HOME - Interviste
 
 
13 Febbraio 2017

L'odontoiatria digitale non è solo protesi. Il punto con il neo presidente della Digital Dental Academy, dott. Massimo Nuvina


Il dott. Massimo Nuvina è il nuovo presidente della Digital Dental Academy società responsabile del programma culturale del 4° Congresso internazionale che dal 24 marzo 2017 raccoglierà a Parma i massimi esperti di odontoiatria digitale. Una odontoiatria digitale, quella approfondita nella due giorni parmense, a 360 gradi, non solo protesi quindi ma anche le sue declinazioni in endodonzia, odontotecnica, implantologia e ortodonzia.

Dott. Nuvina ci dica di questa sua nomina e del programma del suo triennio di presidenza

La Digital Dental Academy (DDA) non può definirsi una Società Scientifica nel senso più tradizionale del termine, anzi, scherzosamente noi amiamo ripetere "nessun socio ma molti amici" come slogan per le nostre manifestazioni al fine di enfatizzare il disegno che, sin dall'inizio, abbiamo avuto noi fondatori. Mettere a disposizione della comunità scientifica odontoiatrica globale - formata da odontoiatri e odontotecnici - che si voglia interessare di digitale nella nostra disciplina i contributi del congresso, delle giornate di formazione e, soprattutto, il sito  e la nostra pagina FaceBook.
Noi vogliamo essere solo i catalizzatori, in modo che ognuno possa esprimere le proprie peculiarità, le esperienze maturate in questo settore innovativo della professione. Io, come del resto hanno fatto e faranno i miei amici, affronto il periodo di Presidenza come un ruolo di servizio; le decisioni sono sempre collegiali e poco controverse, tanta è l'affinità culturale che ci lega.

Parma 2017, quali sono le proposte?

Il Congresso è sempre il momento cardine della nostra stagione: quest'anno le tematiche saranno, come al solito, assai varie. Cominceremo dalla conservatrice, inglobando endodonzia e restaurativa post-endodontica nel primo pomeriggio di venerdì. Il prof.Elio Berutti di Torino ci illustrerà i benefici delle soluzioni digitali nella diagnostica in endodonzia, lui che ne è stato uno dei padri.
Seguirà il duo Spreafico-Gagliani con la ricostruttiva dei denti trattati endodonticamente mediante tecniche CAD/CAM, una soluzione che, in un futuro non tanto lontano, permetterà di eseguire trattamento endodontico e ricostruzione indiretta in un'unica seduta.
Non mancheranno le problematiche organizzative legate al digitale e il mio intervento sarà proprio incentrato su queste; ho digitalizzato molte delle mie procedure cliniche. Vorrei, con questa conferenza, mettere a parte tutti i colleghi delle difficoltà e delle grandi opportunità che l'informatica in senso lato mette a disposizione dei dentisti

Già così sembra un programma molto ricco, ma vedo molte altre relazioni

Certamente; la parte protesica sarà interpretata da due colonne della disciplina, il dott Massimo Fuzzi di Bologna e il dott. Ignazio Loi di Cagliari. E' un onore poterli ospitare e siamo molto curiosi di sapere come due professionisti di fama internazionale hanno condotto il loro passaggio al digitale.
Darà manforte al dott. Fuzzi, il dott. Franchini. Siamo sicuri che il loro contributo clinico sarà, come sempre, di livello eccelso; una grande soddisfazione per noi il fatto che abbiano deciso di partecipare.

Il digitale sembra avere cancellato il supporto dell'odontotecnico in studio, è d'accordo?

Il supporto dell'odontotecnico è, e rimarrà, a mio modesto parere, fondamentale. Non a caso gli odontotecnici, in molte circostanze, sono più preparati degli odontoiatri nel campo del digitale.
Uno di loro, Fabrizio Molinelli ha sviluppato assieme a Massimiliano Rossi, un software per l'analisi del sorriso che sta avendo riscontri e riconoscimenti a livello mondiale; testimonianza della qualità che la professione italiana ha nel contesto internazionale. Ne riferirà assieme al sig. Rondoni, odontotecnico di eccellente professionalità che, essendo impegnato in altri contesti internazionali, farà i salti mortali per essere a Parma con noi.

Quale l'influsso del digitale nell'odontoiatria moderna e come avete deciso di affrontarlo

Forse l'implantologia è la disciplina odontoiatrica che più di ogni altra può trarre vantaggio dalle tecnologie digitali: la progettazione degli interventi, l'esecuzione chirurgica e la riabilitazione protesica sono oggi determinabili con grande precisione attraverso le tecnologie digitali.
Quindi gli interventi del prof. D'Amato dell'Università di Napoli e di un giovane, ma già affermato professionista, come il dott. Scaringi saranno sicuramente esaustivi a riguardo.

Il programma sembra essere assai ricco già così ma mi pare di vedere anche altri temi

Certamente, un convegno del genere non poteva non avere una tematica riguardante l'estetica dentale. Abbiamo deciso di svilupparla in due sensi.
Il dott. Mintrone darà inizio a un sabato mattina, mi passi il termine, pirotecnico; la qualità clinica e le soluzioni estetiche che Francesco propone sono di livello mondiale, degno erede di una scuola, quella di Mauro Fradeani, che noi abbiamo sempre apprezzato e che lo scorsa anno ci ha dato l'onore di aprire il convegno.
Abbiamo aggiunto, attraverso il contributo di due "quasi millenials", le dott.sse Giraudo e Gavazzi, un contributo riguardante la progettazione degli allineatori invisibili per mezzo di scanner intraorali. Una soluzione estetica per rendere estetico il proprio sorriso senza essere invasivi.

Ho visto che all'interno del programma ospitate anche il dott Marco Landi, presidente Council of European Dentists (CED) -, cosa porterà?

Le normative sull'uso del digitale sono assai chiare ma numerosi cavilli sono stati da più parti sollevati; da un lato la classe odontotecnica vuole chiarezza a riguardo, dall'altro gli odontoiatri hanno delle riserve sulle norme. Portare un contributo che diradi le nebbie e che fornisca le giuste prospettive al settore ci pareva pertinente; il presidente Landi senza dubbio la persona più indicata per il ruolo che oggi ricopre a livello europeo.

Cosa mi è sfuggito e non le ho cheisto?

In effetti c'è dell'altro. Recentemente il nostro sodalizio ha stretto un accordo con il team di fama internazionale che fa capo al dott. Walter Devoto e al prof. Angelo Putignano; questa squadra dalle mille risorse si chiama Styleitaliano e rappresenta forse la unica vera novità digitale nel mondo della formazione odontoiatria. Un vessillo della qualità italiana nel contesto odontoiatrico internazionale, avendo quasi 200.000 followers dispersi nel Mondo ma uniti da un'unica grande volontà: fare un'odontoiatria di alta qualità e diffonderne l'insegnamento con lo strumento di comunicazione più potente a nostra disposizione, il web.
Walter e Angelo hanno identificato in DDA un partner per coprire le competenze del digitale; noi siamo stati onorati di questo riconoscimento e, lo confesso, anche un po' spaventati. Le richieste del web sono pressanti e non si possono deludere, noi tutti siamo "non nativi digitali" e quindi un po' arrugginiti ma, con l'esperienza che deriva da oltre quarant'anni di professione e di congressi, sapremo difenderci e non deludere le loro aspettative. Ci fa enormemente piacere che StyleItaliano abbia deciso di rimanere la domenica successiva per fare un piccolo "closed-meeting" cui noi fondatori della Digital Dental Academy parteciperemo con piacere.

Tutti a Parma, dunque?

Certamente. Ma Parma è solo la prima tappa di una serie di appuntamenti che già lo scorso anno hanno avuto un grande seguito; il sito della Digital e la pagina FaceBook saranno il luogo dove trovare informazioni utili per le altre nostre iniziative e per sviluppare quella comunità di conoscenze che sta gradatamente crescendo con lo spirito libero e amichevole che ha, da sempre, contraddistinto la nostra Accademia.

Articoli correlati

Quando: 23-24 Marzo 2018 Dove: Pollenzo (CN)Per infomrazioni a questo link


L'odontoiatria, al pari di altri campi della medicina e di altre professioni, è profondamente influenzata dalla rivoluzione tecnologia. Una rivoluzione strutturale ma anche (e soprattutto) di...


Saranno le Langhe ed in particolare Pollenzo (Cn), ad ospitare (il 23 e 24 marzo 2018) l'edizione numero 5 del Congresso Internazionale sull'odontoiatria digitale organizzato dalla Digital Dental...


In ortodonzia, la forma dell’arco è considerata importante soprattutto per stabilità, occlusione ed estetica. L’arcata tende a ritornare verso la forma di pretrattamento...

di Davide Elsido


Altri Articoli

Capofila del progetto, in quanto Regione promotrice dell’iniziativa contenuta nel piano di lavoro, è la Basilicata


Presso FICO di Bologna un nuovo appuntamento con “La Piazza della Salute”, aperto a tutti e all’insegna dell’informazione e prevenzione partendo dalla salute dei propri denti fino a uno...


Fino a sabato confronto tra gli esperti sui temi, classici e non, della patologia e della medicina orale


Gli odontoiatri in prima linea per individuare fenomeni di violenza, dall’Ordine di Medici di Napoli le “direttive” 


Oltre alla clinica anche il cambio di consegne alla presidenza e le elezioni di chi guiderà SIDO dal 2023 


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi