HOME - Interviste
 
 
08 Settembre 2016

Cad Cam in studio ed in laboratorio. Questa la visione del "padre" di queste tecnologie


Il Prof François Duret è il "padre" di una tecnologia diventata parte integrante della moderna odontoiatria: il CAD CAM dentale.
Nel 1970 all'età di soli 22 anni iniziò gli studi che lo portarono dopo un decennio alla realizzazione della prima impronta ottica di un elemento dentale preparato. La sua figura è molto nota in Euro e negli Stati Uniti per il contributo che ha dato alla ricerca medica e per la docenza che ha tutt' ora alla University of Southern California (Los Angeles CA).

Sarà uno dei protagonisti del DentalForum di Asti in programma sabato primo ottobre.
Odontoaitria33 lo ha intervistato.

Prof. Duret quali vantaggi e svantaggi porta il Cad-Cam in odontoiatria?

Prima di rispondere alla sua domanda voglio ricordare che il Cad-Cam dentale non va confuso con il Cad-Cam in senso stretto. In ingegneria l'espressione Cad Cam si riferisce all'impiego congiunto di software per la progettazione (Computer Aided Desingn) e successiva fabbricazione (Computer Aided Manifacturing) assistita dal computer.
Il Cad CAm dentale comincia prima, dalla fase clinica, da un dente preparato la cui forma deve essere virtualizzata con l'utilizzo di complessi software per l'elaborazione delle immagini che vengono applicati direttamente al dente tramite uno scanner intraorale o a un modello analogico del dente ricavato da una impronta per contatto fatta con materiali di precisione.
Il Cam è soltanto l'ultimo anello di una lunga catena.
Ciò detto, i vantaggi sono quattro :

1) Trasforma gli elementi dentali in immagini virtuali sulle quali applicare una elaborazione digitale e quindi beneficiare di tutte gli strumenti offerti oggi dal computer in fatto di diagnostica e design di manufatti.

2) La scansione presa all' inizio della catena di elaborazione dei dati non è sensibile alle variazioni ambientali e consente archiviazione e riproduzione all' infinito.

Dobbiamo sempre tenere presente che i software di modellazione e di fabbricazione sono risposte cliniche a un problema di salute umano.

3) Va ad arricchire in odontoiatria le metodiche dei "Sistemi Esperti " che trovano applicazione nello studio dell' " Intelligenza Artificiale". Ancora poco incorporati inella nostra branca specialistica, avranno un forte sviluppo nei prossimi anni.

4) La semplificazione delle procedure cliniche, con riduzione dei tempi e dei costi costi della cura vanno a vantaggi per paziente e sono operatore dipendente.

Per me è difficile parlare degli svantaggi del Cad Cam dentale poichè ho speso tutta la mia vita a combattere contro i pareri negativi cercando di contrastarli punto per punto.

Le criticità "storiche" alla metodica sono due ma si stanno via via risolvendo:

1) il costo delle attrezzature segue le regole del mercato dei sistemi informatici e tende a ridursi progressivamente.

2) il tempo di apprendimento delle procedure cliniche si accorcia, ed oggi l'operatore può raggiungere una buon livello di apprendimento in tempi ridotti. Il problema sparirà rapidamente appena tutti gli Atenei Francesi inseriranno il Cad Cam dentale nelle materie di insegnamento. Ad oggi sono 5 le Università francesi che garantiscono questa formazione.

Prof Duret pensa che l'impronta ottica sostituirà completamente quella digitale? Se Si in quanto tempo.

Non ho alcun dubbio che questo accadrà veramente. La metrologia ci insegna che la misurazione senza contatto è molto più rispettosa dell'oggetto. Nel mondo dell'odontoiatria stiamo oggi assistendo a una progressiva unione tra radiazioni non penetranti dell'impronta ottica e quelle penetranti della radiolgia.
Questo melting rispettivamente tra file STL e DICOM viene oggi utilizzato per la diagnostica chirurgica e la progettazione protesica e sostituirà progressivamente nel giro di 15 anni le impronte per contatto e quelle digitali tradizionali.
Il trend è oggi inarrestabile, il 60% dei laboratori Francesi utilizza già tecnologie Cad Cam. Nulla può fermare questo processo irreversibile che è un bene per la medicina.

Secondo Lei il CAD CAM può essere integrato in tutti gli studi dentistici?

Si il Cad Cam dentale può inserirsi in ogni studio dentistico. I piccoli studi possono iniziare, e di fatto molto lo stanno facendo, con sistemi indiretti per entrare nel flusso digitale tramite scanner da laboratorio.
Le strutture più ampie per una questione di ritorno d'investimento stanno iniziando a lavorare con sistemi completi (Scanner intraorali ed eventuali unità di produzione).
Ma la fase di transizione durerà poco poichè assisteremo ad una caduta dei prezzi. Le nuove generazioni sanno che cos' è il Cloud, un sistema esperto, e pensano in modo digitale e utilizzeranno con grande naturalezza il Cad Cam dentale come la mia generazione utilizzava il fax la TV o il videoproiettore e le diapositive.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

Le criticità sul capitale in odontoiatria e i consigli per i pazienti che vogliono ottenere la sospensione dei finanziamenti attivati tra i temi toccati. A Catanzaro progetto pilota di informazione...


Lo ha stabilito il Tribunale di Milano. Per i pazienti lasciati con le cure a metà la situazione si complica ancora. Le indicazioni di Federconsumatori


In uno studio trasversale, pubblicato sul Journal of Oral Rehabilitation di agosto 2020, gli autori hanno cercato di identificare i fattori associati all’uso della protesi rimovibile in soggetti...

di Lara Figini


Aprire un dialogo con Istituzioni di settore e non, per definire un modello di odontoiatria che possa realmente tutelare il paziente tra gli obiettivi della nuova presidenza


Avrà tempo fino al 23 novembre per formulare una proposta o un piano d’intervento. 66 milioni di euro l’indebitamento indicato


Altri Articoli

La cura dei pazienti è affare diverso dall’infilare delle viti nell’osso. Così il prof. Massimo Gagliani commentando un articolo pubblicato sul JDR nel suo Agorà del lunedì ...

di Massimo Gagliani


Il Governo al lavoro per sitarlo e garantire la somministrazione al maggior numero di persone in tempi rapidi. Anelli (FNOMCeO) pensa di coinvolgere anche i dentisti


Il dott. Azzalin di Varese ci racconta la sua esperienza, diretta, di una visita nei NAS per verifiche igienico sanitarie ed amministrative


Richiesto al Ministero della Salute un report con tutti i procedimenti attivati dai vari ordini delle professioni sanitarie, odontoiatri inclusi, per violazione dell’art. 525 della 145/18


Il presidente dell’Ente di previdenza di medici e dentisti interviene durante la presentazione del 2° Rapporto Censis - Tendercapital sui buoni investimenti


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina