HOME - Inchieste
 
 
03 Dicembre 2020

Odontoiatria e Covid-19: la riduzione di pazienti e fatturato è un problema globale

I dentisti di Italia, Spagna, Inghilterra lamentano cali di pazienti simili. Una ricerca ADA indica dentisti in affanno per riduzione del numero di pazienti assistiti

Cristoforo Zervos

Come per i contagi il Covid-19 sta condizionando in maniera simili gli studi odontoiatrici di tutto il mondo.
Secondo i dati presentati durante l’evento UNIDI ed ANDI, da Key-Stone ed il Servizio Studi ANDI, a fine anno i dentisti italiani lamenteranno un calo di fatturato stimato intorno al 25%, leggermente meno per gli studi più organizzati un po’ di più per quelli monoprofessionali.

Non va meglio ai colleghi spagnoli, visto che secondo una ricerca condotta sempre da Key-Stone, ma sugli studi iberici, il calo stimato sarà del 24%.

Secondo il General Dental Council in questi mesi di pandemia il 51% dei pazienti inglesi hanno preferito rimandare le cure non urgenti.

Anche oltre Oceano i dentisti non sembrano passarsela meglio.

Il 23 marzo l'ADA Health Policy Institute ha effettuato un monitoraggio per valutare l'impatto economico della pandemia sugli studi dentistici statunitensi. Ai dentisti è stato anche chiesto di partecipare a un gruppo in cui completare un sondaggio bisettimanale. In quest'ultima rilevazione, ha risposto un campione rappresentativo a livello nazionale di quasi 2.500 dentisti.

Questi risultati del sondaggio e altri risultati, sono stati condivisi in un breve webinar disponibile su YouTube, che ha trattato questioni relative al numero dei pazienti, alle misure e considerazioni adottate per la sostenibilità finanziaria presente e futura e sul sentiment dei consumatori.

Il volume dei pazienti negli studi dentistici statunitensi è stato stimato al 76% dei livelli pre-COVID-19, in leggero calo negli ultimi due mesi, secondo gli ultimi dati raccolti dall'ADA sul monitoraggio condotto la settimana del 16 novembre.Il sondaggio ha rilevato inoltre che il personale negli studi era al 90% dei livelli pre-pandemici e un terzo di questi non ha riportato cambiamenti significativi in termini di volume dei pazienti.

I principali elementi emersi dal sondaggio sono stati:

  • Quasi tutti gli studi avrebbero la capacità di vedere più pazienti di quanti ne vedano attualmente. Più di un terzo riferisce di essere al 51-75% del numero massimo di potenziali clienti. Meno di uno su 10 opera a più del 95% dell'attuale capacità massima. I grandi studi hanno un numero di pazienti decisamente più alto.
  • I dentisti hanno adottato varie misure per mantenere la sostenibilità finanziaria della loro professione, in modo analogo ai sondaggi precedenti. Più studi affiliati ai DSO (Dental Service Organizations) hanno dovuto ridimensionare il team odontoiatrico, mentre i non affiliati hanno in numero maggiore aumentato le tariffe o fatto ricorso a prestiti bancari.
  • Se l’accesso di pazienti rimarrà lo stesso della settimana dal 16 novembre fino alla fine dell'anno, è probabile che i dentisti aumentino le tariffe. Tra i dentisti di età pari o superiore a 65 anni, più di un terzo ha dichiarato che prenderebbe in considerazione la vendita del proprio studio e circa il 40% considererebbe il ritiro dalla professione. Così come avviene per quelli italiani come Roberto Rosso ci aveva raccontato.  
  • Lo sviluppo di un vaccino rimane una parte importante per riportare i pazienti nello studio dentistico. 

____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

In attesa dell’approvazione definitiva, ed il conseguente rimborso delle ritenute versate agli iscritti, AIO ed ANDI plaudono la decisone del Parlamento


Non saranno tassati gli aiuti Covid attivati dall’ENPAM. Oliveti: il Parlamento ha fatto giustizia, non aveva senso che i professionisti in difficoltà pagassero le tasse sugli aiuti


ANDI e SISOPD commentano i risultati di uno studio delle Università di Ferrara e Milano. Ghirlanda: “Sicurezza sì, sovrastrutture no.”


L’American Dentist Association ha chiesto al Center for Disease Control and Prevention di includere gli odontoiatri fra i professionisti della salute a cui verrà somministrato il vaccino contro...


Sì del Senato e della Camera allo stato d'emergenza fino al 15 ottobre. Via libera alla proroga per mantenere le misure previste per l’emergenza Covid


Altri Articoli

L’annuncio dell’Assessore Moratti in Commissione Regionale Sanità indica l’inizio delle vaccinazioni per odontoiatri e medici liberi professionisti il 5 marzo, salvo ulteriori ritardi nella...


Il Consejo General de Dentistas ribadisce la sua offerta di collaborazione al Ministero della Salute, affinché gli stessi dentisti possano vaccinare le persone


Il Rischio è che nel 2022 non ci sia un numero sufficiente di odontoiatri iscritti nelle graduatorie. AIO propone una soluzione ed intanto consiglia di presentare comunque la domanda


Lo chiede una interrogazione parlamentare. Pollifrone (CAO Roma): una iniziativa utile per il Paese in difesa della salute dei cittadini, che vedrebbe legittimata la nostra dignità professionale...


Iscrizioni ai test per Medicina, Odontoiatria, Laurea triennali in Professioni Sanitarie entro il 14 febbraio 2021


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale