HOME - Interviste
 
 
25 Luglio 2017

Avviamento alla professione odontoiatrica e medica. Nuova materia di studio per L'Università de L'Aquila


Già dal prossimo anno gli studenti dei corsi di Corsi di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria e di Medicina dell'Università degli Studi de L'Aquila avranno una nuova materia che punta a preparare i futuri dentisti ad entrare nel mondo del lavoro.

A darne notizia con un ampio servizio è stato il Giornale della Previdenza dell'ENPAM del mese di luglio 2017.

Il corso prevede 1'CFU, con verifica di apprendimento finale, e tratta di tutti gli argomenti che devono essere bagaglio culturale del neo medico e odontoiatra per svolgere una attività professionale proficua e responsabile.

Il Codice Deontologico, la struttura degli Ordini Professionali, il sistema previdenziale con particolare riguardo all'ENPAM per gli odontoiatri, la maggior parte dei qualisvolgono la propria attività in qualità di liberi professionisti, la responsabilità professionale alla luce delle attuali normative, l'assicurazione professionale, il regime autorizzativo degli studi odontoiatrici, nozioni di interesse fiscale, sono solo alcuni dei temi trattati durante il corso dal docente.

L'iniziativa nasce dalla stretta collaborazione tra la CAO e l'OMCeO della provincia dell'Aquila nelle persone dei due Presidenti, il dott. Luigi Di Fabio e il dott. Maurizio Ortu da tempo professori a contratto dell'Ateneo e i professori Roberto Gatto e Leila Fabiani, presidenti rispettivamente del CLMOPD e del CL in Medicina e Chirurgia.

Ma come è nata l'idea di introdurre l'insegnamento di questa materia?

"In realtà -spiega il presidente Di Fabio- presso il Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria già da diversi anni queste problematiche sono state illustrate agli studenti in relazione alla mia esperienza di presidente CAO e soprattutto di odontologo forense; si deve però alla sensibilità del presidente prof. Gatto l'introduzione dell'insegnamento, ritenuto proficuo e necessario per arricchire la didattica con questi argomenti. Ciò si è reso possibile grazie alla collaborazione tra OMCeO ed Università, credo per la prima volta nel mondo accademico, che ora si è concretizzata in questa nuova materia inserita nel piano degli studi del 6°anno".

"D'altronde aggiunge il prof. Gatto- osservando l'attuale complessità nello svolgimento della professione odontoiatrica, non soltanto negli aspetti prettamente professionali, ma anche dal punto di vista legislativo e burocratico, di non sempre facile individuazione, ritengo utilissimo che i futuri odontoiatri apprendano le nozioni previste dall'insegnamento. Consapevole dell'estrema utilità del corso, ho recepito favorevolmente il progetto del presidente Di Fabio: è motivo di grande soddisfazione essere stati i primi a "formalizzare" questa iniziativa. Ritengo anche che su tali motivazioni si fondil'iniziativa del presidente dell' Enpam Alberto Oliveti che, recentemente, proprio qui nell'Aula Magna della nostra Università, ha informato circa la realizzazione di un progetto finalizzato all'iscrizione all'Ente previdenzialedegli studenti del 5° e 6° anno del corso di laurea".

Come pensate possa essere "utilizzata" questa esperienza nel mondo accademico odontoiatrico italiano?

"Già nel 2014 -speiga il presidente Di Fabio- insieme ad un valido gruppo di collaboratori ho pubblicato il "Manuale per l'esercizio della professione odontoiatrica" di cui fu data notizia anche dal vostro giornale. Con il passare del tempo ci siamo resi conto dell'estrema velocità con cui si susseguono cambiamenti legislativi, previdenziali, ordinistici ed oggi più di ieri ritengo indispensabile che l'informazione ai futuri odontoiatri sia trasmessa in tempo reale, completata da lezioni "frontali"e da corsi di aggiornamento continu".

Per il prof. Gatto, "gli argomenti trattati nel corso di "avviamento alla professione" devono essere conosciuti, assimilati dal futuro professionista ed essere un bagaglio culturale consistente per creare le basi per un esercizio corretto, consapevole e responsabile della professione che completa le nozioni scientifiche teorico-pratiche di base e caratterizzanti del corso di studi dell'Odontoiatra.
Auspico che la nostra iniziativa sia accolta favorevolmente e realizzata in tutti gli Atenei italiani, da parte mia mi adopererò nelle opportune sedi istituzionali perchè questo avvenga".

Altri Articoli

Antonio De Falco

De Falco (CIMO): i medici nelle ore che dovrebbero dedicare alla formazione, devono svolgere le funzioni aziendali per sopperire alle carenze di personale


Landi (CAO Lodi): inconcepibile escludere i dentisti dalla distribuzione degli strumenti di protezione, si mette a rischio la loro salute e quella dei pazienti


Lo racconta via Skype Matteo Groppi, odontoiatra titolare di studio a Codogno. Queste le criticità sociali e professionali, ma c'è anche qualche aspetto positivo


Il SIASO rassicura i colleghi: sicure le normali procedure adottate dagli studi per la sicurezza sul lavoro. Ecco i casi in cui ci si può assentare dal lavoro e quelli non consentiti


Ai medici e dentisti sussidio sostitutivo e sospensioni dei contributi previdenziali. Intanto anche il Governo proroga i versamenti per i tributi


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ecco come vive un dentista nella Zona Rossa del Coronavirus