HOME - Inchieste
 
 
20 Febbraio 2019

Italiani in difficoltà nel pagare le cure mediche ed ancora di più quelle odontoiatriche. I dati da Eurostat

Nor. Mac.

Poco più della metà della popolazione europea (55%) ha dichiarato che nel 2017 le spese mediche sostenute non sono state un peso dal punto di vista economico.
I dati arrivano dalla ricerca annuale di Eurostat dalla quale emerge, invece, che per il 34% della popolazione europea sono state in qualche modo onerose, mentre l'11% le ha percepite come un grosso dispendio a carico del budget familiare. 
Cipro è il Paese in cui il maggior numero di persone (39%) ha dichiarato che il costo delle cure rappresenta un probelma. A seguire la Bulgaria (32%), l'Italia (29%) e la Lettonia (28%). 

La percentuale più alta di persone che invece ha dichiarato che i costi della sanità non hanno pesato sul budget familiare è stata registrata in Danimarca, Slovenia e Svezia (tutte all'86%), Estonia (85%) e Francia (84%).  Secondo i dati Eurostat, a sentire maggiormente il peso della spesa medica sono le famiglie di due persone in cui almeno una ha 65 anni o più (13%).

Rappresenta un esborso di un certo rilievo per i single (12%), le famiglie con figli indipendenti (12%), famiglie composte da due persone e quelle con figli piccoli (10%).  

Italiani ancora più in difficoltà per le cure odontoiatriche
 

Se quasi la metà della popolazione europea (48%) ha indicato particolari problemi nel sostenere le cure odontoiatriche, ad indicarle come un “esborso relativo” il 35% delle famiglie, mentre per il 17% le cure dentistiche sono particolarmente onerose.  Dalle famiglie di Cipro, il dato del 47% di sofferenza relativa alle cure odontoiatriche più alto seguito da dagli italiani (39%), Lettonia (36%) e Spagna (34%). Per contro, il 79% delle persone in Danimarca e il 77% nei Paesi Bassi e in Svezia dichiarano che questi costi non hanno causato alcun onere finanziario per la famiglia. 


Difficoltà economiche che si condizionano anche la salute orale dei più piccoli. Sempre secondo Eurostat, nel 2017, il 2,3% dei bambini al di sotto 16 non ha ricevuto le cure dentistiche di cui avevano bisogno. 
La percentuale più alta di bambini con bisogni insoddisfatti per le cure dentistiche è stato segnalato in Lettonia (7,3%), seguita dal Portogallo (6,0%), Spagna e Romania (entrambi 5,7%). In sette Stati membri questo tasso è sceso a meno dell'1%, vale a dire in Ungheria (0,3%), Croazia (0,4%), la Germania (0,5%), il Lussemburgo (0,7%), la Francia, l'Austria e la Slovacchia (tutte 0,9% ). 

L’Italia è tra i paesi con percentuali soddisfacenti, meno del 2% dei bambini residenti nel nostro paese con meno di 16 hanno non ha potuto soddisfare i bisogni di cure odontoiatriche.

Articoli correlati

L'Ufficio Statistico dell'Unione Europea (Eurostat), come ogni anno, pubblica un una classifica delle varie professioni, anche quelle sanitarie, in base al numero dei professionisti in funzione del...


Quale è il rapporto dentista paziente in Italia? Difficile poterlo indicare con precisione perche i dati sono influenzati, ovviamente, dal numero dei dentisti esercenti. Ed è su questo...


L’ipotesi: remunerare i costi della prestazione attraverso forme di defiscalizzazione. Le anticipazioni dal presidente Ghirlanda in una intervista a “Il commento politico”.


Il progetto dell’Usl Sud–Est della Regione Toscana consente di ottimizzare le risorse offrendo un servizio di assistenza mirato e puntuale


Non sono certo i dati del Censis a dover confermare che la povertà, nel nostro paese, non sarebbe stata sconfitta nonostante gli annunci Pentastellati dai balconi. Basta fare un giro...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Grazie all’accordo con ANTLO si apre la sezione odontotecnica nell’area clinica ospitando contributi tecnici curati dai Docenti di ANTLO Formazione


Nisio: nel percorso è previsto il coinvolgimento di tutte le figure professionali che ruotano attorno al tema della formazione professionale, compresi i rappresentanti dei cittadini e dei pazienti


A tradirlo il tentativo di creare una società odontoiatrica in provincia di Trapani. Nei guai, tra gli altri, anche la cognata, un iscritto all’albo, un ex deputato ed il sindaco


Il presidente CAO di La Spezia porta la sua opinione sulla programmazione del numero di futuri dentista e puntualizza sulla differenza tra Odontostomatologia e Chirurgia maxillo-faciale


Uno studio spagolo ha analizzato l'impatto di Covid-19 sulla vulnerabilità auto-percepita e sui comportamenti messi in atto in relazione alle cure dentali e agli studi odontoiatrici   

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION