HOME - Inchieste
 
 
07 Luglio 2021

I neo laureati in odontoiatria sono soddisfatti del percorso fatto

I dati Almalaurea fotografano le caratteristiche dei giovani odontoiatri, la qualità formativa degli atenei italiani e le ambizioni di lavoro. Dopo 7 mesi dalla laurea già lavorano 

Nor. Mac.

Il consorzio Almalaurea ha pubblicato il Rapporto sul profilo dei laureati del 2020 che si basa su una rilevazione che coinvolge 291mila laureati del 2020 di 76 Atenei e restituisce un’approfondita fotografia delle loro principali caratteristiche. Tra questi anche gli studenti delle sedi di corso di laurea in Odontoiatria e protesi dentale.

Dati di quest’anno condizionati, certo, dalla pandemia ma che, rilevano da Almalaurea, “ha riguardato solo una parte marginale del percorso di studio concluso durante il 2020”.   

Per quanto riguarda Odontoiatria sono 1.087 i laureati nel 2020 (di questi 957 hanno risposto ai quesiti posti da Almalaurea), il 54,3% di loro sono maschi, l’età media è di 27 anni mentre il 2,3% è straniero. 108,7 il voto di laurea medio. Questi gli atenei dove il numero di laureate donne ha superato quello dei maschi: Chieti (52,4%), l’Università delle Marche (52,2%), Milano San Raffele (62,9%), Modena (83,3%), Palermo (54,5%), Parma (50%), Perugia (505), Pisa (57,1%), Roma Sapienza (56%), Roma Tor Vergata (56,8%), Torino (54,5%). 

Per quanto riguarda la mobilità degli studenti iscritti ad Odontoiatria, la maggior parte dei laureati ha studiato fuori della provincia di residenza (29,7%) o fuori regione (26,9%). In prevalenza sono gli studenti del Sud che si sono trasferiti al Centro Nord. 

Sul fronte “sociale” è meno marcato il gap tra laureati provenienti da famiglie con almeno un genitore laureato (58,8%) e genitori senza laurea (40,3%). La maggior parte dei laureati (89%) ha ottenuto un diploma liceale (scientifico 63,7%, classico 20,8%), 82,6 il voto medio di maturità. Maggioranza dei laureati (51,4%) che prima di odontoiatria si erano iscritti ad un altro corso di laurea. Odontoiatria scelta dal 64,8% per fattori “culturali e professionalizzanti”.  

Parte dell’indagine Almalaurea è dedicata al “gradimento” degli studenti dell’ateneo dove hanno studiato ed in particolare alla formazione ottenuta durante il percorso di studi che è stato giudicato “decisamente positivo” dal 39,8% dei laureati e più positivo che negativo dal 44,7%. Hanno invece risposto “più no che si” il 12,6% dei neo laureati mentre lo hanno bocciato con un “decisamente no” il 2,7% .

Queste le percentuali di gradimento “positivo” ottenute dai singoli atenei: Bari (61,5%); Bologna (87,5%); Brescia (100%); Cagliari 95,3%); Campania Luigi Vanvitelli (90,9%);  Catania (73,3%); Catanzaro (90,5%); Chieti e Pescara (86,9%); Ferrara (100%); Firenze (90,7%); Foggia (100%); Genova (64,5%); Insubria (84,2%); L’Aquila (86,2%); Marche Politecnica (68,4%); Messina (92,3%); Milano (86,4%); Milano Bicocca (96%); Milano Vita-Salute S. Raffaele (93,8%);  Modena e Reggio Emilia (62,5%); Napoli Federico II (85,8%); Padova (92,3); Palermo (40%); Parma (94,7%); Pavia (86,7%); Perugia (92,0%); Pisa (85%) ; Roma Sapienza (78,9%); Roma Tor Vergata (80,4%); Sassari (100%); Torino (94,9%); Trieste (100%); Verona (88%). 

Per quanto riguarda futuro post laurea, il 72% dei laureati ha intenzione di proseguire gli studi, il 34% iscrivendosi ad una scuola di specializzazione mentre il 19% ad un master universitario o altro tipo di master o corso (11%).

In tema di prospettive di lavoro, i neo laureati puntano a trovare un posto di lavoro per acquisire professionalità (87%); possibilità di utilizzare le competenze acquisite (79,3%); guadagnare (74,5%). Se, ovviamente, lo sbocco privato è quello naturale indicato, il 38,7% sarebbe interessato a lavorare nel pubblico.  

Tra i dati disponibili nella banca dati di Almalaurea anche quello sulla condizione occupazionale dei laureati in odontoiatria a 5 anni dal conseguimento del titolo, qui le risposte sono ridotte, solo 363. Di questi il 91,5% ha dichiarato di lavorare (il 7,2% di chi non lavora è perché die di non cercarlo) ed aver trovato una occupazione 7 mesi dopo la laurea. L’89,7% di loro lavora come libero professionista con una retribuzione media mensile netta di 2.271 euro. Forse è anche per questo che il 98,2% di loro ritiene che la laurea in odontoiatria sia molto efficace per trovare una occupazione e si dicono molto soddisfatti della scelta fatta.     

Articoli correlati

Aperte le preiscrizioni al Master universitario di 1° livello organizzata dal COI con la collaborazione dell’Università degli Studi di Torino che si terrà a partire da...


Obiettivo è quello di effettuare uno screening della salute orale di popolazioni socialmente vulnerabili e di generare un database di incidenza delle patologie orali di interesse...


Domani la ‘’lotteria’’ del test di ammissione ad odontoiatria e medicina. Per sostenere l’esame, obbligatorio Green Pass e mascherina FFP2


Di Lenarda: dobbiamo lavorare sulla formazione pratica, tutti i laureati devono aver svolto un adeguato tirocinio clinico come primo operatore


Aumentano di 22 unità rispetto allo scorso anno. Ma si attende la decisione della Stato Regioni. Il 3 settembre la data del test


Altri Articoli

Poca letteratura si occupa dell’efficacia dei metodi di comunicazione in questo settore, sottolinea il prof. GaglianiIndicando come diafano l’atteggiamento che il dentista generico ha nei...

di Massimo Gagliani


La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Elite Computer Italia, una delle aziende leader nello sviluppo di software e servizi informatici per il settore dentale, parte di Henry Schein One, presenta le ultime soluzioni nel...


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Più sicuro se abbinato ad una registrazione analogica. L’esperienza di Costanza Micarelli: la tecnologia è un enorme aiuto ma solo se abbinata ad esperienza e conoscenze del clinico e del tecnico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio