HOME - Inchieste
 
 
16 Gennaio 2014

Lauree in odontoiatria riconosciute in Italia, boom di quelle spagnole. Il 60% dei riconoscimenti  sono di nostri connazionali


Ad informare che gli italiani che andavano all'estero a studiare odontoiatria fu per la prima volta una inchiesta del Giornale dell'Odontoiatria del 1999.
Al tempo erano 750 gli italiani che si erano iscritti alle università private spagnole, poi negli anni quel numero è ovviamente aumentato, ora si stima in almeno 2 mila gli italiani che studiano odontoiatria all'estero.

Fino allo scorso anno il numero dei titoli conseguiti all'estero da cittadini italiani, e riconosciuti dal Ministero della Salute, non era stato molto significativo. Nel 2012 su 134 titoli esteri riconosciuti solo 40 erano di cittadini italiani.

Il 2013 sembra invece segnare una inversione di tendenza e per la prima volta il numero dei titoli esteri riconosciuti e conseguiti da italiani è stato superiore a quelli conseguiti da cittadini stranieri: e di molto.

Secondo quanto noi di Odontoaitria33 abbiamo rilevato verificando tutti decreti di riconoscimento delle professioni sanitarie pubblicati dalla Gazzetta Ufficiale dal 1 gennaio al 31 dicembre del 2013, il 62,6% di quelli in Odontoiatria riconosciuti in Italia (246 in totale) sono di cittadini italiani.
113 di questi sono stati conseguiti in Spagna, 30 in Romania, 3 in Austria, 2 nella Repubblica Slovacca, 2 in Portogallo ed uno rispettivamente in Francia, Venezuela, Danimarca e Arabia Saudita.
In totale sono state 154 le lauree in odontoiatria conseguite da cittadini italiani all'estero riconosciute.

Da notare come gli studenti italiani che hanno scelto la Romania siano molto più "attempati" di coloro che hanno studiato in Spagna. 18 dei 30 italiani che hanno visto riconosciuto il proprio titolo di studio rumeno sono nati prima del 1979, 11 prima del 1970.

Decisamente molto più giovani, invece, gli italiani che hanno studiato in Spagna: tutti e 113 sono nati negli anni '80 (il più vecchio e del 1982), prevalentemente tra il 1987 ed il 1989.

Scorrendo le nazionalità dei 99 cittadini stranieri che hanno ottenuto il riconoscimento del proprio titolo di studio in odontoiatria spiccano i 21 spagnoli ed i 17 rumeni. Probabilmente i tanti studenti italiani presenti nelle loro università hanno parlato talmente bene del nostro Paese da convincerli trasferirsi.

Questa la mappa delle nazionalità di nascita degli odontoiatri stranieri che potranno iscriversi all'Ordine italiano: 8 brasiliani, 7 tedeschi, 3 cittadini nati in Bulgaria, Francia, Grecia, Perù, Polonia, Repubblica Ceca, Ucraina, 2 in Colombia, Lettonia, Venezuela e un dentista nato rispettivamente in Albania, Algeria, Angola, Arabia Saudita, Argentina,  Azerbaigian, Guatemala, Indonesia, Libano, Moldavia, Olanda, Paraguay, Ungheria.

Articoli correlati

I dati, più o meno ufficiali, continuano ad indicare la propensione per gli studenti italiani a recarsi all'estero per studiare odontoiatria.Secondo nostre fonti le università private...


Fermare tutti gli studenti che, non superando i concorsi di ammissione alle facoltà a numero chiuso, peregrinano in paesi appartenenti all'Unione Europea, dove vi sono università...


Un gruppo di autori italiani ha eseguito una revisione della letteratura SARS-CoV-2 e ha illustrato i protocolli di sicurezza in odontoiatria e medicina orale più accettati, proponendo un confronto...

di Lara Figini


La carie dentale è una delle malattie croniche più diffuse al mondo. Colpisce dal 60% al 90% dei bambini e gran parte della popolazione adulta (dati dell'Organizzazione Mondiale...

di Lorenzo Breschi


Altri Articoli

In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni