HOME - Inchieste
 
 
04 Giugno 2018

Gli studi di settore confermano la crisi della protesica, meno del laboratorio odontotecnico

Cala il fatturato del settore ma cala il numero dei laboratori ed il bilancio del singolo è positivo

Nor Mac.

La crisi dei laboratori odontotecnici, o della protesica, non sembra avere una fine ed i dati dell’Agenzia delle Entrate dei redditi dichiarati nel 2017 (esercizio 2016) confermano difficoltà di fatturato che si ripercuote anche sulla chiusura di attività. Rispetto al 2015 gli odontotecnici italiani lasciano sul campo più di due milioni di euro di fatturato e vedono chiudere 831 aziende. 

In 10 anni hanno chiuso il 22% dei laboratori in attività, nel 2006 erano 14.948 (l’anno successivo toccarono quota 15.165), gli ultimi dati delle Entrate al 31 dicembre 2016 rilevano 12.237 laboratori.La maggior parte di loro sono attività singole (8.536 unità, nel 2015 erano 9.314), 3.308 società di presone (nel 2015 erano 3.374) mentre le società di capitale nel 2016 erano 393 (380 nell’anno precedente).

Sul fronte del fatturato la riduzione del numero dei laboratori ha permesso di vedere un segno positivo nella crescita del fatturato, nonostante in termini assoluti sia calato rispetto allo scorso anno: come dire, la torta si è ridotta ma anche il numero di commensali è diminuito e quindi le porzioni sono risultate più abbondanti. 

Impossibile sapere se il calo del fatturato è causato da una minore richiesta di dispositivi protesici, perché i pazienti vi hanno rinunciato o non avevano necssità, oppure perchè parte dei dispositivi protesici non vengono più realizzati dai laboratori odontotecnici ma da service, oppure all’interno degli stessi studi odontoiatrici o all’estero come da tempo i sindacati odontotecnici denunciano.

I laboratori gestiti dal solo titolare hanno dichiarato un fatturato medio di 50.500 euro con un reddito netto medio di 22.100, segnano un incremento del 6% rispetto al fatturato dello scorso anno.

Le società di persone hanno dichiarato un fatturato di 113.100 euro per un reddito netto di 40.900 euro segnando un 2,5% di incremento del fatturato.335.500 euro il fatturato medio dichiarato dai laboratori organizzati in società di capitale con un reddito di 25.400 euro, lo stesso fatturato medio dichiarato l’anno precedente.

Articoli correlati

Dopo il calo registrato nel 2015 e 2016 tornano ad aumentare le partite iva degli studi odontoiatrici, anche come singoli professionisti. Il dato arriva dall’Agenzia delle Entrate che ha...


Nel 2007 erano 15.165, dieci anni dopo i laboratori censiti dallo studio di settore (anno 2017 dichiarazione 2018) sono 11.933, dati dell’Agenzia delle Entrate che confermano le difficoltà...


Tra le tante novità che il 2019 porta sui temi fiscali c’è anche il “pensionamento” degli Studi di Settore che vengono sostituiti con gli ISA (Indici Sintetici di Affidabilità) e che si...


Continua a ridursi (anche se di poco) il numero di studi odontoiatrici attivi sul territorio nazionale mentre rimane stabile, il fatturato. La fotografia arriva dai dati statistici messi a...


Chiudono gli studi singoli, tiene il fatturato ma sono le società ad incrementare


Altri Articoli

Una circolare del Ministero indica la somministrazione unica ai soggetti con pregressa infezione da Covid-19


Evento raro ma possibile. Queste alcune delle cause scatenanti: come prevenirle e quali le azioni da intraprendere in caso di emergenza  


La matrice sezionale di Garrison Dental Solutions selezionata da The Dental Advisor


Antonio Luigi Gracco

Dal titolo del primo Editoriale di Sleep Medicine in Dentistry Journal prende spunto la nostra chiacchierata con il direttore scientifico Antonio Luigi Gracco


Rimangono in vigore sia le indicazioni operative che quelle per prevenire la legionella nei riuniti. Fino al 6 aprile stretta sulla scuola, si attendono interventi sui congedi parentali anche per i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP