HOME - Inchieste
 
 
18 Dicembre 2017

Per la CAO sono 15 mila i falsi dentisti: Renzo, controlli e multe non fanno paura. Questi i dati dei NAS


Benvenuti ad "Abusivopoli", paesotto da incubo dei falsi dentisti con ben 15 mila abitanti, almeno secondo al CAO Nazionale. Senza temere controlli e sanzioni, i finti dentisti ed i prestanome lucrano sulla salute di chi si affida alle loro cure, con buona pace dei professionisti abilitati e delle casse dello Stato, che dai loro guadagni non ricavano un euro.

Nel 2013, nel Libro bianco sull'esercizio abusivo della professione, la Commissione Albo Odontoiatri ha cercato di quantificare insieme ai ricercatori dell'Eures l'entità di questa piaga. In Italia ci sarebbero tra i 10 mila e i 15 mila abusivi, concentrati soprattutto al Nord (51%), in particolare in Lombardia, Piemonte e Veneto, seguite da Campania, Sicilia, Emilia Romagna e Lazio. Il loro giro di affari illeciti vale 720 milioni di euro.

Naturalmente è un iceberg per la gran parte sommerso e quindi dai tratti inevitabilmente sfocati, restituiti solo da stime. C'è però una punta che svetta ben chiara agli occhi di tutti, portata alla luce dai controlli dei Nuclei Antisofisticazioni e Sanità di Carabinieri, i cui numeri sono stati resi noti ieri dalla CAO in occasione del lancio di DentistInApp, la app "acchiappa abusivi".

Dall'inizio del 2015 alla fine di novembre 2017, i Nas (vedi tabelle) hanno effettuato circa 1.700 controlli nel settore odontoiatrico, che in oltre 600 casi hanno evidenziato situazioni non conformi. Quasi 500 sedicenti dentisti sono stati segnalate all'autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione, con sequestri di strutture e materiali per quasi 90 milioni di euro. Le sanzioni comminate? Poco più di 600 mila euro, appena lo 0,7% sul valore dei sequestri.

ATTIVITA' OPERATIVA DEI N.A.S. NELL'AMBITO DEL SETTORE ODONTOIATRICO
NEL PERIODO GENNAIO - NOVEMBRE 2017

Anno

Controlli

Non Conformi

Persone

Sanzioni

Valore sanzioni amministrative in €

Valore sequestri in €

Segnalate A.A.

Segnalate A.G.

Segnalate A.G. per art. 348 c.p.

Penali

Amministrative

Gen.- nov. 2017

521

182

62

175

149

336

89

154.900,00

19.161.200,00

Periodo

Nr. strutture chiuse/sequestrate :

Valore in

Gen. - nov. 2017

51

17.970.700


ATTIVITA' OPERATIVA DEI N.A.S. NELL'AMBITO DEL SETTORE ODONTOIATRICO
NEL BIENNIO 2015-2016

Anno

Controlli

Non Conformi

Persone

Sanzioni

Valore sanzioni amministrative in €

Valore sequestri in €

Segnalate A.A.

Segnalate A.G.

Segnalate A.G. per art. 348 c.p.

Penali

Amministrative

2015*

885

235

61

285

175

494

83

239.200,00

40.192.300,00

2016

633

199

50

223

164

378

65

216320,00

29.400.900,00

Totale

1.518

434

111

498

339

872

148

455.520,00

69.593.200,00

Anno

Nr. strutture chiuse/sequestrate :

Valore in

2015

66

37.620.600,00

2016

57

26.168.050,00

Tot.

123

63.788.650,00

*Per l'anno 2015 è compresa anche l'attività del Rep. Op. che ha segnalato 10 persone all'A.G. e sequestrato 6 strutture per un totale di € 15.000.000,00. Fonte: CAO/NAS



"Sono dati devastanti, alle nostre stime aggiungiamo adesso le evidenze dei Nas" dice a Odontoiatria33 il presidente del CAO nazionale Giuseppe Renzo. "Non vogliamo creare allarmismi, ma bisogna cogliere la gravità del problema: cosa significano questi numeri in termini di salute e sicurezza, con il rischio di danni irreversibili per i pazienti? C'è poi l'aspetto dell'evasione fiscale, che noi quantifichiamo in 100 milioni di euro l'anno, sulla quale dovrebbe porre attenzione il ministero delle Finanze".

I sequestri da 90 milioni di euro in tre anni possono dare un'idea della capacità di spesa degli abusivi, a fronte di sanzioni che, rispetto a quella cifra, quasi scompaiono. L'investimento in strutture e strumentazioni è talmente elevato perché il ritorno economico è ancora più alto, mentre il rischio di incorrere in denuncia e sanzione è evidentemente trascurabile. L'articolo 348 del Codice Penale pare un misero spauracchio: "Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da euro 103 a euro 516".

"Non ho memoria di abusivi arrestati" taglia corto il presidente della CAO. "Se la cavano tutti con la multa, dieci volte più bassa di quella inflitta a chi vende senza licenza palloncini in una fiera. Un confronto che fa vergognare. Sono decenni che chiediamo di cambiare l'articolo 348 e abbiamo già fornito al Parlamento le nostre stime e gli altri dati. Ora che forse la riforma sta arrivando, abbiamo il dovere di sostenere questo cambiamento".

Elvio Pasca

Articoli correlati

La minuziosa attività investigativa dei Nas, così viene definita in una nota l'indagine che ha portato a segnare all'Autorità Giudiziaria due persone per esercizio abusivo della...


Ad uno studio medico-dentistico della provincia di Forlì-Cesena è stata sospesa l'autorizzaizone sanitaria in quanto privo di direttore sanitario. A darne notizia i Nas di Bolgona che...


I Carabinieri del NAS di Alessandria, a conclusione di accertamenti di polizia giudiziaria, hanno individuato un articolato sistema illecito gravitante intorno ad una farmacia ed uno studio...


Di sera uno faceva il buttafuori in alcuni locali di Caserta l'atro il vigilantes mentre di giorno curavano i denti di ignari, così racconta la stampa locale, pazienti.A scoprirli la Guardia...


La Guardia di Finanza di Vercelli ha denunciato due finti dentisti con l'accusa di esercizio abusivo della professione odontoiatrica, lesioni e somministrazione di medicinali scaduti. A fare scattare...


Altri Articoli

I principali interventi del piano strategico FDI per i prossimi anni, ma la priorità è sensibilizzare gli Stati sulla promozione della salute orale


Per l’Agenzia delle Entrate la causa ostativa non potrà trovare applicazione se i due rapporti di lavoro persistono senza modifiche sostanziali per l’intero periodo di sorveglianza


Il problema è per gli studi al piano strada. La provocazione di Migliano: “se non venite voi a prenderli, ve li portiamo noi”


I centri dentistici DentalPro collaboreranno con la rete degli Empori Solidali delle Caritas diocesane per offrire cure gratis a determinati pazienti


Operazione del NAS che oltre allo studio dentistico porta la chiusura di una casa di cura senza autorizzazione e di un laboratorio di analisi dove i prelievi venivano fatti da un impiegato


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi