HOME - Interviste
 
 
26 Settembre 2016

CAD CAM ed odontoiatria, vantaggi per studio, laboratorio e paziente. I consigli del prof. Carlo Monaco


Carlo Monaco professore a contratto di Protesi Dentaria presso l'Università degli Studi di Bologna, segue come ricercatore il "nuovo mondo" dei materiali dentali venuti alla ribalta con la Computer Aided Manifacturing, la produzione assistita dal computer.

Sarà relatore al Dental Forum di Asti sabato primo ottobre 2016 (Odontoiatria digitale: benvenuti nel presente). In attesa dell' evento abbiamo fatto alcune domande al prof Monaco .

Una recente indagine KeyStone (pubblicata da Odontoiatria33) evidenzia che il 60% dei laboratori odontotecnici Italiani utilizza almeno in parte la tecnologia digitale per la realizzazione dei manufatti protesici. Tra l'altro il Prof Prof François Duret, ci informa che la situazione in Francia è del tutto analoga con il 60% dei laboratori che utilizzano il CAD CAM .

L'indagine Key-Stone fotografa in modo chiaro la realtà Italiana. Personalmente collaboro con diversi laboratori dove il 100% della produzione è digitale; questo poichè i vantaggi delle nuove tecnologie sono enormi per il paziente, il dentista e il laboratorio .

È il trend per il futuro come lo vedi?

Il digitale è il presente dell'odontoiatria anche se c'è ancora molto spazio per la crescita. Nei laboratori le tecnologie digitale hanno superato la precisione dei sistemi tradizionali . Oltre a questo il digitale consente l'utilizzo di materiali nuovi che offrono vantaggi in fatto di estetica, durata, rapidità di realizzazione e costo. Il digital workflow o flusso digitale, oggi nasce ancora, nella maggior parte dei casi, dalla scansione di un modello analogico in laboratorio a cui segue il design al CAD e la successiva produzione assistita al computer (CAM) con tecniche di addizione (LaserMelting) o sottrazione (milling). A livello ambulatoriale i clinici possono contare su sistemi di impronta digitale sempre più precisi ed affidabili. La diffusione degli scanner da impronta endorale sta crescendo grazie ai costi che diventano sempre più accessibili. Nell'immediato la tecnologia scan & done, senza modello consente al clinico e all' odontotecnico di realizzare restauri precisi in tempi rapidi senza l'utilizzo dei materiali da impronta.

Quali sono secondo te le nuove opportunità che si aprono con la digitalizzazione dell'odontoiatria?

Per l'odontotecnico aumentano notevolmente le competenze richieste. Le basi dell' odontotecnica tradizionale sono imprescindibili ma andranno associate ad elevate competenze in ambito digitale. Conoscere la morfologia del dente e modellarlo in cera per imparare poi a disegnarlo con il mouse. Tutto questo apre nuove opportunità di lavoro nei grossi centri di produzione e fresaggio i cosidetti service che si stanno diffondendo. Il clinico dovrà affrontare lo scoglio di nuovi investimenti legati alla digitalizzazione che portano però a una riduzione dei tempi di lavoro, a un eccellente ritorno d'immagine da parte dei pazienti

Lavori in una struttura universitaria, l'Università di Bologna, che è un considerata il fiore all'occhiello in Italia per quanto riguarda le nuove tecnologie. Quale percorso formativo deve affrontare un neolaureato per entrare preparato nel mondo del lavoro. Quali consigli puoi dargli?

Occorre cercare di prendere il meglio da tutti, ascoltando , confrontandosi con gli altri ma poi imparare a pensare con la propria testa perseguendo la propria strada. Per fare questo il neolaureato non deve sedersi ma guardarsi intorno iniziando a seguire nell' enorme panorama dell' offerta formativa che c'è nel nostro paese, ciò che più lo interessa.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero preofessionsita Twitter @DavisCussotto



Articoli correlati

La domanda estetica sta diventando predominante pertanto cresce l'utilizzo della ceramica integrale. Fattore chiave dell' estetica è la traslucenza. Anche se le corone monolitiche in zirconia...


Gli autori hanno confrontato l’accuratezza della posizione in 2D e 3D di quattro protocolli chirurgici implantari guidati utilizzando un’analisi delle deviazioni lineari e angolari

di Lara Figini


Il dibattito tra FNOMCeO e Regioni sull’uso della Telemedicina, può essere d’indirizzo per l’applicazione odontoiatrica di un servizio comunque utile in questa fase post Covid


L’utilizzo della sistematica CAD/CAM negli ultimi anni è sempre più diffusa in tutti gli ambiti dell’odontoiatria. Il processo digitale di solito è efficiente in termini di...

di Lorenzo Breschi


Pratica, utile e praticabile avendo presente le norme ed adottando alcune accortezze. Questi i consigli dell’avvocato Stefanelli che ricorda come a guidare deve essere etica e buonsenso


Altri Articoli

Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


Il presidente Landi su Open Access Government: la pandemia può essere un’opportunità per favorire l’accesso alle cure odontoiatriche e ripensare il futuro del settore


ANTLO incaricata dalla Regione di raccogliere i dati di tutti i titolari di laboratorio, socie e dipendenti inserendoli nel sistema di prenotazione della Regione


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta