HOME - Inchieste
 
 
31 Maggio 2019

Spesa sanitaria, indagine AltroConsumo: famiglie italiane in difficoltà nell'affrontare non solo le cure odontoiatriche

Nor. Mac.

Ulteriore conferma di come la crisi economica che sta interessando da anni il nostro Pese limiti la possibilità degli italiani di effettuare le cure, viene “certificata” anche da un’indagine di AltroConsumo i cui dati sono stati diffusi qualche settimana fa in occasione della giornata internazionale del consumatore. Il sondaggio ha coinvolto 1.628 cittadini italiani, a cui è stato chiesto di compilare un questionario relativo alla capacità di sostenere le spese principali, analizzate in sei ambiti diversi: l'abitazione, l'alimentazione, l'istruzione, la mobilità, la cultura e tempo libero e, ovviamente, anche la salute.  Si è così visto che anche le spese richieste per mantenersi sani e curarsi costituiscono una forte difficoltà per una fetta consistente di italiani, il 44% delle famiglie.

Percentuale che aumenta quando si passa a considerare le spese odontoiatriche arrivando al 55%, mentre il 27% afferma che è "molto difficile" o "quasi impossibile" farvi fronte. Le visite specialistiche sono un problema per il 51% della popolazione e impossibili da affrontare per il 18%; riguardo all'acquisto di farmaci le percentuali sono rispettivamente del 41% e del 12%.Tutti i dati analizzati sono stati riuniti in un unico "indice della capacità di spesa" che scende con l'aumentare delle difficoltà economiche: per l'Italia nel suo complesso è del 46,5%, ma è molto diverso da una regione all'altra.  Come spesso succede la situazione peggiora scorrendo la penisola da Nord a Sud e l'indice passa dal 59,2 del Trentino Alto Adige fino al 38,4 della Sardegna. 

“Come è intuibile - si legge sul sito di Altroconsumo - le famiglie più in difficoltà sono quelle numerose, quelle in cui c'è un adulto disoccupato e quelle in cui i componenti hanno bassi livelli di istruzione. Ma il dato più interessante riguarda i pensionati, che tendenzialmente riescono a sostenere le spese in maniera più agevole rispetto alle giovani coppie”. 


Focus sulle cure odontoiatriche 

Oltre a questa indagine, AltroConsumo ne aveva svolta una (dati raccolti nel settembre 2018 su di un campione composto da italiani di età compresa tra 18 e 74 anni) più mirata alle cure odontoiatiche. Dall’indagine è emerso che il 20% del campione ha dichiarato di non andare almeno una volta all’anno dal dentista per un controllo a causa dei costi eccessivi mentre il 14%, negli ultimi 12 mesi, ha dovuto rimandare un trattamento necessario a causa dei costi troppo elevati.Il 7% degli intervistati, negli ultimi 12 mesi, ha dichiarato di non aver potutosostenere un trattamento necessario a causa dei costi troppo elevati, mentre il 2%, sempre negli ultimi 12 mesi, ha dovuto interrompere un trattamento necessario a causa dei costi troppo elevati.  

Nel complesso, fanno notare da AltroConsumo, il 19% del campione, negli ultimi 12 mesi, si è trovato almeno in una delle tre circostanze descritte sopra. Sul fronte pagamento il 16% degli intervistati ha dichiarato che negli ultimi 5 anni per pagare almeno una prestazione odontoiatrica ha utilizzato una assicurazione o un fondo(attivata in proprio o dal suo datore di lavoro), mentre l’85% di chi ha seguito un trattamento dentale negli ultimi 5 anni, ha pagato completamente di tasca propria per l’ultimo trattamento seguito.Il 7% di chi ha seguito un trattamento dentale negli ultimi 5 anni, ha fatto ricorso ad un prestito o ad altre agevolazioni per pagare l’ultimo trattamento seguito.  

Articoli correlati

In un cinema milanese uscita pubblica dell’Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati per fare il punto su criticità ed avanzare proposte


Organizzato per giovedì 23 gennaio 2020 da ANOMEC a Milano, un evento dal titolo: “Costi di gestione dello studio e convenzioni sanitarie: due realtà incompatibili?”


ANOMC organizza il 23 gennaio a Milano un momento di approfondimento sul convenzionamento ed i costi di gestone dello studio


CAO Roma approfondisce il tema cercando di capire come le scelte che vengono fatte sul SSN, impattano anche sulla sanità privata e quella odontoiatrica in particolare


Intervista a Maria Rita Vannetti presidente della neonata Associazione Nazionale Odontoiatri e Medici Convenzionati


Altri Articoli

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni