HOME - Inchieste
 
 
23 Settembre 2013

Turismo odontoiatrico, in Ungheria cresce grazie ai fondi europei

12 milioni di euro il finanziamento in un anno per gli studi odontoiatrici locali

La crisi economica in Europa, ma anche nel resto del mondo, favorisce il turismo odontoiatrico. Se per alcune nazioni, come per esempio l'Italia, il fenomeno è un problema perché vengono sottratti pazienti ai professionisti nazionali, in altri è una fonte di sviluppo grazie, anche, ad una politica nazionale che ha investito su questo fenomeno per produrre ricchezza.

E' il caso dell'Ungheria che attraverso l'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo Economico (NFU) ha avviato un programma per sviluppare e promuovere il turismo odontoiatrico nel Paese grazie ai fondi europei.
12 milioni di euro l'ammontare del finanziamento dell'NFU erogato ai 101 studi odontoiatrici che partecipano al progetto di sviluppo del turismo odontoiatrico.
Ed i risultati sembrano essere positivi visto che, secondo il Budapest Business Journal, negli ultimi 12 mesi, questi studi odontoiatrici hanno registrato un incremento del proprio fatturato del 19%. Budapest,Gyõr, Moson , Sopron e Fejér le città che ne hanno beneficiato di più.

Secondo le stime del giornale il turismo odontoiatrico nel 2012 avrebbe prodotto un fatturato di circa 100 miliardi di euro. A rivolgersi ai dentisti ungheresi sono prevalentemente (42%) cittadini provenienti dagli altri Paesi europei mentre il 21% sono pazienti extraeuropei.
L'Ungheria con Uruguay, Costa Rica, Mexico e Tailandia è tra le nazioni leader mondiale del turismo odontoiatrico.

Articoli correlati

Uno studio spagolo ha analizzato l'impatto di Covid-19 sulla vulnerabilità auto-percepita e sui comportamenti messi in atto in relazione alle cure dentali e agli studi odontoiatrici   

di Davis Cussotto


L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


Uno studio dell'Università di Padova ha valutato la conoscenza del COVID-19, la percezione del rischio e l’attitudine al trattamento odontoiatrico nella popolazione dei dentisti italiani


In queste settimane di pandemia e post pandemia il CED ha sempre monitorato la situazione dell'odontoiatria europea. Questi i dati rilevati


Confermate le anticipazioni: circa cento posti in più rispetto allo scorso anno. Aumenta anche il numero degli atenei che salgono a 37  


Altri Articoli

Grazie all’accordo con ANTLO si apre la sezione odontotecnica nell’area clinica ospitando contributi tecnici curati dai Docenti di ANTLO Formazione


Nisio: nel percorso è previsto il coinvolgimento di tutte le figure professionali che ruotano attorno al tema della formazione professionale, compresi i rappresentanti dei cittadini e dei pazienti


A tradirlo il tentativo di creare una società odontoiatrica in provincia di Trapani. Nei guai, tra gli altri, anche la cognata, un iscritto all’albo, un ex deputato ed il sindaco


Il presidente CAO di La Spezia porta la sua opinione sulla programmazione del numero di futuri dentista e puntualizza sulla differenza tra Odontostomatologia e Chirurgia maxillo-faciale


Uno studio spagolo ha analizzato l'impatto di Covid-19 sulla vulnerabilità auto-percepita e sui comportamenti messi in atto in relazione alle cure dentali e agli studi odontoiatrici   

di Davis Cussotto


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION