HOME - Inchieste
 
 
20 Ottobre 2017

Negli USA, ed in Italia, le difficoltà di acceso alle cure sono a causa dei costi. Oltre Oceano importante è anche la variabile assicurazione


Tutto il mondo è paese potremmo dire dopo aver analizzato i dati divulgati dal National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) riferiti al 2015-2016 e diffusi in questi gironi. Ricerca condotta dal CDC Center for Health Statistics con l'obiettivo di fornire dati nazionali sullo stato di salute dei bambini e degli adulti negli Stati Uniti.

Secondo i dati dell'indagine, il 16% delle persone che avevano bisogno di una visita odontoiatrica nel 2015-2016 non hanno potuto accedervi. Il motivo principale è il costo della prestazione seguito da un'assicurazione che non copre le prestazioni di cui aveva necessità e la difficoltà di trovare un dentista "comodo" e con orari adeguati alla necessità dell'utente.

I dati hanno anche evidenziato che la maggior parte dei residenti negli Stati Uniti effettuano una visita odontoiatrica almeno una volta all'anno (61% ha dichiarato questo), di questi il 47% ha fatto visita al proprio dentista ogni sei mesi, mentre il 31% ha effettuato l'ultima visita tra uno e cinque anni. Circa il 7% dei bambini e degli adulti intervistati non aveva mai visitato effettuato una visita dal dentista.

Dati sovrapponibili a quelli italiani presentati dal Servizio Studi ANDI durante il Convegno sui fondi integrativi. Secondo quanto illustrato dal Coordinatore del Servizio Studi ANDI Roberto Callioni a rinunciare alle cure odontoiatriche negli ultimi 12 mesi sono stati in media il 12% degli occupati con punte che superano il 15%. Tra le motivazioni della rinuncia sicuramente fattori oggettivi ed una ancora scarsa cultura verso la prevenzione ma il dato che indica nell'87% degli italiani che rinunciano alle cure odontoiatriche per motivi economici evidenza chiaramente la natura del problema. Percentuale di rinuncia alle cure che sfiora il 20% tra i cittadini appartenenti alle fasce socialmente più deboli.

Sul fronte accessi secondo una recente indagine condotta attraverso i lettori del sito Dica33, i cui dati sono sovrapponibili ad altre attivate sul tema, il 64% dei pazienti intervistati ha detto di essere andati dal dentista negli ultimi 6 mesi, il 18% nell'ultimo anno, il 6% entro due anni mentre ad essere andato dal dentista da oltre 2 anni è stato il 10%.

Nor. Mac.

Altri Articoli

Rimandati i congressi IAO, SIDP, il test del San Raffaele a medicina ed odontoiatria ed il Congresso in occasione dei 30 anni della Scuola di specializzazione in Ortognatodonzia di Roma 


Lei era titolare della società intestataria dello studio e lui curava i pazienti ma non aveva la laurea, scoperti a Paestum


I consigli di Franco Merli sui documenti da conservare, quelli da dare al paziente e come inviare i dati al Sistema Tessera Sanitaria


Ministero ed ISS aggiornato il decalogo sui comportamenti da seguire ed invitano la popolazione a non recarsi al pronto soccorso ma rivolgersi al medico di base o al 112. La situazione del...


Elaborato sulla base delle linee guida del Centers for Disease Control and Prevention (CDC): obiettivo limitare la trasmissione di sospette malattie respiratorie nello studio odontoiatrico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni