HOME - Inchieste
 
 
11 Ottobre 2013

In Albania per studiare medicina ed odontoiatra e poi laurearsi in Italia. Possibile attraverso l'Università Cattolica "Nostra Signora del Buon Consiglio

Grazie ad una convenzione con le università di Bologna, Bari, Milano, Palermo e Tor Vergata

La battaglia per difendere il numero chiuso italiano in medicina ed odontoiatria da parte della CAO e dei sindacati odontoiatrici e medici sembra una lotta contro i mulini a vento.
La norma che consente a tutti gli studenti, di qualsiasi indirizzo, di studiare in un paese comunitario e poi rientrare a lavorare in Italia non ammette eccezioni. Poi, a rendere più difficile la "battaglia" ci sono le convenzioni che permettono ad istituti extracomunitari di formare studenti per poi farli laureare in Università italiane.

Già nel 2012 il giornale online ildentale.it segnalava la possibilità data dall'Università Cattolica "Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana (Albania) ai cittadini italiani, ma non solo a loro, di iscriversi a Tirana per poi sostenere l'esame di stato in Italia; evitando così di dover chiedere il riconoscimento di un titolo conseguito in un paese extracomunitario, cosa molto difficile da ottenere.

A confermare l'interesse per questa opportunità sono i 596 ragazzi italiani che ieri hanno partecipato al test di ammissione alle facoltà di medicina ed odontoiatria presso l'Università cattolica di Tirana, come ha raccontato questa mattina dalle colonne del Corriere della Sera Leonard Berberi. Quanti potranno poi realmente iscriversi non è dato a sapere: nel bando con le regole per l'ammissione non è specificato. Nel 2012 hanno ottenuto l'abilitazione 19 studenti italiani.

L'obbiettivo principale degli aspiranti medici e dentisti è certamente quello di iscriversi al corso di laurea prescelto ma anche, il prossimo anno, di chiedere il trasferimento ad un ateneo italiano evitando così il soggiorno in Albania.

I costi "dell'operazione" sono in linea con quanto si spende per iscriversi in una università privata spagnola, 7-8 mila euro, mentre decisamente più economico vivere a Tirana per il periodo di frequenza che a Madrid o Valencia.

Articoli correlati

"Sorridi alla vita", tema scelto dalla Fédération Dentaire Internationale per la campagna di eventi del World Oral Health Day 2015, è anche il messaggio che è stato...


Un articolato programma formativo post laurea e di educazione continua in ortodonzia è stato messo a punto e promosso dalla Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia dell’Università Cattolica...


Con la pubblicazione del Decreto Istruzione in Gazzetta Ufficiale, avvenuto ieri, la norma che consente a chi ha partecipato senza successo al test di ammissione a medicina/odontoiatria, ma sarebbe...


Il titolo riprende quello utilizzato nel 2004 da Cosma Capobianco, collaboratore del GdO e uno dei primi iscritti al corso di laurea in Odontoiatria e protesi dentaria, in un articolo che celebrava i...


AGORA’ “allerta” le Istituzioni sulle proposte di estensione della competenza Odontoiatrica in ambito di Medicina Estetica


Altri Articoli

Mentre il Parlamento europeo si interroga su di un possibile “passaporto sanitario” necessario per poter viaggiare tra gli Stati, in sanità si sta cominciando a discutere...

di Norberto Maccagno


Con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate viene posticipata la scadenza dell’invio dei dati per fatture emesse, e rimborsate, nel 2020


Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale