HOME - Interviste
 
 
19 Aprile 2016

Assumere un giovane odontoiatra può convenire, e non solo nell'immediato. Le opportunità offerte dal progetto ANDI e Italia Lavoro


Si chiama progetto FIXO ed è stato attivato da ANDI grazie ad un accordo sottoscritto circa un anno fa con Italia Lavoro. Con il recente supporto dell'Università il progetto si è completato ed è diventato pienamente operativo e sta cominciando ad attrarre dentisti e neo laureati.

Per capire le opportunità per gli studi odontoiatrici e i neo laureati ne abbiamo parlato con il Segretario Culturale ANDI Carlo Ghirlanda che ha seguito fin dalle prime fasi la nascita del Progetto.

Dott. Ghirlanda, perchè è nato il progetto FIXO?

Perchè l'epoca media di ingresso al lavoro in modo compiuto per un'odontoiatra è a circa 30 anni, e tale dato evidenzia le grandi difficoltà per il giovane neolaureato in odontoiatria nel trovare oggi una collocazione professionale ed economica adeguata a livello di conoscenze e di formazione conseguito.
Nell'agenda di ANDI il problema del lavoro per i neolaureati in odontoiatria è da tempo fra i temi di intervento prioritari: su tale versante abbiamo ricercato progetti in grado di sostenere attivamente la possibilità di inclusione dei neolaureati nel mondo del lavoro e ciò ci ha portato a prendere contatto con Italia Lavoro, che è un ente totalmente partecipato dal MEF e che opera per conto del Ministero del lavoro e delle Politiche sociali per la promozione e la gestione di azioni nel campo delle politiche del lavoro e dell'occupazione.

In cosa consiste il Progetto?

Si tratta della possibilità per un datore di lavoro socio ANDI di poter assumere un giovane laureato in odontoiatria entro i 29 anni di età con un contratto di apprendistato definito "di alta formazione e ricerca" che ha durata minima annuale e massima triennale, e non prevede obbligo di assunzione al suo termine. Il datore di lavoro che assume riceve da Italia Lavoro un bonus occupazionale una tantum pari a 6.000 o 4.000 euro, in base al fatto che il contratto preveda un'occupazione full o part time. A questo beneficio si deve aggiungere quanto previsto nelle agevolazioni contributive per l'apprendistato previsto nella legge di stabilità fino al 31 dicembre 2016.

Chi può aderire?

Tutti i giovani laureati in odontoiatra che frequentino corsi master universitari di I e II livello, corsi di perfezionamento, o che risultino inclusi in disegni di studio validati da un tavolo tecnico al quale prendono parte.

Quali sono i vantaggi per i dentisti che ospiteranno i giovani colleghi?

Al di là degli incentivi economici per l'assunzione già descritti il progetto prevede che siano interessati alla ospitalità quei dentisti vicini alla età del ritiro dalla piena attività professionale che abbiano la volontà di trasferire le loro conoscenze ed esperienze a giovani colleghi che possano nel tempo con loro associarsi e infine sostituirli, in parte o del tutto, nelle attività cliniche e nella titolarietà dello studio. Nella staffetta generazionale che si determina il giovane collega avvierà il suo percorso lavorativo con più rapidità ed efficacia, e chi si ritira potrà farlo ricevendone un riconoscimento.

Che ruolo ha l'università?

Il ruolo dell'Università nel progetto FIXO è quello di intermediazione ed accompagnamento al lavoro dei laureati, insieme all'integrazione tra ricerca scientifica e trasferimento di innovazione tecnologica al fine di accrescere e migliorare l'occupazione.

Come fanno i giovani laureati ad aderire? Ed i dentisti per dare la disponibilità per ospitare i colleghi?

Devono contattare la sede ANDI di riferimento e comunicare il loro interesse al progetto. In alternativa essi potranno anche direttamente contattare le segreterie sindacali e culturale di ANDI nazionale.

Articoli correlati

Congresso regionale ANDI Piemonte 2022


In uno studio retrospettivo, pubblicato sul Journal of Periodontology, gli autori hanno indagato gli effetti che i terzi mandibolari impattati (MTM) possono avere su se stessi e sui denti...

di Lara Figini


Le precisazioni di ANDI sulle indicazioni date in una loro circolare: attenzione registro Green pass (facoltativo) e registro privacy (obbligatorio) sono due cose differenti


Ovviamente divisi tra soddisfazione (Catene) per aver tutelato il lavoro ed amarezza (Sindacati odontoiatrici) per l’ennesima bocciatura ad una proposta che vuole tutelare la salute del cittadino


Altri Articoli

La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


Non cambia la sede, sempre Bologna, le iscrizioni (gratuite) entro il 25 marzo. Queste le nuove scadenze per invio abstract e poster


Firmato il DPCM sulle attività essenziali, non servirà il Green pass per accedere a cure e visite neppure per gli accompagnatori, fermo restando il rispetto delle regole sul triage


Il 7,2% di medici ed odontoiatri che, sulla piattaforma del Green pass, risultano ‘inadempienti’ e da verificare. Anelli: “si tratta di un dato grezzo che non fotografa la situazione reale”


ANSOC scrive al Ministero chiedendo un incontro insieme alle altre Associazioni di riferimento. Di Fulvio: “Inspiegabile ed assurda la riduzione di rimborso da somme già insufficienti a coprire i...


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
 
 
chiudi