HOME - Inchieste
 
 
04 Giugno 2018

Gli studi di settore confermano la crisi della protesica, meno del laboratorio odontotecnico

Cala il fatturato del settore ma cala il numero dei laboratori ed il bilancio del singolo è positivo

Nor Mac.

La crisi dei laboratori odontotecnici, o della protesica, non sembra avere una fine ed i dati dell’Agenzia delle Entrate dei redditi dichiarati nel 2017 (esercizio 2016) confermano difficoltà di fatturato che si ripercuote anche sulla chiusura di attività. Rispetto al 2015 gli odontotecnici italiani lasciano sul campo più di due milioni di euro di fatturato e vedono chiudere 831 aziende. 

In 10 anni hanno chiuso il 22% dei laboratori in attività, nel 2006 erano 14.948 (l’anno successivo toccarono quota 15.165), gli ultimi dati delle Entrate al 31 dicembre 2016 rilevano 12.237 laboratori.La maggior parte di loro sono attività singole (8.536 unità, nel 2015 erano 9.314), 3.308 società di presone (nel 2015 erano 3.374) mentre le società di capitale nel 2016 erano 393 (380 nell’anno precedente).

Sul fronte del fatturato la riduzione del numero dei laboratori ha permesso di vedere un segno positivo nella crescita del fatturato, nonostante in termini assoluti sia calato rispetto allo scorso anno: come dire, la torta si è ridotta ma anche il numero di commensali è diminuito e quindi le porzioni sono risultate più abbondanti. 

Impossibile sapere se il calo del fatturato è causato da una minore richiesta di dispositivi protesici, perché i pazienti vi hanno rinunciato o non avevano necssità, oppure perchè parte dei dispositivi protesici non vengono più realizzati dai laboratori odontotecnici ma da service, oppure all’interno degli stessi studi odontoiatrici o all’estero come da tempo i sindacati odontotecnici denunciano.

I laboratori gestiti dal solo titolare hanno dichiarato un fatturato medio di 50.500 euro con un reddito netto medio di 22.100, segnano un incremento del 6% rispetto al fatturato dello scorso anno.

Le società di persone hanno dichiarato un fatturato di 113.100 euro per un reddito netto di 40.900 euro segnando un 2,5% di incremento del fatturato.335.500 euro il fatturato medio dichiarato dai laboratori organizzati in società di capitale con un reddito di 25.400 euro, lo stesso fatturato medio dichiarato l’anno precedente.

Articoli correlati

Tra le tante novità che il 2019 porta sui temi fiscali c’è anche il “pensionamento” degli Studi di Settore che vengono sostituiti con gli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità) e che si...


Continua a ridursi (anche se di poco) il numero di studi odontoiatrici attivi sul territorio nazionale mentre rimane stabile, il fatturato. La fotografia arriva dai dati statistici messi a...


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


Nel cassetto fiscale del professionista i dati dei propri Studi di settore degli ultimi 5 anni


Riguarderanno già i redditi del 2018, per ora un Decreto indica chi sarà escluso


Altri Articoli

"Tutti gli operatori sanitari quando vengono a conoscenza nei confronti del paziente che stanno curando di una sua positività al virus dell'Hiv sono tenuti a prestare la necessaria assistenza....


Il recente caso del dentista romano che ha rifiutato di prestare la propria opera su un paziente sieropositivo apre interessanti spunti di riflessione su quale debba essere il ruolo dell'odontoiatra...


Siamo fra i paesi con i migliori risultati sanitari nel mondo con costi controllati, ma aumenta l'impoverimento delle famiglie quando ci sono situazioni sanitarie complesse, mentre le spese sanitarie...


Viviamo in una società che accetta che il destino di 40 disperati lasciati in balia del mare per 20 giorni sia un caso politico e non umanitario, che in Italia migliaia di donne vengano molestate,...


Sono molte le classifiche, con base in differenti Paesi, che ogni anno cercano di valutare le Università e la capacità di fare ricerca, in tutti gli ambiti, dei vari Stati, ognuna applicando...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi