HOME - Inchieste
 
 
13 Luglio 2017

A Milano negli ultimi 3 anni hanno aperto più società che studi tradizionali


Odontoiatria33 ha recentemente indicato in 5mila le società registrate alle Camere di Commercio con il codice Ateco 86.23 "attività studio odontoiatrico", ma quanti sono gli studi odontoiatrici che aprono ogni anno sia in forma societaria che individuale?

Difficile indicarlo con certezza, abbiamo provato a verificarlo nella provincia di Milano andando a ricercare quante sono state le autorizzazioni sanitarie rilasciate e quante sono state le nuove iscrizioni di società (Srl,Sas,Snc) presso la Camera di Commercio.

Realizzando l'inchiesta abbiamo anche voluto capire quante autorizzazioni vengono rilasciate ai poliambulatori ma non abbiamo potuto verificare quanti di questi offrono anche prestazioni odontoiatriche.

La provincia di Milano è stata scelta in quanto è quella con il numero più alto di odontoiatri iscritti all'Albo (3.816, di poco dietro a Roma dove però la normativa autorizzava in evoluzione non consentiva di ottenere dati certi) e con una normativa che prevede l'obbligo di autorizzazione sanitaria per tutte le nuove strutture ed anche per quelle che vengono modificate o vendute, in questo caso basta una comunicazione e un aggiornamento dell'autorizzazione esistente. Gli anni verificati sono il 2014, 2015, 2016.

Secondo i dati forniti ad Odontoaitria33 dalla ATS Città Metropolitana di Milano, nel 2014 sono state 66 le autorizzazioni sanitarie rilasciate per studio odontoiatrico monospecialistico mentre 60 per poliambulatori. Il 2015 ha visto un incremento sia delle autorizzazioni per gli studi odontoiatrici monospecialistici (74) che dei poliambulatori (71).

Autorizzazioni per gli studi odontoiatrici monoprofessionali che calano drasticamente nel 2016 a 39 unità (non sappiamo se a causa del dibattito sul Ddl Cocnorrenza e delle possibili restrizioni in tema di proprietà che avrebbero potuto essere introdotte), mentre i poliambulatori segnano un nuovo record di aperture: 84.

Ma chi ha aperto uno studio odontoiatrico, singoli dentisti o società?

Difficile dirlo senza verificare singolarmente ogni autorizzazione, cosa che non è stato possibile fare.

Abbiamo allora verificato quante, negli stessi anni, sono state le aperture di nuove società (Srl, SaS o Snc) sapendo che gli studi professionali e gli studi associati non si devono iscriversi alla Camera di commercio.

Nel 2015, nella provincia di Milano, sono state aperte 45 società, 29 nel 2016 e nei primi 3 mesi del 2017 13. In totale nella provincia di Milano al 31 marzo 2017 sono attive 653 società registrate come attività odontoiatrica. E' quindi ipotizzabile ritenere che prevalentemente a Milano e provincia si aprano più studi odontoiatrici in forma societaria che studi monoprofessionali tradizionali o studi associati.

Ma chi sceglie la forma societaria sono iscritti all'Albo oppure investitori puri? Certamente costatare che negli stessi anni i nuovi iscritti odontoiatri sono meno delle aperture fa pensare, anche se sappiamo che passano alcuni anni prima che un neo laureato decida di aprire il proprio studio, magari con altri colleghi, o rilevarne uno.

Tabella riepilogativa dei dati

Anno

Numero autorizzazioni studi odontoiatrici monospecialistici

Numero iscrizioni

Camera di Commercio

Nuovi iscritti Albo

2014

66

ND

56

2015

74

45

39

2016

39

29

58

 

Norberto Maccagno

Articoli correlati

La FNOMCeO prende atto della delibera dell’AGCM sulle quote societarie delle StP ma ritiene che l’interpretazione letterale della norma di cui all'art. 10, comma 4, lett. b), legge n....


Lo spirito dei DiDomenica è quello di portare un parere diverso sui temi che settimana dopo settimana vengono toccati. Un punto di vista volutamente differente da come la potrebbe pensare un...

di Norberto Maccagno


Le regole fissate dalla Legge di Stabilità 2012 indicano che le società tra professionisti sono connotate dall’avere almeno una maggioranza di due terzi di soci...


Ad indicarlo è la delibera del 22 maggio 2019 dell’Autorità̀ Garante della Concorrenza e del Mercato (pubblicata oggi sul bollettino dell’Autority) che segnala “le limitazioni della...


Gent.mo direttoremi permetto di scriverle un paio di considerazioni sull'suo DiDomenica dal titolo "Odontoiatria Instant Fashion, il dubbio non è sulla qualità ma sulla sostenibilità".1) Nel...


Altri Articoli

Tra i temi di stretta attualità su cui il Governo (o parte di esso) dice di voler intervenire -comunque lo annuncia- c’è quello del salario minimo. Che è di fatto la copia...

di Norberto Maccagno


Quando non si ha la possibilità di utilizzare trapano, anestesia, materiali per otturazioni, tra le tecniche ed i prodotti a disposizione per trattare la carie dei denti da latte, e non solo, in...


“Apprendo con grande stupore a mezzo stampa di una presunta querela che sarebbe stata sporta nei miei confronti da parte dell’ANDI – dichiara Marco Vecchietti, Amministratore Delegato e...


La Regione Toscana, con la Legge regionale n° 50, ha modificato la L.R. 5 agosto 2009 n°51 "Norme in materia di qualità e sicurezza delle strutture sanitarie: procedure e requisiti autorizzativi...


Avevano permesso ad un non laureato ed abilitato di curare i loro pazienti e per questo il giudice di Lucca ha condannato tre iscritti all’Albo per concorso in esercizio abusivo della...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi