HOME - Inchieste
 
 
13 Luglio 2017

A Milano negli ultimi 3 anni hanno aperto più società che studi tradizionali


Odontoiatria33 ha recentemente indicato in 5mila le società registrate alle Camere di Commercio con il codice Ateco 86.23 "attività studio odontoiatrico", ma quanti sono gli studi odontoiatrici che aprono ogni anno sia in forma societaria che individuale?

Difficile indicarlo con certezza, abbiamo provato a verificarlo nella provincia di Milano andando a ricercare quante sono state le autorizzazioni sanitarie rilasciate e quante sono state le nuove iscrizioni di società (Srl,Sas,Snc) presso la Camera di Commercio.

Realizzando l'inchiesta abbiamo anche voluto capire quante autorizzazioni vengono rilasciate ai poliambulatori ma non abbiamo potuto verificare quanti di questi offrono anche prestazioni odontoiatriche.

La provincia di Milano è stata scelta in quanto è quella con il numero più alto di odontoiatri iscritti all'Albo (3.816, di poco dietro a Roma dove però la normativa autorizzava in evoluzione non consentiva di ottenere dati certi) e con una normativa che prevede l'obbligo di autorizzazione sanitaria per tutte le nuove strutture ed anche per quelle che vengono modificate o vendute, in questo caso basta una comunicazione e un aggiornamento dell'autorizzazione esistente. Gli anni verificati sono il 2014, 2015, 2016.

Secondo i dati forniti ad Odontoaitria33 dalla ATS Città Metropolitana di Milano, nel 2014 sono state 66 le autorizzazioni sanitarie rilasciate per studio odontoiatrico monospecialistico mentre 60 per poliambulatori. Il 2015 ha visto un incremento sia delle autorizzazioni per gli studi odontoiatrici monospecialistici (74) che dei poliambulatori (71).

Autorizzazioni per gli studi odontoiatrici monoprofessionali che calano drasticamente nel 2016 a 39 unità (non sappiamo se a causa del dibattito sul Ddl Cocnorrenza e delle possibili restrizioni in tema di proprietà che avrebbero potuto essere introdotte), mentre i poliambulatori segnano un nuovo record di aperture: 84.

Ma chi ha aperto uno studio odontoiatrico, singoli dentisti o società?

Difficile dirlo senza verificare singolarmente ogni autorizzazione, cosa che non è stato possibile fare.

Abbiamo allora verificato quante, negli stessi anni, sono state le aperture di nuove società (Srl, SaS o Snc) sapendo che gli studi professionali e gli studi associati non si devono iscriversi alla Camera di commercio.

Nel 2015, nella provincia di Milano, sono state aperte 45 società, 29 nel 2016 e nei primi 3 mesi del 2017 13. In totale nella provincia di Milano al 31 marzo 2017 sono attive 653 società registrate come attività odontoiatrica. E' quindi ipotizzabile ritenere che prevalentemente a Milano e provincia si aprano più studi odontoiatrici in forma societaria che studi monoprofessionali tradizionali o studi associati.

Ma chi sceglie la forma societaria sono iscritti all'Albo oppure investitori puri? Certamente costatare che negli stessi anni i nuovi iscritti odontoiatri sono meno delle aperture fa pensare, anche se sappiamo che passano alcuni anni prima che un neo laureato decida di aprire il proprio studio, magari con altri colleghi, o rilevarne uno.

Tabella riepilogativa dei dati

Anno

Numero autorizzazioni studi odontoiatrici monospecialistici

Numero iscrizioni

Camera di Commercio

Nuovi iscritti Albo

2014

66

ND

56

2015

74

45

39

2016

39

29

58

 

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Le criticità sul capitale in odontoiatria e i consigli per i pazienti che vogliono ottenere la sospensione dei finanziamenti attivati tra i temi toccati. A Catanzaro progetto pilota di informazione...


Lo ha stabilito il Tribunale di Milano. Per i pazienti lasciati con le cure a metà la situazione si complica ancora. Le indicazioni di Federconsumatori


I liberi professionisti devono indicare il reddito annuo conseguito nel 2019. Le Società devono versare lo 0,5% del fatturato, oltre 4milioni di euro quanto versato lo scorso anno


Aprire un dialogo con Istituzioni di settore e non, per definire un modello di odontoiatria che possa realmente tutelare il paziente tra gli obiettivi della nuova presidenza


Per l’Associazione degli studi convenzionati sono altre le misure da attivare per tutelare il paziente, queste quelle proposte


Altri Articoli

E’ oramai chiaro che il Governo in tema di sostengo alle imprese si ispira alla Ruota della fortuna e sperare in una programmazione o in un progetto di rilancio economico...

di Norberto Maccagno


L’obiettivo, anche in periodo di pandemia, garantire che i futuri dentisti siano preparati a curare le persone. Lo Muzio (CPCLOPD): gli atenei italiani stanno con mille difficoltà lavorando in tal...


Iandolo (CAO): “Coinvolgere gli odontoiatri nella campagna, e vaccinarli per primi, insieme al personale di studio”. Chiesta anche la proroga dell’esenzione IVA sui DPI


Secondo una nuova guida emessa dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) degli Stati Uniti, le mascherine facciali possono proteggere chi le indossa e gli altri dall'infezione da...


Domani 28 novembre Evento online organizzato da Cooperazione odontoiatrica Internazionale Onlus e la sezione di Medicina Legale dell’Università di Torino


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali