HOME - Inchieste
 
 
13 Luglio 2017

A Milano negli ultimi 3 anni hanno aperto più società che studi tradizionali


Odontoiatria33 ha recentemente indicato in 5mila le società registrate alle Camere di Commercio con il codice Ateco 86.23 "attività studio odontoiatrico", ma quanti sono gli studi odontoiatrici che aprono ogni anno sia in forma societaria che individuale?

Difficile indicarlo con certezza, abbiamo provato a verificarlo nella provincia di Milano andando a ricercare quante sono state le autorizzazioni sanitarie rilasciate e quante sono state le nuove iscrizioni di società (Srl,Sas,Snc) presso la Camera di Commercio.

Realizzando l'inchiesta abbiamo anche voluto capire quante autorizzazioni vengono rilasciate ai poliambulatori ma non abbiamo potuto verificare quanti di questi offrono anche prestazioni odontoiatriche.

La provincia di Milano è stata scelta in quanto è quella con il numero più alto di odontoiatri iscritti all'Albo (3.816, di poco dietro a Roma dove però la normativa autorizzava in evoluzione non consentiva di ottenere dati certi) e con una normativa che prevede l'obbligo di autorizzazione sanitaria per tutte le nuove strutture ed anche per quelle che vengono modificate o vendute, in questo caso basta una comunicazione e un aggiornamento dell'autorizzazione esistente. Gli anni verificati sono il 2014, 2015, 2016.

Secondo i dati forniti ad Odontoaitria33 dalla ATS Città Metropolitana di Milano, nel 2014 sono state 66 le autorizzazioni sanitarie rilasciate per studio odontoiatrico monospecialistico mentre 60 per poliambulatori. Il 2015 ha visto un incremento sia delle autorizzazioni per gli studi odontoiatrici monospecialistici (74) che dei poliambulatori (71).

Autorizzazioni per gli studi odontoiatrici monoprofessionali che calano drasticamente nel 2016 a 39 unità (non sappiamo se a causa del dibattito sul Ddl Cocnorrenza e delle possibili restrizioni in tema di proprietà che avrebbero potuto essere introdotte), mentre i poliambulatori segnano un nuovo record di aperture: 84.

Ma chi ha aperto uno studio odontoiatrico, singoli dentisti o società?

Difficile dirlo senza verificare singolarmente ogni autorizzazione, cosa che non è stato possibile fare.

Abbiamo allora verificato quante, negli stessi anni, sono state le aperture di nuove società (Srl, SaS o Snc) sapendo che gli studi professionali e gli studi associati non si devono iscriversi alla Camera di commercio.

Nel 2015, nella provincia di Milano, sono state aperte 45 società, 29 nel 2016 e nei primi 3 mesi del 2017 13. In totale nella provincia di Milano al 31 marzo 2017 sono attive 653 società registrate come attività odontoiatrica. E' quindi ipotizzabile ritenere che prevalentemente a Milano e provincia si aprano più studi odontoiatrici in forma societaria che studi monoprofessionali tradizionali o studi associati.

Ma chi sceglie la forma societaria sono iscritti all'Albo oppure investitori puri? Certamente costatare che negli stessi anni i nuovi iscritti odontoiatri sono meno delle aperture fa pensare, anche se sappiamo che passano alcuni anni prima che un neo laureato decida di aprire il proprio studio, magari con altri colleghi, o rilevarne uno.

Tabella riepilogativa dei dati

Anno

Numero autorizzazioni studi odontoiatrici monospecialistici

Numero iscrizioni

Camera di Commercio

Nuovi iscritti Albo

2014

66

ND

56

2015

74

45

39

2016

39

29

58

 

Norberto Maccagno

Articoli correlati

Anche i Gruppi associati ad ANCOD sono alle prese con la riorganizzazione per attivare le nuove procedure, ecco come la stanno gestendo. Cohen: nessun rischio di chiusura per i Gruppi...


Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Malagnino: "un giusto principio che va a compensare, in parte, quanto sottratto alla professione. Ora lavoreremo per sollecitare i controlli verso chi non ha versato"  


Quella della presentazione dell’emendamento del Senatore Giovanni Endrizzi che, se approvato, consentirà l’esercizio della professione odontoiatrica in forma societaria solo alle StP, è di...

di Norberto Maccagno


Secondo l’Associazione Nazionale dei Centri Odontoiatrici sarebbero a rischio 17mila posti di lavoro. Confermate le iniziative verso AGCM e CE 


Altri Articoli

Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni