HOME - Inchieste
 
 
25 Novembre 2019

0,5% del fatturato ad ENPAM: lo ha versato la metà delle società

Malagnino: "un giusto principio che va a compensare, in parte, quanto sottratto alla professione. Ora lavoreremo per sollecitare i controlli verso chi non ha versato"  

Nor. Mac.

L’obbligo è stato imposto dalla legge di Bilancio del dicembre 2017 prevedendo che entro il 30 settembre di ogni anno, le società operanti nel settore odontoiatrico dovranno versare nelle casse della Quota “B” ENPAM lo 0,5% del proprio fatturato prodotto nell’anno precedente.
Per via di alcune proroghe, il 30 settembre 2019 è stata la prima scadenza di questa norma che molto ha fatto discutere e sicuramente ancora lo farà.  

Secondo i dati forniti da ENPAM ad Odontoiatria33, al 30 ottobre 2019 hanno effettuato il versamento 2.239 delle 5.392 società censite da ENPAM

“Quasi il 50 per cento delle società censite ha versato all’ENPAM quanto previsto dalla legge”, commenta il Vicepresidente Vicario Giampiero Malagnino (nella foto) sollecitato da Odontoiatria33.

“Un risultato che, nel primo anno di applicazione della legge e con le polemiche e contestazioni che l’hanno accolta, francamente non mi aspettavo”. 

“Il principio a cui il Parlamento ha voluto dare applicazione con questa norma (lo 0,5% lo devono all’ENPAM le società che esercitano l’odontoiatria e all’Enpaf le società proprietarie di farmacie) è quello che il reddito di una professione non può essere sottratto a un prelievo previdenziale e, siccome le società non sono iscritte a un Ordine e questo prelievo non può essere assegnato, il contributo quindi, va al fondo di competenza”. 

Per quelle che non hanno effettuato il versamento, il Vicepresidente Malagnino assicura che saranno “sollecitate a farlo, anche per evitare le inevitabili multe, e spiegheremo ai giudici la ratio della norma qualora fossero coinvolti da ricorsi che, eventualmente, alcune società si sentissero di presentare”. 

“Personalmente –conclude- credo che sia giusto il principio adottato in questo caso dal legislatore, mentre non condivido la norma che lo ha provocato: la possibilità per le società (non iscritte all’Ordine!) di esercitare una professione, per di più protetta. Per questo spero che ‘l’emendamento Endrizzi’ sia approvato dal Parlamento!”  

Per quanto riguarda l’ammontare di quanto versato dalle Società odontoiatriche, ENPAM preferisce non fornire ancora il dato, aspetta di presentarlo ufficialmente agli organismi dell’Ente di previdenza di medici e dentisti.  

Unico dato ufficiale, quello sull’incidenza in percentuale dell’importo versato da tutte le società raggruppate per regione rispetto al totale del versato.
Dato che indica come le 801 società lombarde abbiano versato il 38,17% del totale raccolto, seguite dalle 283 società del Veneto (che hanno contribuito per il 16,8%) e le 175 dell’Emila Romagna, con l’8,9% del versato. Al link sotto i dati regionali per numero di società che hanno effettuato il versamento e l’incidenza percentuale sul versato.  



Articoli correlati

Cambio al vertice di ANCOD, la scelta è di affidare la presidenza dell’Associazione ad un professionista esterno ai Marchi associati 


Quella dell’”overtreatment”, ovvero le cure prescritte ma non necessarie con l’unico fine di trarne profitto è indubbiamente la truffa più meschina che un professionista sanitario...

di Norberto Maccagno


Quello sull’esercizio in forma societaria per le sole StP non passa per 8 volti. Giudicato inammissibile quello che avrebbe modificato le norme sulla pubblicità sanitaria


Ovviamente divisi tra soddisfazione (Catene) per aver tutelato il lavoro ed amarezza (Sindacati odontoiatrici) per l’ennesima bocciatura ad una proposta che vuole tutelare la salute del cittadino


Da sx: Pollifrone;Tuzio;Pelillo;Dili.

Le STP cominciano ad interessare sempre più studi professionali. Abbiamo sentito gli esperti su natura del reddito societario e le regole per consulenti e collaboratori


Altri Articoli

Agorà del Lunedì     06 Dicembre 2021

Le basi della patologia

Quali sono le cause delle affezioni della polpa dentale e quali le contromisure da adottare? Di questo parla il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Il dott. Di Fabio ci ricorda che l’esonero è temporaneo fino a quando non si riunirà la Stato-Regioni stabilendo le modalità di registrazione


Oltre a quelli italiani ne hanno parlato il New York Times, Al Jazeera, siti spagnoli e degli altri Paesi europei. Sileri: sarebbe una macchietta se non fosse un odontoiatra


Secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open, potrebbero contribuire a migliorare la comunicazione con pazienti con problemi di udito ma non solo


Il Viminale pubblica una utile tabella per capire cosa si può fare a seconda del tipo di certificazione posseduta ed il colore della regione. Le regole per datori di lavoro e lavoratori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi