 settembre per gli aspiranti medici e dentisti è il giorno del dentro o fuori (ricorsi a parte). In oltre 62 mila si troveranno nelle sedi prescelte per rispondere in 100 minuti ai 60 quiz predisposti dal Cineca. 10.132 di loro, quelli che avranno ottenuto i migliori punteggi, potranno iscriversi a medicina o odontoiatria a seconda delle scelte fatte al momento dell'iscrizione: 908 i posti per i futuri dentisti.

Anche quest'anno il test, unico sia per gli aspiranti medici che odontoiatri, ha registrato un incremento del numero di iscritti: circa 2mila in più rispetto all'anno prima il numero complessivo dei canditati che tenteranno il test, di questi il numero di coloro che hanno indicato odontoiatria come prima scelta è cresciuto di sole 18 unità.

Stando ai dati degli iscritti ai test attraverso il sito Universitaly che il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca ha fornito ad Odontoaitria33, la stragrande maggioranza di coloro che si cimenterà domani nel test vorrebbe fare il medico visto che solo il 7,6% di loro ha indicato come prima scelta quella di odontoiatra: 4.766 il numero totale sui 62.695 canditati.

Percentuale che non si discosta da quanto accaduto anche negli anni 2015 e 2014.

Soccorrendo i dati forniti dal MIUR spetta a Roma La Sapienza il primato del maggior numero di studenti (385) che hanno indicato odontoiatria come prima scelta, seguita da Napoli Federico II (329) e Torino (299).

Diverso se consideriamo il rapporto tra numero totale di iscritti ai test e quelli che hanno indicato odontoiatria come prima scelta. Foggia è l'ateneo dove saranno presenti il numero più elevato di dentisti "convinti" (il 13,6%), segue l'Università Insubria (13,5%) e Chieti (13,3%). Gli Atenei che hanno registrato invece il minor rapporto tra candidati che vorrebbero fare i dentisti rispetto agli iscritti totali sono Perugia e Bologna( 4,6%) e Pavia (5,1%).

Come ogni anno il numero di iscritti conferma come l'istituto dei test di ammissione sia una buona fonte di introiti per gli Atenei. Complessivamente le sedi universitaria sede di test incassano circa 3 milioni di euro dalla tasse di iscrizioni (considerando il costo medio di 50 euro a candidato ma variava da Ateno ed Ateneo), circa il doppio di quanto i 34 Atenei statali sede di corso di laurea in odontoiatria incasseranno dalle tasse universitarie dei 908 studenti previsti per il primo anno (quantificando in circa 1.900 euro quanto uno studente è chiamato a pagare per frequentare una facoltà di odontoiatria statale in Italia, senza considerare le riduzioni per reddito ISEE ed eventuali borse di studio).

Nella tabella le scelte per singolo ateneo secondo i dati forniti ad Odontoaitria33 dal MIUR.

UNIVERSITA'

Prima scelta MEDICINA

Prima scelta

ODONTOIATRIA

Università Politecnica delle MARCHE

1205

78

Università di PISA

1729

117

Università degli Studi INSUBRIA Varese-Como

621

84

Università degli Studi di VERONA

1572

103

Università degli Studi di UDINE

538

Non è sede di corso di laurea

Università degli Studi di TRIESTE

759

94

Università degli Studi di TORINO

2954

299

Università degli Studi di SIENA

872

Non è sede di corso di laurea

Università degli Studi di SASSARI

772

44

Università degli Studi di SALERNO

1529

106

Università degli Studi di ROMA "Tor Vergata"

1380

177

Università degli Studi di ROMA "La Sapienza"

5457

385

Università degli Studi di PERUGIA

1012

47

Università degli Studi di PAVIA

1777

91

Università degli Studi di PARMA

993

74

Università degli Studi di PALERMO

2413

166

Università degli Studi di PADOVA

2977

210

Università degli Studi di NAPOLI "Federico II"

4076

329

Università degli Studi di MODENA e REGGIO EMILIA

894

67

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA

1719

131

Università degli Studi di MILANO

3471

278

Università degli Studi di MESSINA

1144

113

Università degli Studi di GENOVA

1220

119

Università degli Studi di FOGGIA

697

95

Università degli Studi di FIRENZE

2048

194

Università degli Studi di FERRARA

805

68

Università degli Studi di CATANIA

2720

186

Università degli Studi di CAGLIARI

1605

92

Università degli Studi di BRESCIA

1210

105

Università degli Studi di BOLOGNA

3173

146

Università degli Studi di BARI ALDO MORO

2828

194

Università degli Studi del PIEMONTE ORIENTALE "Amedeo Avogadro"-Vercelli

541

Non è sede di corso di laurea

Università degli Studi del MOLISE

478

Non è sede di corso di laurea

Università degli Studi de L'AQUILA

645

79

Università degli Studi "Magna Graecia" di CATANZARO

1645

131

Università degli Studi "G. d'Annunzio" CHIETI-PESCARA

1439

191

Seconda Università degli Studi di NAPOLI

1777

173

TOTALE ISCRITTI

62.695

4.766


Norberto Maccagno


Sull'argomento leggi anche
:

27 Luglio 2016: Ministero pubblica il decreto con la ripartizione (definitiva) dei posti ad odontoiatria per ogni singolo Ateneo. Sono 908 i posti




Articoli correlati

Ogni anno la multinazionale con il Global Clinical Case Contest premia gli studenti di tutto il mondo per i loro rimarchevoli successi nel settore dell’odontoiatria estetica. ...


Una diagnosi corretta in ambito endodontico è concepibilmente la parte più critica e richiede un’anamnesi dettagliata del paziente, un approfondito esame clinico, delle prove...

di Lara Figini


Per il prof. Gagliani per evitare che sia un inutile privilegio si deve rimodulare e calibrare l’insegnamento alle trasformazioni che il mondo del lavoro odontoiatrico sta vivendo

di Massimo Gagliani


Il Ministero ha indicato le date di svolgimento dei test d’ingresso alle facoltà con numero programmato. Ecco il quadro completo, compresi gli atenei privati


Per diagnosticare i casi Covid-19 i test antigenici rapidi di ultima generazione sono una valida alternativa al test molecolare con tampone. Le indicazioni del Ministero della Salute


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


Oltre a quelli italiani ne hanno parlato il New York Times, Al Jazeera, siti spagnoli e degli altri Paesi europei. Sileri: sarebbe una macchietta se non fosse un odontoiatra


Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, potrebbero contribuire a migliorare la comunicazione con pazienti con problemi di udito ma non solo


Il Viminale pubblica una utile tabella per capire cosa si può fare a seconda del tipo di certificazione posseduta ed il colore della regione. Le regole per datori di lavoro e lavoratori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi