HOME - Interviste
 
 
11 Ottobre 2019

Endodonzia moderna: sempre più tecnologica e sicura

Intervista al presidente SIE alla vigilia del Congresso Nazionale. Vittorio franco: è una delle più importanti branche dell’odontoiatria che merita di essere “specialità” 


E’ dedicato alla “Moderna endodonzia, tra tecnologia ed esperienza”, il 36° Congresso Nazionale della Società Italiana Endodonzia che si terrà a Bologna dal 7 al 9 novembre.Ne abbiamo parlato con il presidente Vittorio Franco (nella foto). 

Presidente, partiamo dal titolo del congresso. Come sta cambiando l’Endodonzia con l’avvento delle nuove tecnologie?

Ho iniziato nel 1990 e ho vissuto con curiosità e stupore i grandi cambiamenti, pensando ogni volta che si fosse raggiunto il massimo raggiungibile venendo sorpreso poi dalle innovazioni successive.L’Endodonzia sta continuamente cambiando e l’evoluzione tecnologica sta favorendo la semplicità e la ripetibilità dei trattamenti: al momento la sagomatura é la fase maggiormente standardizzata, diamo ormai ai canali in pochi minuti la forma che desideriamo con scarsi margini di errore. Molto di più si può fare per la detersione e per il sigillo. 

Nuove tecnologie che rendono più facile per il clinico eseguire un trattamento endodontico o lo rendono più efficace per il paziente?

Le percentuali di successo dei trattamenti sono migliorate ma non sono ancora del 100%, riprendendo l’assioma schilderiano, la X è sempre più rappresentata dal binomio anatomia/stato dell’infezione e sempre meno dall’operatore.Conoscendo però le complessità anatomiche credo che siano auspicabili sviluppi riguardanti la comprensione biologica e la gestione delle patologie pulpari in maniera più selettiva. 

Anche quest’anno una sessione del Congresso è dedicata al prof. Garberoglio. Quanto è cambiata l’Endodonzia insegnata dal professore astigiano rispetto a quella che si pratica oggi?

L’Endodonzia ha ancora il fascino di allora, fa pensare alla possibile anatomia e visualizzare il trattamento e poi ti offre il risultato. La ricerca della perfezione, i controlli a distanza per verificare l’outcome del trattamento… forse si capirà che sono di parte.Tornando alle differenze, non si usa quasi più nulla di quanto usato nel passato, ma l’approccio, i “fondamentali” restano ancora gli stessi. 

L’Endodonzia è sempre più una specialità odontoiatrica e sempre meno la pratica da affidare a giovane laureato dello studio. Concorda?

L’Endodonzia deve essere una specialità, siamo a livello europeo lottando per questo obiettivo. Peccando di presunzione, credo che Endodonzia e Parodontologia siano le specialità più importanti dal punto di vista clinico, perché trattano o prevengono patologie di origine infettiva o infiammatoria. Si farebbe fare un'appendicectomia da un neo laureato senza specialità? Io, magari a torto, avrei timore. 

Buona parte del corso pre-congressuale è dedicato ai traumi dentali. Un problema sentito? 

Un problema interessante, frequente e molto vicino all'Endodonzia, direi quasi di confine, in quanto la polpa dentale è spesso coinvolta nei traumi dentali.Non a caso la Società Europea di Endodonzia ESE organizza un meeting congiunto con la federazione mondiale di traumatologia dentale IADTa Lisbona nel 2020. 

Entriamo più nello specifico del vostro 36° Congresso nazionale, quali sono le novità?

La struttura del nostro Congresso Nazionale è ormai consolidata, cerchiamo sempre però di migliorarle ulteriormente. Quest’anno abbiamo predisposto delle cuffie per fruire meglio della sessione interattiva, quella dei teatri/ tavole cliniche. 

Quali le relazioni che consiglia di non perdere? 

Mi vuole mettere in difficolta? Chi è invitato a parlare al nostro Congresso merita sicuramente di essere seguito, ma i premi offrono sempre spunti interessantissimi. L’ideale sarebbe avere qualche orecchio in più e poter sentire tutto o quasi. Io ormai studio sempre tutti gli incastri in modo da godere il più possibile di un Congresso multisala.   

Articoli correlati

Gli strumenti rotanti in nichel-titanio (NiTi) possono presentare un rischio maggiore di frattura intra-operatoria all’interno del canale radicolare.Si può affermare che:la...

di Lara Figini


In questi anni sono stati creati diversi tipi di strumenti rotanti per la sagomatura del canale radicolare. Lo scopo dell’utilizzo di questi strumenti era quello di rispettare...

di Simona Chirico


In campo endodontico, i ritrattamenti stanno aumentando di numero. La percentuale media di successo è quasi dell’80%, ma la diversa impostazione clinica, le dimensioni della...

di Massimo Gagliani


ObiettiviIllustrare l’esecuzione di un intervento di endodonzia microchirurgica attraverso un approccio di tipo mininvasivo, accurato e sotto controllo operativo in tempo reale...


Antonella Polimeni

La prof.ssa Antonella Polimeni presenta la seconda edizione di un testo didattico in cui vengono esaminati tutti gli aspetti relativi al trattamento dei pazienti in età evolutiva


Altri Articoli

La notizia è che dopo alcuni anni torna il dibattito sul numero dei posti per l’accesso al corso di laurea in odontoiatria e sugli italiani che si laureano all’estero. Da...

di Norberto Maccagno


Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION