HOME - Inchieste
 
 
15 Aprile 2020

I dentisti ferraresi “rispettosi”: la stragrande maggioranza sono chiusi

AIO ed ANDI Ferrara hanno cercato di capire quale è stato l’impatto dell’emergenza COVID-19 sulla realtà odontoiatrica locale


Dopo il Decreto “Chiudi Italia” agli odontoaitri è arrivato l’invito dell’Ordine di rimanere chiusi limitando l’attività alle sole urgenze non differibili. Successivamente, il 14 marzo, la Regione Emilia Romagna ha emanato un decreto che imponeva agli studi odontoiatrici di rimanere chiusi, ma con la possibilità di gestire le emergenze. 

Ma come si sono comportati gli odontoiatri ferraresi? 

Lo hanno chiesto ai 210 soci, AIO ed ANDI Ferrara attraverso un questionario anonimo via web inviato il 31 marzo scorso: entro il 7 aprile hanno risposto in 100.“L’obiettivo era quello di conoscere meglio l'impatto che l'emergenza Covid-19 ha avuto, almeno in questa prima fase, sulla realtà odontoiatrica ferrarese”, spiegano in una nota congiunta il presidente AIO Ferrara Cesare Brugiapaglia ed il presidente ANDI Ferrara Marcello Chiozzi

Odontoiatri estensi che si sono dimostrati rispettosi sia delle indicazioni visto che a rimanere chiusi dopo l’invito dell’Ordine (a farlo sono stati l’’87%),  mentre dopo l’ordinanza della Regione hanno seguito le restrizioni l’84%.

Quelli che hanno risposto di essere rimasti comunque aperti, hanno indicato essersi limitati ad eseguire le sole prestazioni concesse. Solo una minima parte (l’11% del 16% che aveva indicato di essere aperto) ha affermato di aver eseguito prestazioni “non necessariamente solo urgenti e non dilazionabili”. 

Tra le domande poste anche quella che voleva indagare se lo studio, pre-emergenza, avesse in studio alcuni DPI come schermi facciali, camici monouso e cuffiette monouso. La quasi totalità ha risposto in maniera affermativa: rispettivamente il 90, l’84 e l’82 per cento mentre, fanno notare dalle due Associazioni, “in una quota non trascurabile, normalmente non li utilizzavano. Si tratta quindi, per questi colleghi, di un importante cambio di gestione della propria metodica di lavoro che dovrà essere adottato al rientro”. 

Odontoiatri ferraresi che indicano come la situazione li preoccupi prevalentemente per l’aspetto economico (lo ha dichiarato il 50,5%), mentre il restante 49,5% per quello sanitario in quanto non è sicuro di poter gestire la sicurezza dei pazienti e dei dipendenti. 

“Abbiamo chiesto agli associati –spiegano ad AIO ed ANDI Ferrara- quale aspetto preoccupasse maggiormente: se quello economico oppure quello sanitario. Inizialmente l’aspetto economico era quello maggiormente votato. C’è stata una sostanziale inversione della tendenza di voto dopo l’apertura, da parte di ENPAM ai contributi di 1000 o 600 euro. Questo non possiamo sostanzialmente dimostrarlo ma, molto probabilmente, chi ha risposto si è sentito un po’ tutelato. Ovviamente se avessimo dato la possibilità di rispondere ad entrambe le possibilità, molto probabilmente, avrebbe ottenuto il 100% delle risposte”. 

Infine con l’ultima domanda si è voluto valutare se gli odontoiatri ferraresi titolari di studio, erano stati in grado di dare mandato al proprio consulente del lavoro di usufruire della Cassa Integrazione in Deroga oppure le ferie o premessi già goduti. Il 70% ha risposto in modo affermativo, il 3% ha risposto di no, pur avendo dei dipendenti. Al 27% non interessava non avendo dei dipendenti.   


Articoli correlati

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


INAIL attiva un’applicazione web per richiedere la sorveglianza sanitaria e gestire tutte le fasi della richiesta


Governo presenta emendamento che annullerebbe la tassazione del Bonus ENPAM, intanto sarà possibile richiederlo anche per pensionati e chi è in ritardo sui pagamenti dei contributi


Da un gruppo di ricercatori italiani l’ipotesi della correlazione tra parodontite e evoluzione clinica da Covid-19

di Lara Figini


Un’indagine SIdP rileva che un italiano su 5 tra i 35 e i 70 anni teme che non potrà permettersi le cure odontoiatriche e vede a rischio le sue condizioni di salute orale


Altri Articoli

Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


Ad anticiparlo il Premier Conte motivando la decisione con la necessità di emanare provvedimenti di urgenza per tenere sotto controllo il virus


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION