HOME - Interviste
 
 
05 Novembre 2019

Gravi complicanze implantari, confronto di opinioni sulle cause

Quali le maggiori cause di problemi legati ad un intervento implantare. Intervista doppia sul tema al presidente SIdP Mario Aimetti e al presidente IAO Alfonso Caiazzo 

M.Boc.

Da dati resi noti dalla Food and Drug Administration (FDA), alla fine di giugno sono 117.200 le “serious injures” facenti seguito all’installazione di impianti dentali segnalate dai dentisti ed aziende produttrici alla FDA. Segnalazione prevista per legge per i dispositivi medici.
Il rapporto FDA sottolinea inoltre che la maggior parte di tali “injures” (che tradurremo con gravi complicanze) è da ascrivere a problemi connessi alla mancata osteointegrazione.  

A tal proposito abbiamo chiesto un parere a Mario Aimetti, professore di Parodontologia all’Università di Torino e attuale presidente della Società Italiana di Parodontologia (SIDP), e a Alfonso Caiazzo, presidente della IAO (Italian Academy of Osseintegration).  


Quali sono, a vostro giudizio, le gravi complicanze legate ad un intervento implantare? 

Presidente Aimetti: L'inserimento di uno o più impianti è soggetto, come ogni intervento chirurgico, a possibili complicanze. Certo che strutture nobili come il nervo alveolare inferiore, l'arteria linguale, le fosse nasali, il seno mascellare e la fossa pterigopalatina sono strutture anatomiche che non debbono essere violate se si vogliono evitare complicanze serie di tipo neurovascolare o delle vie respiratorie alte. Altre possibili complicanze molto gravi possono essere ascesso cerebrale dovuto per lo più a complicanze sinusali  o danni al visus dovuti a permeazione batterica dei tessuti periorbitari. Tutte sono da correlarsi ad interventi che presentano una non adeguata preparazione all'intervento, a errata diagnosi o errori tecnici. A queste “serious injuries tecniche" sono da aggiungersi i danni cronici correlati alle periimpiantiti. La perdita progressiva di osso intorno agli impianti può causare, talvolta anche in tempi molto lunghi, delle vere e proprie amputazioni della base ossea residua con conseguenti mutilazioni dei processi alveolari  o dell'osseo basale dei mascellari che rendono molto difficile qualsiasi tipo di riabilitazione successiva.  

Presidente Caiazzo: Danni permanenti a strutture anatomiche, osteonecrosi secondarie ad inserimento di impianti in pazienti che hanno ricevuto terapia che altera il metabolismo osseo, gravi infezioni che richiedono trattamento ospedaliero.


Alla FDA le aziende produttrici ed i dentisti sono tenuti a segnalare le complicanze più gravi: a rischio di vita; causa di gravi menomazioni o danni permanenti; suscettibili di intervento chirurgico per evitarli  ma la maggioranza, come dice la nota FDA è da ascrivere alla osteointegrazione.  Se dovessimo fare una statistica in Italia, anche qui arriveremmo alla stessa conclusione della FDA? 

Presidente Aimetti: Il mio parere è che ci arriveremmo anche noi. 

Presidente Caiazzo: La mancata osteointegrazione a mio modesto giudizio non è ascrivibile tra le gravi complicanze.   


Al tal proposito sono significativi i confronti con il passato in merito al numero e le cause? 

Presidente Aimetti: Seppure in uno scenario completamente diverso rispetto ai primi anni ‘90 credo che i confronti con il passato in merito alle cause siano significativi mentre sul numero non ho elementi epidemiologici in tal senso. 

Presidente Caiazzo: I confronti con il passato sono sempre utili per evitare il perpetuare degli errori, anche se oggi con i nuovi strumenti diagnostici e con la più attenta pianificazione credo che molte delle gravi complicanze si siano ridotte. 

Articoli correlati

Sebbene la densità ossea al sito di posizionamento implantare sia un fattore determinante per il successo dell’impianto, i metodi quantitativi attualmente disponibili per...

di Danilo Alessio Di Stefano


La domanda in odontoiatria è di quelle che possono fare discutere per mesi: è meglio provare a preservare un elemento dentale con ogni mezzo possibile o posizionare un impianto osteointegrato? Vi...

di Simona Chirico


Edentulia dei mascellari sarà una delle sfide che l’odontoiatria italiana dovrà affrontare sia dal punto di vista della qualità di vita dei pazienti che per gli aspetti economici e...


Quando la tecnologia elide l'imperfezione, nel rispetto dell'idea di tempo ben speso, è allora che la sintesi tra intelligenza artificiale e umana conquista vette altissime. Altrimenti si riduce ad...


Altri Articoli

Una mozione chiede che possano esercitare sono le STP odontoiatriche con direttore sanitario, emendamenti puntano a introdurre sanzioni per la proprietà in tema di pubblicità 


“Ci tassano anche l’aria”. Novembre è da sempre il mese più adatto per questo detto, soprattutto per gli autonomi alle prese con le rate dei pagamenti delle tasse e tra qualche giorno con...

di Norberto Maccagno


Directa, azienda produttrice di materiali odontoiatrici con sede in Svezia, ha annunciato l’acquisizione della linea di strumenti di estrazione Physics Forceps® dal produttore...


Ampio e articolato il giudizio del prof. Giampietro Farronato, titolare della Cattedra di Ortognatodonzia all’Università di Milano, sull’andamento dell’incontro.  Partendo dal...


Dopo aver deplorato la persistente circolazione in ambito delle cd. catene di numerose e radicate “fake news” Michel Cohen, Amministratore Delegato di DentalPro, “catena” di...


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi