HOME - Inchieste
 
 
04 Giugno 2018

La fotografia degli studi odontoiatrici italiani secondo l’Agenzia delle Entrate

Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare

Norberto Maccagno

Non si aprono più studi monoprofesisonali, le società di professionisti e di capitale hanno conquistato oltre il 33% del fatturato dell’odontoiatria italiana che continua a crescere il “minimo sindacale”. Può essere questa la sintesi dei dati diffusi dall’Agenzia delle Entrate riferiti agli studi di settore 2017 (rediti 2016) degli studi odontoiatrici italiani. 

Si aprono società, si chiudono studi monoprofessionali 

Sul fronte esercenti continua la decrescita del numero di studi in attività iniziata qualche anno fa. In totale gli studi odontoiatrici attiv ial 31 dicembre 2016 (indifferentemente dal modello di esercizio scelto) sono 43.782, lo scorso anno erano 43.991.  

A chiudere, o meglio a non aprire, sono principalmente gli studi monoprofessionali e le partite iva singole che dai dati appena pubblicati, nel 2016 erano 36.307 mentre l’anno precedente (2015) 36.671; numero paragonabile a quello degli esercenti censiti nel 2012. Rispetto a dieci anni prima (2006) le partite iva singole sono cresciute di sole 2.106 unità. 

Stabili gli studi associati che rispetto all’anno precedente hanno riscontrato una decrescita di 7 unità, i dati riferiti al 2016 indicano in 5.156 gli studi associati attivi. A tenere, incrementando il numero di attività aperte, sono le società di capitale che crescono di 162 unità toccando quota 2.319. Dal 2006, il numero di studi odontoiatrici organizzati in società di capitale è cresciuto del 39%. 

Reddito e fatturato 

Il fatturato degli studi odontoiatrici in 10 anni è cresciuto del 21%, i dati delle Entrate del 2016 indicano un fatturato medio di 161.200 euro mentre il reddito medio è di 52.500 euro.  

Una crescita constante che negli ultimi 10 anni a visto il reddito netto medio dei dentisti italiani incrementare di circa mille euro ogni anno, fatta eccezione nel 2009 quando il redito medio dichiarato, rispetto al 2008, scese di 800 euro. 

In totale il settore fattura oltre 7 miliari di euro. Il 67,6% del fatturato è prodotto dalle partite iva e dagli studi monoprofessionali (131.500 euro il fatturato medio), che però negli ultimi 5 anni hanno perso ogni anno circa un punto percentuale di fatturato, visto che nel 2011 questi studi raccoglievano il 72,4% del fatturato totale prodotto da tutte le tipologie di studi. 

Gli studi associati raccolgono invece il 17,9% (245.700 euro), mentre le società di capitale producono il 14,4% del fatturato complessivo del settore (438mila euro il fatturato medio).  

Sul fronte reddito netto, questi i dati forniti dalle Entrate: singoli contribuenti 51.700 euro (lo scorso anno era 50.400 euro); studi associati 71.900 euro (70.800 euro nel 2015); società di capitale 21.700 euro (lo scorso anno era 26mila euro).

Articoli correlati

Confermata l’esclusione per gli studi associati che, ora, dovranno restituire quanto ricevuto, ma senza subire sanzioni


Sulla questione bonus sanificazione perché stupirsi?Fin dal primo DCPM che il Governo ha annunciato, prima ancora di vararlo, sottolineo come la linea d’intervento governativa seguita è...

di Norberto Maccagno


L’Agenzia delle Entrate indica come comportarsi se il paziente utilizza App che sostituiscono nel pagamento il Pos o la carta di credito


Una Circolare dell'Agenzia delle Entrate esclude anche gli studi associati dalla possibilità di richiederlo. Rimane utilizzabile solo per gli studi odontoiatrici organizzati come società


Pubblicato finalmente il modulo per presentare la richiesta per il credito, ma ci sono limiti e tetti di spesa. I consulenti fiscali AIO ci spiegano quando e come richiederlo


Altri Articoli

La domanda lanciata nell’Agorà del Lunedì di oggi è: ci sono denti rotti da riparare più del solito? Ma prima di rispondere dovete leggere le considerazioni del prof. Gagliani


Giovedì primo ottobre partirà il quarantesimo Mese della Prevenzione dentale. Ne parleremo dettagliatamente la prossima settimana, giovedì Mentadent ed ANDI hanno organizzato una conferenza...

di Norberto Maccagno


Per l’Associazione sarebbe chiara la violazione delle norme sulla concorrenza da parte delle società che gestiscono il welfare aziendale che offre servizi odontoiatrici


Dalla Giornata Mondiale dei Farmacisti un messaggio verso una maggiore collaborazione. SIdP conferma: fondamentale nella gestione dei farmaci e degli ausili per la salute orale prescritti dallo...


L’obiettivo: individuare le soluzioni e far funzionare al meglio l’odontoiatria italiana, rendendo un migliore servizio per tutti i cittadini e i professionisti coinvolti


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio