HOME - Interviste
 
 
21 Febbraio 2017

Endodonzia semplice e chiara grazie ad un libro. Aggiornato il testo di Francesco Somma


Supera ampiamente le cinquecento pagine il testo "Endodonzia - Principi di base, procedure operative e tecniche" edito da Edra-Masson. Ne è autore Francesco Somma (nella foto), professore presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.

Giunto alla seconda edizione, il testo nasce dalla consapevolezza, maturata dall'autore nell'ambito della vita universitaria, dell'attività congressuale e della ricerca, che il ritmo di scoperte, innovazioni tecnologiche e relative proposte terapeutiche è così incalzante da non permettere, a volte, di "riflettere" sulla reale bontà, utilità e affidabilità di una terapia o di uno strumento. Somma riesce nell'intento di rendere una disciplina, spesso gravosa e poco gratificante, più semplice, chiara e accessibile

Professor Somma, il testo si rivolge allo specialista o al dentista generico?

Il testo si rivolge sicuramente allo specialista, ma con un'impostazione didattica, frutto di anni d'insegnamento, che lo rende accessibile e, quindi, molto utile anche al dentista generico. Quest'ultimo, infatti, potrà chiarire molti concetti dell'endodonzia e migliorare le proprie prestazioni terapeutiche, portandole in maniera semplice e chiara ad un buon livello di eccellenza e di soddisfazione.

Qual è l'importanza e la ragion d'essere del libro?

Il pregio del volume è, a mio avviso, quello di offrire un prodotto lineare, chiaro ed aggiornato, con ottima iconografia e con indicazioni operative di estrema utilità. Un testo che può costituire una fonte d'indirizzo per chi inizia e di aggiornamento per chi già esercita da tempo. Altro elemento pregevole è la presenza di contributi da parte di altri docenti della disciplina, che conferiscono al testo una completezza di vedute e un'importante autorevolezza scientifica e teorico-pratica.

Perché si è resa opportuna una seconda edizione?

Ho sentito l'esigenza di aggiornare e rivedere il mio libro di endodonzia perché, a distanza di dieci anni dalla prima edizione, le innovazioni tecnologico-metallurgiche, da un lato, e quelle concernenti la biologia e microbiologia del sistema canalare, dall'altro, sono così incalzanti e determinanti da rendere, per molti aspetti, in parte superate alcune delle metodiche descritte solo pochi anni or sono. A tutto ciò va aggiunta la messa a punto di materiali e sostanze sempre più biocompatibili ed efficaci nella terapia endodontica, in modo che questa risulti più "semplice" e più predicibile. In questo modo viene a essere migliorata e snellita di molto l'attività operatoria degli endodontisti, permettendo inoltre a un sempre maggior numero di odontoiatri di dedicarsi con fiducia ed entusiasmo all'endodonzia, ritenuta per troppo tempo una disciplina complessa, difficile e praticabile solo da "addetti ai lavori".
In quest'ottica sono stati rivisti soprattutto i capitoli dedicati all'alesaggio biomeccanico del sistema canalare, alla sua otturazione e agli aspetti microbiologici della terapia endodontica, inserendo nuove sequenze strumentali, tecniche d'irrigazione e sistemi di chiusura canalare.

Quanto è importante per un dentista aggiornarsi continuamente e quali sono le modalità migliori per farlo?

L'aggiornamento del professionista odontoiatra, alla luce della necessaria qualità delle terapie proposte e delle elevate aspettative del paziente, è oggi un elemento fondamentale nella pratica professionale, anche alla luce delle frequenti contestazioni medico-legali, che investono tutte le professioni mediche e, in particolare, la nostra.
In quest'ottica un testo di riferimento, che presenta un'argomentazione così dettagliata e accurata della materia endodontica, assume un'importanza fondamentale, sia come guida per gli studenti sia come volume di riferimento per l'odontoiatra, che voglia documentarsi sulle più recenti tecniche operative.
A questo, naturalmente, deve accompagnarsi la frequenza a convegni e corsi della disciplina, che mettono in condizione il professionista di trasferire alla pratica quanto acquisito in teoria.

A questo link le informaizoni sul libro

Adelmo Calatroni

Articoli correlati

La Fondazione Eklund ha annunciato i 4 candidati selezionati per ricevere i fondi per quest'anno. Tra le candidature provenute da nazioni di tutto il mondo, quattro meritevoli progetti di ricerca in...


Perché questa metodica ricostruttiva non sembra incontrare i favori della gran parte dei clinici? Alcune considerazioni sul tema del prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì

di Massimo Gagliani


Quando la CBCT permette di salvare più denti e mettere meno impianti. Lo spiega il prof. Massimo Gagliani nel suo Agorà del Lunedì commentando una ricerca del BDJ

di Massimo Gagliani


Una ricerca italiana pubblicata sul Journal of Dentistry prende in esame le prestazioni cliniche dei restauri indiretti parziali in disilicato di litio utilizzate per restaurare premolari e...

di Lorenzo Breschi


Gli strumenti rotanti in nichel-titanio (NiTi) possono presentare un rischio maggiore di frattura intra-operatoria all’interno del canale radicolare.Si può affermare che:la...

di Lara Figini


Altri Articoli

Aziende     15 Gennaio 2021

Il 2021 visto dal Phibo

L’odontoiatria digitale, le nuove acquisizioni, il CEO ed il Direttore dell'Innovazione del  Gruppo Phibo svelano i progetti futuri


Vietato uscire dalle regioni anche se in zona gialla fino al 5 marzo. Nei prossimi giorni altro DPCM con ulteriori restrizioni


Pollifrone (CAO Roma): ora oltre medici, odontoiatri e igienisti dentali liberi professionisti si deve garantire la vaccinazione anche a tutto il personale di studio


Il Ministero della Salute rivaluta la misura compensativa, così come richiesto dal TAR del Lazio. Le indicazioni della Commissione Albo Nazionale degli Igienisti Dentali


63 mila gli iscritti, il 64%% ha più di 50 anni. Tra gli under 34, le donne sono il 44% del totale


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta