HOME - Interviste
 
 
10 Ottobre 2018

Costruire un bel sorriso è come costruire una bella casa

La visione del dentista dei Vip Miguel Stanley: nessun “mezzo sorriso”

Nor. Mac.

L’arrivo in Italia di Cristiano Ronaldo ha scatenato i media che hanno cercato ogni più piccola curiosità sul più famoso giocatore in attività al mondo. Tra queste anche le sue abitudini odontoiatriche e così si è venuto a sapere che il suo sorriso, sfoggiato dopo ogni goal, è opera del dott. Miguel Stanley

Cercando conferme e curiosità, lo abbiamo intervistato grazie alla amicizia che lo lega con il prof. Lorenzo Breschi, presidente AIC. Su CR7 il dott. Stanley non ha voluto parlare e non ci ha neppure confermato di essere il suo dentista (ma le foto pubblicate su Facebook che lo ritraggono con il giocatore a Torino sembrerebbero confermarlo) però ci ha raccontato come vive la professione un “dentista dei Vip”

Basta leggere il suo curriculum per capire che la visione dell’odontoiatria dott. Stanley ha una angolazione non comune: chirurgo dentista, conduttore televisivo, produttore esecutivo, autore e docente internazionale, con sede a Lisbona, in Portogallo. Nato a Durban, in Sudafrica, da madre inglese e padre portoghese, si è laureato in odontoiatria nel 1998 e ha continuato a specializzarsi in implantologia e odontoiatria estetica nel 1999-2000, permettendogli di concentrarsi, all'inizio della sua carriera, su complessi avanzati riabilitazione orale. E’ fondatore e direttore clinico, della White Clinic a Lisbona in Portogallo, dove dirige un team di dentisti altamente specializzati che si occupa di tutto, dall'odontoiatria di base alle riabilitazioni complete.

Negli ultimi 15 anni ha tenuto conferenze in tutto il mondo, e traghettato la sua pratica e il suo studio nell'era digitale. Oggi ha un team interamente dedicato al flusso di lavoro digitale completo in odontoiatria. Ha creato la filosofia No Half Smiles e il concetto di Slow Dentistry. È appassionato di etica e qualità in odontoiatria. “Mi piace condividere la mia visione dell’odontoiatria con le generazioni future di dentisti più giovani” ci dice ricordandoci che saranno loro a determinare come continuerà la professione.  


Cosa insegna alle generazioni future, quale è la sua “visione” dell’odontoiatria? 

Dopo 21 anni di professione ho capito che quasi tutti quelli che vengono in clinica hanno lo stesso desiderio. Quindi, quando chiediamo la nostro paziente "Allora, cosa ti porta qui oggi?" gli poniamo una domanda ridondante.Abbiamo 32 denti in bocca che lavorano insieme per permetterci di masticare, ci aiutano nella fonetica, ci aiutano a sostenere l'ATM, sono l'elemento più importante nel nostro sorriso e di conseguenza, ci sono almeno 32 potenziali problemi che possono verificarsi nella bocca di un paziente. Quando un paziente arriva in clinica, quello che più probabilmente desidera è avere un bel sorriso, avere denti sani, gengive e parodonto sano, nessuna infezione, una buona articolazione temporo mandibolare in modo da avere una buona occlusione ed evitare di avere cefalee e ripercussioni a livello del rachide cervicale, essere in grado di lavarsi i denti senza sanguinamento o dolore, vogliono avere denti bianchi (ma non troppo bianchi). In sintesi: vogliono avere denti naturali e sani. Se una persona ha la fortuna di essere nato con un sorriso naturalmente bello, probabilmente non avrà bisogno di altro che una semplice visita e sedute di igiene orale. Tuttavia, per milioni e milioni di persone in tutto il mondo che non hanno i denti sani o esteticamente soddisfacenti, che sono stati sottoposti a una cattiva odontoiatria, hanno subito incidenti o traumi, denti cariati a causa di cattiva alimentazione, ridare loro un nuovo sorriso può essere molto complicato. A questi pazienti, quando vengono nei vostri studi, la maggior parte delle volte direte: “come posso aiutarla”? Ecco un’altra domanda ridondante. C'è un solo modo in cui in cui potete aiutare quella persona e cioè ripristinando completamente la bocca, da una prospettiva biologica, da una prospettiva funzionale e da una prospettiva estetica e cosmetica. 


Una soluzione un po’ drastica e non certo semplice 

Certamente il dentista deve risolvere molte sfide per riuscire ad effettuare un restauro completo. Una delle maggiori sfide sarà il tempo. I pazienti, spesso, non hanno tempo, hanno orari impegnativi, sia che il paziente sia l’amministratore delegato di una importante azienda, un personaggio famoso o semplicemente una persona il cui stile di vita non concede molto tempo.  


Però c’è anche la questione costi.  

Certo. Non ho intenzione di entrare nel merito dei costi in odontoiatria, perché i costi variano in modo considerevole a seconda di molti fattori, ad esempio dove lavori. Se sei un dentista con lo studio in provincia, l'affitto sarà più economico rispetto a quello di uno studio nel centro di una grande metropoli. Il costo dell'odontoiatria è molto condizionata dall’economia del Paese in cui viene esercitata, tuttavia nulla di questo dovrebbe influire sulla qualità della cura che date al vostro paziente.  Un'altra sfida sarà la qualità del Team odontoiatrico che collabora con voi. Questo è un aspetto della massima importanza. La qualità del personale, la sua preparazione, il tipo di tecnologia di cui lo studio è dotato, il laboratorio con cui lavorate ecc. sono di primaria importanza se volete fornire un'odontoiatria di qualità. Costruire un sorriso nuovo di zecca è come costruire una casa e la più grande sfida che affrontiamo oggi. Molti dentisti sono convinti di dover negoziare con il proprio paziente il piano di cura. Questo non deve accadere. Le faccio un esempio. Se lo stesso paziente va da un oculista e gli viene proposta una chirurgia correttiva con laser in entrambi gli occhi non posso immaginare che il paziente quando il medico gli presenta il preventivo dica: "Dottore, potrebbe per favore operare solo sul 20% del mio occhio sinistro e farò il resto tra 6 mesi perché non posso permettermi di farlo tutto in una volta". Nessuno lo direbbe, e questo succede per tutte le altre branche della medicina. Il paziente non prova a negoziare con il cardiologo il piano di trattamento o la sequenza di trattamento proposta. Tuttavia, è qualcosa che accade ogni giorno in odontoiatria.  


Perché paragona la cura del sorriso di una persona al costruire una casa?

Nessuno ha bisogno di una finestra, nessuno ha bisogno di una porta o di un impianto idraulico. Quello di cui hai bisogno è l'intero pacchetto, il comfort, la sicurezza e la sicurezza di una casa. Per ottenerlo c’è bisogno di queste infrastrutture, di cavi, di tubature, pareti e soffitto e naturalmente vorrete anche che la vostra casa sia bella e questo è esattamente quello che succede quando costruiamo un sorriso nuovo di zecca. Dobbiamo assicurarci che non ci siano infezioni, non solo su un dente ma su tutti i denti, dobbiamo assicurarci che le gengive siano sane, non solo un dente, ma su tutti i 32 denti. Dobbiamo assicurarci che l'occlusione sia buona, che la dimensione verticale sia stabile, quindi tutti i muscoli e l'ATM siano in armonia e ciò richiede molto tempo e preparazione. Dobbiamo essere sicuri che la capacità masticatoria sia buona, non solo sul lato sinistro ma anche sul lato destro e poi, vogliamo rendere il sorriso bello, vogliamo che il paziente si senta a suo agio quando si guarda allo specchio. Questo è il fondamento della mia filosofia di trattamento, il "No Half Smiles®".Non è giusto che un paziente continui a cercare di negoziare con il loro trattamento che gli proponiamo quando il risultato finale, che è la loro felicità, dipende dal fatto che tutti i denti siano sani, funzionali ed estetici. Quindi, costruire un bel sorriso è come costruire una bella casa. 

Articoli correlati

Dei camici, o meglio, sull'abbigliamento che devono avere gli odontoiatri e loro collaboratori e/o, più in generale, coloro che esercitano una professione sanitaria, si parla molto poco, per non...


Sulla questione del diploma di specialità e della possibilità di collaborare o partecipare ai concorsi da dirigente medico nel SSN non potevamo non chiedere il parere dell’Università che, negli...


Nei mesi scorsi Odontoiatria33 si era occupata più volte di Implantomat dando la notizia delle “vicissitudini” del Gruppo di studi odontoiatrici mostrate dai servizi di Striscia la Notizia. Nei...


“Non c'è un aumento della trasmissione delle malattie infettive da parte della popolazione migrante”. A ribadirlo è il ministro della Salute On. Giulia Grillo nel corso della presentazione in...


Altri Articoli

Con le prime 600 lettere alle società odontoiatriche censite nelle Marche in Emilia Romagna e Toscana è cominciata la campagna informativa dell’ENPAM in vista della scadenza per versare lo...


Da qualche giorno i circa 150 mila napoletani che prendono giornalmente la metropolitana, e quelli che utilizzano la Circumvesuviana (oltre 25 milioni in un anno), attraverso i monitor posizionati...


Nonostante il locale adibito a studio odontoiatrico, all’interno di uno stabile ad uso abitativo sull’isola di Ischia, non fosse decisamente spazioso (10 metri quadrati), il finto dentista era...


Dei camici, o meglio, sull'abbigliamento che devono avere gli odontoiatri e loro collaboratori e/o, più in generale, coloro che esercitano una professione sanitaria, si parla molto poco, per non...


“L'Agenzia delle Entrate ha recentemente pubblicato l'elenco dei debitori che devono più di un milione di euro al fisco spagnolo e tra loro ci sono società proprietarie di cliniche...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi