HOME - Inchieste
 
 
21 Maggio 2015

La fotografia dei laureati in odontoiatria in Italia. Il 25,7% ha frequentato in una Università lontano da casa


In questi ultimi anni i media ed i sindacati si sono interessati del Corso di laurea in odontoiatria e protesi dentaria dal punto di vista del numero potenziale di futuri dentisti (quanti possono iscriversi al primo anno) o per la qualità formativa offerta, almeno valutando il "gradimento" degli studenti.

Meno si è analizzato il sistema guardando i dati dei laureati. Per farlo Odontoiatria33 ha elaborato i dati forniti dal MIUR e riferiti ai laureati al 31 dicembre 2014 degli studenti laureati nel 2013, ultimo dato disponibile.

875 i laureati in odontoiatria (556 uomini e 302 donne), cinque anni prima i posti disponibili erano 758. Nel 2008 il test era ancora separato da quello di medicina. Sappiamo, invece, che con l'accorpamento a medicina avvenuto negli anni successivi, circa il 20% degli studenti abbandonano al secondo o terzo anno odontoiatria per passare a medicina, lasciando posti liberi che non possono essere occupati. Quindi nei prossimi anni i dati dovrebbero rilevare un numero inferiore di laureati rispetto al numero di posti disponibili.

A guidare la classifica degli atenei che hanno registrato più laureati Bari con 78 neo dentisti seguito da Roma Sapienza (66) e Milano (52).

Interessante verificare, nonostante in quell'anno non fosse stato attivato la graduatoria unica (le graduatorie erano per singolo ateneo), come 215 studenti si siano iscritti in un ateneo fori dalla propria regione di residenza.

Roma Sapienza (20 i laureati non residenti nel Lazio su 66 laureati), Milano Cattolica (20 i non residenti in Lombardia su 20 laureati), L'Aquila (18 i non residenti in Abruzzo su 28 laureati). Catania, Catanzaro, Milano Bicocca,Palermo, Pisa, Sassari gli unici Atenei che non hanno registrato laureati residenti fuori regione.

Un dato significativo considerando che, stando i dati rilevati dall'analisi condotta da ANDI in collaborazione con il Collegio dei Docenti di alcuni anni fa, che uno studente residente in una regione diversa dall'ateneo frequentato costa alla propria famiglia oltre 10 mila euro l'anno.

Per quanto riguarda gli studenti provenienti dall'estero, sono stati 15 quelli che si sono laureati.

Chieti l'ateneo con il numero più alto (3), seguito da L'Aquila (2), Bologna, Ferrara, Firenze, Varese, Messina, Milano, Milano Bicocca, Pavia, Siena, Trieste con uno.

Questi i dati elaborati

Ateneo

Maschi

Femmine

Totale laureati

Di cui laureati fuori Regione

Provenienti dall'estero

Bari

54

24

78

3

Bologna

15

9

24

4

1

Brescia

12

5

17

1

Cagliari

18

12

30

5

Catania

15

9

24

Catanzaro

8

3

11

Chieti

22

11

33

16

3

Ferrara

6

8

14

6

1

Firenze

10

18

28

2

1

Foggia

6

5

11

2

Genova

24

7

31

8

Insubria-Varese

12

6

18

3

1

L'Aquila

21

7

28

18

2

Marche

16

12

28

8

Messina

13

8

21

8

1

Milnano

32

20

52

14

1

Milano Bicocca

12

5

17

1

Milano Cattolica

14

6

20

20

Modena Reggio Emila

10

7

17

7

Napoli Fedrico II

13

8

21

2

Napoli Seconda uni

29

2

31

1

Padova

18

11

29

2

Palermo

17

5

22

Parma

12

6

18

10

Pavia

21

8

29

15

1

Perugia

3

3

2

Pisa

1

1

Roma Sapienza

36

30

66

20

Tor Verrgata

27

7

34

15

Sassari

5

8

13

Siena

12

7

19

10

1

Torino

18

15

33

1

Triestre

8

9

17

5

1

Verona

16

4

20

7

Totale

556

302

875

215

15


Norberto Maccagno

Articoli correlati

La notizia è che dopo alcuni anni torna il dibattito sul numero dei posti per l’accesso al corso di laurea in odontoiatria e sugli italiani che si laureano all’estero. Da...

di Norberto Maccagno


L'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Avellino ha istituito un bando per una borsa di studio da assegnare al neo laureato iscritto all'Albo dei medici ed a quello...


L'Italia non attrae i professionisti stranieri e neppure quelli italiani stando ai dati dell'Agenzia Nazionale di Valutazione dell'Università Anvur relativi alla mobilità dei...


Era il 2009 quando pubblicai sul Giornale dell'Odontoiatra una inchiesta in cui per la prima volta si indicavano dei numeri su quanti fossero gli italiani che si recavano all'estero per studiare...


Sembrano essere definitivamente finiti i tempi delle crescite a doppie cifre per gli iscritti all'Albo degli odontoiatri, infatti anche per il 2016 l'incremento è sotto all'1%: per l'esattezza...


Altri Articoli

Il dott. Nick Sandro Miranda informa delle criticità indicate dall’OMCeO di Udine spiegandone alcuni passaggi 


Sotto la lente dell’Autority presunte pratiche commerciali scorrette nell’offerta di servizi assicurativi, pratiche evidenziate anche nell’esposto ANOMEC


SIdP: parodontite e diabete, un pericoloso legame a doppio filo. Grazie ai dentisti si può prevenire attraverso diagnosi precoce ed individuare grazie a semplici test alla poltrona


Disappunto del dott. Mele su di una decisione dell’Agenzia delle Entrate che rischia di complicare la vita dei contribuenti in periodo di Covid e scadenze fiscali


Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta sul tema dell’Iva sui riuniti odontoiatrici nate da incomprensioni sulla lettura del Dl 34/2000 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali