HOME - Interviste
 
 
11 Ottobre 2019

Endodonzia moderna: sempre più tecnologica e sicura

Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


E’ dedicato alla “Moderna endodonzia, tra tecnologia ed esperienza”, il 36° Congresso Nazionale della Società Italiana Endodonzia che si terrà a Bologna dal 7 al 9 novembre.Ne abbiamo parlato con il presidente Vittorio Franco (nella foto). 

Presidente, partiamo dal titolo del congresso. Come sta cambiando l’Endodonzia con l’avvento delle nuove tecnologie?

Ho iniziato nel 1990 e ho vissuto con curiosità e stupore i grandi cambiamenti, pensando ogni volta che si fosse raggiunto il massimo raggiungibile venendo sorpreso poi dalle innovazioni successive.L’Endodonzia sta continuamente cambiando e l’evoluzione tecnologica sta favorendo la semplicità e la ripetibilità dei trattamenti: al momento la sagomatura é la fase maggiormente standardizzata, diamo ormai ai canali in pochi minuti la forma che desideriamo con scarsi margini di errore. Molto di più si può fare per la detersione e per il sigillo. 

Nuove tecnologie che rendono più facile per il clinico eseguire un trattamento endodontico o lo rendono più efficace per il paziente?

Le percentuali di successo dei trattamenti sono migliorate ma non sono ancora del 100%, riprendendo l’assioma schilderiano, la X è sempre più rappresentata dal binomio anatomia/stato dell’infezione e sempre meno dall’operatore.Conoscendo però le complessità anatomiche credo che siano auspicabili sviluppi riguardanti la comprensione biologica e la gestione delle patologie pulpari in maniera più selettiva. 

Anche quest’anno una sessione del Congresso è dedicata al prof. Garberoglio. Quanto è cambiata l’Endodonzia insegnata dal professore astigiano rispetto a quella che si pratica oggi?

L’Endodonzia ha ancora il fascino di allora, fa pensare alla possibile anatomia e visualizzare il trattamento e poi ti offre il risultato. La ricerca della perfezione, i controlli a distanza per verificare l’outcome del trattamento… forse si capirà che sono di parte.Tornando alle differenze, non si usa quasi più nulla di quanto usato nel passato, ma l’approccio, i “fondamentali” restano ancora gli stessi. 

L’Endodonzia è sempre più una specialità odontoiatrica e sempre meno la pratica da affidare a giovane laureato dello studio. Concorda?

L’Endodonzia deve essere una specialità, siamo a livello europeo lottando per questo obiettivo. Peccando di presunzione, credo che Endodonzia e Parodontologia siano le specialità più importanti dal punto di vista clinico, perché trattano o prevengono patologie di origine infettiva o infiammatoria. Si farebbe fare un'appendicectomia da un neo laureato senza specialità? Io, magari a torto, avrei timore. 

Buona parte del corso pre-congressuale è dedicato ai traumi dentali. Un problema sentito? 

Un problema interessante, frequente e molto vicino all'Endodonzia, direi quasi di confine, in quanto la polpa dentale è spesso coinvolta nei traumi dentali.Non a caso la Società Europea di Endodonzia ESE organizza un meeting congiunto con la federazione mondiale di traumatologia dentale IADTa Lisbona nel 2020. 

Entriamo più nello specifico del vostro 36° Congresso nazionale, quali sono le novità?

La struttura del nostro Congresso Nazionale è ormai consolidata, cerchiamo sempre però di migliorarle ulteriormente. Quest’anno abbiamo predisposto delle cuffie per fruire meglio della sessione interattiva, quella dei teatri/ tavole cliniche. 

Quali le relazioni che consiglia di non perdere? 

Mi vuole mettere in difficolta? Chi è invitato a parlare al nostro Congresso merita sicuramente di essere seguito, ma i premi offrono sempre spunti interessantissimi. L’ideale sarebbe avere qualche orecchio in più e poter sentire tutto o quasi. Io ormai studio sempre tutti gli incastri in modo da godere il più possibile di un Congresso multisala.   

Articoli correlati

Arnaldo Castellucci incontrerà venerdì a Bologna i lettori per presentare la sua nuova pubblicazione sull’Endodonzia Microchirurgica


Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


La domanda in odontoiatria è di quelle che possono fare discutere per mesi: è meglio provare a preservare un elemento dentale con ogni mezzo possibile o posizionare un impianto osteointegrato? Vi...

di Simona Chirico


aziende     24 Maggio 2019

Al via gli Study Club AIE

L’Accademia Italiana di Endodonzia presenta per l’anno 2019 una nuova iniziativa culturale: si tratta di una serie di serate, che avranno luogo in diverse città italiane, dedicate ad...


Root Cause è il titolo del film inchiesta che vorrebbe dimostrare che i trattamenti endodontici possono essere causa di cancro, malattie al cuore e varie patologie croniche, ed il suggerimento...


Altri Articoli

“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Directa, azienda produttrice di materiali odontoiatrici con sede in Svezia, ha annunciato l’acquisizione della linea di strumenti di estrazione Physics Forceps® dal produttore...


Ampio e articolato il giudizio del prof. Giampietro Farronato, titolare della Cattedra di Ortognatodonzia all’Università di Milano, sull’andamento dell’incontro.  Partendo dal...


Dopo aver deplorato la persistente circolazione in ambito delle cd. catene di numerose e radicate “fake news” Michel Cohen, Amministratore Delegato di DentalPro, “catena” di...


Secondo la Presidente COI AIOG, Maria Grazia Cannarozzo dall’incontro uscirebbe  un quadro preciso della professione, seppur attraversato da varie visioni. Anche se obiettivi in sé, i...


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi