HOME - Inchieste
 
 
20 Ottobre 2017

Negli USA, ed in Italia, le difficoltà di acceso alle cure sono a causa dei costi. Oltre Oceano importante è anche la variabile assicurazione


Tutto il mondo è paese potremmo dire dopo aver analizzato i dati divulgati dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) riferiti al 2015-2016 e diffusi in questi gironi. Ricerca condotta dal CDC Center for Health Statistics con l'obiettivo di fornire dati nazionali sullo stato di salute dei bambini e degli adulti negli Stati Uniti.

Secondo i dati dell'indagine, il 16% delle persone che avevano bisogno di una visita odontoiatrica nel 2015-2016 non hanno potuto accedervi. Il motivo principale è il costo della prestazione seguito da un'assicurazione che non copre le prestazioni di cui aveva necessità e la difficoltà di trovare un dentista "comodo" e con orari adeguati alla necessità dell'utente.

I dati hanno anche evidenziato che la maggior parte dei residenti negli Stati Uniti effettuano una visita odontoiatrica almeno una volta all'anno (61% ha dichiarato questo), di questi il 47% ha fatto visita al proprio dentista ogni sei mesi, mentre il 31% ha effettuato l'ultima visita tra uno e cinque anni. Circa il 7% dei bambini e degli adulti intervistati non aveva mai visitato effettuato una visita dal dentista.

Dati sovrapponibili a quelli italiani presentati dal Servizio Studi ANDI durante il Convegno sui fondi integrativi. Secondo quanto illustrato dal Coordinatore del Servizio Studi ANDI Roberto Callioni a rinunciare alle cure odontoiatriche negli ultimi 12 mesi sono stati in media il 12% degli occupati con punte che superano il 15%. Tra le motivazioni della rinuncia sicuramente fattori oggettivi ed una ancora scarsa cultura verso la prevenzione ma il dato che indica nell'87% degli italiani che rinunciano alle cure odontoiatriche per motivi economici evidenza chiaramente la natura del problema. Percentuale di rinuncia alle cure che sfiora il 20% tra i cittadini appartenenti alle fasce socialmente più deboli.

Sul fronte accessi secondo una recente indagine condotta attraverso i lettori del sito Dica33, i cui dati sono sovrapponibili ad altre attivate sul tema, il 64% dei pazienti intervistati ha detto di essere andati dal dentista negli ultimi 6 mesi, il 18% nell'ultimo anno, il 6% entro due anni mentre ad essere andato dal dentista da oltre 2 anni è stato il 10%.

Nor. Mac.

Altri Articoli

Con le prime 600 lettere alle società odontoiatriche censite nelle Marche in Emilia Romagna e Toscana è cominciata la campagna informativa dell’ENPAM in vista della scadenza per versare lo...


Da qualche giorno i circa 150 mila napoletani che prendono giornalmente la metropolitana, e quelli che utilizzano la Circumvesuviana (oltre 25 milioni in un anno), attraverso i monitor posizionati...


Nonostante il locale adibito a studio odontoiatrico, all’interno di uno stabile ad uso abitativo sull’isola di Ischia, non fosse decisamente spazioso (10 metri quadrati), il finto dentista era...


Dei camici, o meglio, sull'abbigliamento che devono avere gli odontoiatri e loro collaboratori e/o, più in generale, coloro che esercitano una professione sanitaria, si parla molto poco, per non...


“L'Agenzia delle Entrate ha recentemente pubblicato l'elenco dei debitori che devono più di un milione di euro al fisco spagnolo e tra loro ci sono società proprietarie di cliniche...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi