HOME - Inchieste
 
 
01 Febbraio 2019

Da mètaSalute: 50 milioni l'anno in prestazioni odontoiatriche, per una media di 75 euro l’una

Elvio Pasca

Dentisti protagonisti dell’assistenza sanitaria integrativa, almeno per le casse di mètaSalute, che spende un euro su tre, per un totale di quasi 50 milioni di euro l’anno, proprio per rimborsare prestazioni odontoiatriche. 

Il fondo è un punto di osservazione privilegiato sul mondo della sanità integrativa, visto che conta oltre un milione mezzo di iscritti, tra lavoratori metalmeccanici e loro familiari. Proprio per questo, a metà gennaio, Odontoiatria33 ha chiesto a mètaSalute un resoconto dettagliato delle prestazioni odontoiatriche erogate nel 2018: numero, tipologia, valore complessivo, incidenza sul totale. Quei dati, però, non sono mai arrivati. “Non riteniamo che vadano forniti alla stampa”, ha tagliato corto il Direttore Tiziana Riggio, contattata telefonicamente in mancanza di risposte via mail. Una posizione curiosa, visto l’amplissima platea di beneficiari e il conseguente pubblico interesse a sapere con precisione che fine fanno i contributi versati da tutte le aziende che applicano il contratto collettivo dei Metalmeccanici.  Proprio in forza dell’ultimo rinnovo di quel Ccnl, infatti, l’iscrizione è obbligatoria e completamente a carico dell’azienda. Costa 156 euro l’anno a lavoratore e garantisce a questo e ai familiari a carico l’accesso a un Piano Sanitario Base molto generoso se ci si rivolge a strutture convenzionate con il network Previmedical della compagnia Rbm Assicurazione Salute, che si è aggiudicata il succoso appalto di mètaSalute.  

In area odontoiatrica, per esempio, sono previste in convenzione cure dentarie con massimali illimitati (prestazioni ortodontiche, cure odontoiatriche compresa la paradontologia, terapie conservative, protesi dentarie, terapie canalari, trattamento topico con floruri), visite odontoiatriche o pedodontiche, sedute di igiene orali e ablazioni del tartaro gratuite una volta l’anno, sigillature denti dei figli minori (massimale illimitato), apparecchi ortodontici per minori (max 350 euro l’anno), una lunga serie di interventi chirurgici odontoiatrici, sia in ricovero che in ambulatorio (max 5500 euro l’anno), implantologia stand alone (max 1100 euro l’anno). Per gli iscritti che si rivolgono a professionisti non convenzionati, anticipando le spese e poi attendendo il rimborso, i massimali sono decisamente più bassi.  

Ma quanto vengono sfruttate queste opportunità e quanto pesano sulla gestione del fondo?

Al di là delle ritrosie del Direttore a fornire dettagli, qualche indicazione importante arriva dal bilancio tracciato un mese fa dal Presidente uscente Roberto Toigo: al 30 novembre 2018 (cioè a circa un anno dall’iscrizione obbligatoria di tutti i metalmeccanici), i piani sanitari di mètaSalute avevano erogato oltre 2.238.074 prestazioni sanitarie a 561.689 beneficiari, per un controvalore complessivo di 141,3 milioni di Euro. “Un livello di copertura che non ha uguali nel settore della contrattazione collettiva nazionale e che testimonia la portata innovativa dell’ultimo rinnovo del contratto dei metalmeccanici e l’importanza strategica per i Fondi Sanitari Integrativi di affidare le proprie risorse al settore assicurativo favorendo la massima competizione tra gli operatori”, sintetizzava Toigo, sindacalista Uilm che oggi siede anche nel nuovo Consiglio di Amministrazione guidato da Silvano Bettini.

Secondo quello stesso resoconto, oltre il 33% delle risorse (quindi oltre 47 milioni di euro) erano state impiegate proprio nell’area odontoiatrica, per pagare poco meno di 632 mila prestazioni, un dato che conferma come l’assistenza integrativa sia particolarmente importante in aree non coperte dal Servizio sanitario nazionale. D’altro canto, il fatto che quelle prestazioni odontoiatriche siano costate a mètaSalute in media 75 euro l’una, sarà fonte di riflessione sulla convenienza del sistema per il fondo e per gli iscritti, ma anche per la compagnia assicurativa e i professionisti convenzionati, che rischiano di restare col cerino in mano. 

Complessivamente, alla fine del primo anno di operatività, mètaSalute aveva restituito in prestazioni sanitarie ai lavoratori ed alle loro famiglie quasi il 94% dei contributi versati dalle aziende aderenti. Molto difficile, con numeri così, accantonare avanzi di gestione, ma proprio tale circostanza, secondo l’ex presidente, “conferma che sin dal primo anno di operatività mètaSalute è stato in grado di rispondere adeguatamente alle richieste dei propri assistiti mettendo a disposizione dei livelli di copertura e di efficienza particolarmente elevati, soprattutto alla luce degli impieghi piuttosto contenuti conferiti dal fondo alla compagnia assicurativa partner”.  Nonostante le criticità riscontrate negli scorsi mesi da assistiti e professionisti convenzionati, infine, il matrimonio tra mètaSalute e Previmedical-Rbm è comunque destinato a durare, senza abbassare gli standard delle prestazioni. “La sostenibilità di tali livelli assistenziali – è ancora Toigo a parlare – è stata recentemente confermata dalla compagnia assicuratrice partner anche per il prossimo biennio (2019 e 2020), consentendoci pertanto di dare piena continuità al supporto attualmente garantito in campo sanitario ai lavoratori ed alla loro famiglie fino alla scadenza dell’attuale Ccnl”.

Articoli correlati

Da clinico e da docente universitario il prof. Gagliani porta il suo punto di vista sulla questione nata dopo il servizio della Gabanelli sui Fondi integrativi

di Massimo Gagliani


Il dott. Usoni si è fatto i calcoli di quanto costa trattare un paziente proveniente da un fondo. Calcoli alla mano lui, sembra, non starci dentro. Questo il suo racconto 


Sotto di tutti i limiti di un sistema che va profondamente riformato e che non ha trovato l’attenzione della Politica. I perché del dott. Damilano


In attesa di capire se e come l’Antitrust si interesserà dell’esposto promosso da ANOMeC, l’iniziativa ha già raggiunto un primo obiettivo: coinvolgere i media. Almeno il Data Room di Milena...

di Norberto Maccagno


In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Altri Articoli

Insediati i nuovi organi direttivi 2021-2024, Giudo Giustetto confermato presidente OMCeO. Ecco nomi e cariche della nuova Commissione Albo Odontoiatri


Dai dati Ebipro, durante il lockdown tra tutti gli studi professionali sono stati i dentisti quelli che hanno presentato più domande. Ora ad essere in crisi sono altre professioni 


L’Ateneo palermitano ha realizzato una serie di strumenti e materiale informativo per dare risposte chiare e semplici ai quanti chiedono informazioni 


Con il nuovo stand espositivo virtuale, VOCO offre l’opportunità di informarsi rapidamente e in modo completo su prodotti, offerte e opzioni per il flusso di lavoro digitale ...


Óscar Castro ha incontrato i rappresentanti di diversi partiti politici spagnoli affrontando questi due temi di grande importanza


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


14 Ottobre 2020
Vedo moderno ed avviato studio a Milano

Moderno e avviato studio dentistico, regolarmente autorizzato, mq 80, predisposto per due unità operative, stanza sterilizzazione, radiografico opt e dotato di strumentazione per esercitare le principali branche odontoiatriche, spogliatoio e bagno per il personale, bagno per pazienti. Possibilità di subentro graduale con varie soluzioni. Milano, zona Bicocca-Niguarda. Trattativa riservata. 345 9776587. mail: aumas001@gmail.com

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I trucchi per convivere con il rischio Covid in studio