HOME - Inchieste
 
 
16 Luglio 2015

Gli over '60 si rivolgono al dentista privato ma spendono meno di 300 euro. Controlli, detartrasi e revisione della protesi le prestazioni più richieste


Nei giorni scorsi hanno interessato i media i dati sulla scarsa propensione all'igiene orale degli over '60.

Grazie all'ufficio stampa di Federanziani siamo riusciti ad ottenere l'intera ricerca che offre interessanti spunti di riflessione sui bisogni di salute orale e sulle abitudini degli italiani "senior", popolazione importante dei pazienti degli studi odontoiatrici italiani.

Obiettivo del rapporto, spiegano da Federanziani, "è quello di fornire un quadro delle abitudini e dei consumi delle persone anziane in merito al rapporto con la salute orale e con i dentisti".

Il rapporto si compone di tre aree: igiene orale quotidiana e relativi prodotti; dispositivi protesici; apporto con il dentista.

In questo articolo sintetizzeremo proprio i dati che interessano il rapporto tra gli over '60 ed il proprio dentista, nei prossimi giorni analizzeremo quelli sugli altri argomenti indagati.

L'ultima volta che sono andato dal dentista era ....

Dall'indagine emerge che il 49% del campione interessato dall'indagine ha dichiarato di essere andato dal dentista almeno una volta negli ultimi 3 anni, il 34,7% ci è andato quanto ha avuto necessità, l'8,1% da oltre 4 anni, mentre l'8,4% ha detto di esserci andato raramente o mai.

Osservando il comportamento dei senior italiani in base alla ripartizione geografica di residenza, si è notato come la frequenza di visite dal dentista da 1 a 3 volte l'anno sia stata indicata solo dal 41% dei rispondenti residenti al Sud, dal 58% di quelli residenti al Nord e dal 61% di quelli residenti al Centro. Mentre si rivolge al dentista quando ne ha bisogno il 21% dei partecipanti all'osservatorio residenti al Centro, il 30% al Nord e il 43% al Sud.

Ci sono andato per ...

Prevalentemente gli over '60 si sono rivolti al dentista per controlli periodici (33.8%), per sedute di igiene professionale (23,4%), ribasature ed altri interventi di manutenzione protesica (13,4%), per problemi ai denti e gengive (13,4%), operazioni/estrazioni/impianti/espianti (5,2%).

Prevalentemente è il paziente residente al Centro ed al Sud il più attento alla prevenzione e visite di controllo, un po' meno attento quello residente al Nord.

Ho scelto un dentista ...

La stragrande maggioranza dei senior si rivolge ad un dentista privato (82,5%), in strutture pubbliche (9,2%), in studi privati convenzionati (6,8%), in un centro odontoiatrico in franchising (1%), dove capita, dove trovo posto (0,3%).

"L'assistenza odontoiatrica offerta dalle strutture pubbliche -evidenziano da Fderanziani- seppur scarsamente utilizzata dai cittadini in tutte le ripartizioni geografiche, presenta percentuali di utilizzo abbastanza differenti nelle tre circoscrizioni. Al Nord vi ricorre solo il 2%, al Sud il 5% mentre al Centro il 17%. Rispetto all'ampiezza del centro urbano di residenza, sceglie di rivolgersi ad un libero professionista il 90% dei rispondenti provenienti da centri con oltre 100.000 abitanti, il 70% circa nei centri con una popolazione inferiore a 30.000 abitanti e l'81% nei centri abitati da 30.000 a 100.000 cittadini".

Ho speso ...

Sul fronte spesa il 47,6% ha dichiarato spendere meno di 300 euro dal proprio dentista , il 26,6% ne ha spesi da 300 a 500 euro, l'8,6% tra 500 e 1.000 euro, il 4,8% tra 1.000 e 2.000 mentre il 1,7% oltre 2.000 euro. Non ricorda la spesa sostenuta dal dentista il 10,7%.
Rispetto all'area geografica di residenza dai dati emerge che al sul il paziente di oltre '60 anni spederebbe di meno che i coetanei residenti in altre zone d'Italia.

Spese sostenute, in prevalenza, di "tasca propria" visto ch eil 78% del campione ha dichiarato di non avere una assicurazione che copre questo tipo di spese.
Al Sud (23%) il numero più alto di over '60 con copertura assicurativa contro l'12% residenti al Nord ed l'11% dei residenti al Centro.

Articoli correlati

Pubblicato uno dei primi lavori europei riguardante l’impatto che il Covid-19 ha avuto sugli odontoiatri. Ricerca condotta grazie alla collaborazione tra Federazione Regionale degli Ordini...


Il Consejo Dentistas spagnolo ha pubblicato delle Linee Guida di protezione e di riduzione del rischio di trasmissione che possono aiutare l’odontoiatra a gestire la situazione...


Denunciato in Abruzzo abusivo sia odontoiatrico che odontotecnico


La Guardia di Finanza ha denunciato a Nizza Monferrato (provincia di Asti) un diplomato odontotecnico, con trascorsi da imprenditore della ristorazione, per esercizio abusivo della professione di...


Altri Articoli

Nella restaurativa abbiamo visto tutto e il suo contrario, nella protesi pure. Il tema affrontato dal prof. Massimo Gagliani è quello dei perni

di Massimo Gagliani


Berrutti (UNIDI): Lo spostamento di Expodental Meeting a giugno tiene conto del mutato calendario fieristico e della volontà di espositori e visitatori di incontrarsi nuovamente


La Regione: quelli che svolgono tirocinio sono da considerare a tutti gli effetti operatori sanitari ai fini della normativa in materia di profilassi vaccinale


L’Associazione chiede di inserire nel Milleproroghe l’esenzione IVA su tutti i DPI finché non sia definitivamente superato lo stallo delle vaccinazioni e superato lo stato di emergenza


Assessore Lopalco: Ci vuole un po’ di pazienza, ma nel giro di qualche settimana riusciremo a vaccinare tutti gli operatori sanitari, odontoiatri compresi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale