HOME - Interviste
 
 
03 Marzo 2020

Il neo presidente SIOI presenta programmi ed obiettivi

Gianmaria Fabrizio Ferrazzano è il nuovo presidente della Società Italiana di Odontoiatria Infantile. Ci racconta il futuro della Società scientifica e quello dell’odontoiatria pediatrica

M.Boc.

Gianmaria Fabrizio Ferrazzano è il nuovo Presidente della Società Italiana di Odontoiatria Infantile (SIOI) per il biennio 2020-2021 Già Responsabile dell’Odontoiatria Pediatrica della Cattedra Unesco in ‘Health Education e Sustaianble Development’ all’Università di Napoli ‘Federico II’ il prof. Ferrazzano è Autore di oltre 150 lavori scientifici, coautore di altri 4  e relatore in  numerosi Congressi  su temi dell’Odontoiatria Pediatrica, gli abbiamo posto alcune domande come neo presidente e come ricercatore. 


Quale il leit motiv del suo biennio?

Le direttrici di larga massima saranno essenzialmente due: a) attenzione alle problematiche territoriali, non trascurando un particolare sostegno strategico alle regioni meridionali;  b) significativa presenza italiana sulla scena scientifica internazionale.  


E per quanto riguarda l’attività culturale….? 

L’obiettivo è realizzare due eventi: uno, lo ‘Spring Meeting’ il 9 maggio a Pisa con la SIOS (Società Italiana di Odontoiatria Sportiva) dal titolo ‘Odontoiatria e sport. Il ruolo dell’Odontoiatra pediatrico’. E, nel secondo semestre a Matera, il Congresso nazionale delle Sezioni regionali SIOI, un format ideato a Napoli nel 2014 e divenuto negli anni un incontro atteso dai soci,  un contenitore per l’approfondimento scientifico e clinico in Odontoiatria Pediatrica nel clima di amicizia proprio della nostra Società. Nel 2021, invece, si terrà a Napoli in 21° Congresso Nazionale SIOI, evento di valenza internazionale in cui si concorrerà anche per il ‘1st SIOI International Scientific  Award’.  


Come intende gli incontri regionali? Soprattutto, come stimolare i giovani?

Con circa 1000 soci ed una presenza concreta sul territorio, le attività culturali SIOI nel biennio saranno caratterizzate da un capillare approfondimento con molti eventi ‘locali’ in ogni regione. Il Coordinamento nazionale è affidato a Maria Rita  Giuca, che, grazie all’esperienza di  past President SIOI, ha una notevole conoscenza delle realtà ed esigenze  territoriali. Negli eventi una particolare sessione sarà dedicata ai colleghi più giovani, protagonisti, in determinate situazioni, come relatori: una valida palestra per chi vuol avviarsi alla didattica e alla ricerca scientifica. La SIOI Giovani è guidata da Silvia Caruso, dell’Università all’Aquila, con cui abbiamo impostato attività scientifiche portate avanti dai colleghi più giovani di diverse Scuole e dagli importanti Centri assistenziali di eccellenza presenti in Italia. 


Ci parli dei rapporti con la European Academy of Paediatric Dentistry 

E’ la naturale confluenza per i soci italiani interessati ad affacciarsi al panorama internazionale dell’Odontoiatria pediatrica. Gli odontoiatri italiani divenuti soci dell’EAPD sono molto più numerosi ed in tanti hanno già raggiunto l’ambito grado di “Active Member”. Patrizia De Fabianis, il Councellor italiano, sta conducendo un ottimo lavoro, interpretando molto bene lo spirito di crescita internazionale della SIOI. A luglio entrerà in carica il nuovo EAPD Board guidato da Elias Berdouses che ama profondamente il nostro paese e nutre molta stima per il livello scientifico e clinica dell’Odontoiatria pediatrica italiana. In futuro avremo per la prima volta relatori italiani negli eventi EAPD e lo stesso Berdouses verrà in Italia per tenere relazioni, E’ arrivato il momento in cui la pedodonzia italiana goda di una giusta visibilità, proporzionale alla alta professionalità espressa.  


L’UNESCO ha attribuito alla ‘Federico II’ la Cattedra in Medicina e a lei l’ambito dell’Odontoiatria pediatrica: quali sono i progetti e quale il coinvolgimento della SIOI?

Al di là della mia persona, è un riconoscimento straordinario delle responsabilità che le patologie odontoiatriche e di riflesso, la disciplina che le studia e contrasta, possono avere sulla qualità di vita dei bambini e delle famiglie. La cattedra mi consentirà di mettere in campo progetti scientifici ma, anche, Dottorati di Ricerca e Master internazionali in collaborazione coi maggiori Centri di ricerca mondiali. Una rete di collaborazione incentrata sull’Odontoiatria pediatrica che vedrà anche la SIOI protagonista: in merito, sigleremo nei prossimi giorni un Protocollo d’Intesa. 


Quali i rapporti tra SIOI e le Scuole di Specializzazione in Odontoiatria pediatrica?

Proprio in questi giorni si stanno diplomando i primi specialisti. La creazione delle Scuole di Specializzazione in Odontoiatria pediatrica, al di là di un arricchimento dell’aspetto formativo, porterà, gradualmente, ad una maggior percezione della disciplina sul territorio, un po’ come è avvenuto per l’Ortognatodonzia, e, quindi, ad un ulteriore sviluppo in Italia di tutto il mondo pedodontico. La SIOI farà parte di tale processo, perché stiamo mettendo in campo programmi di approfondimento professionale specifici per gli specialisti. Inoltre, come Presidente SIOI, mi sto attivando per promuovere l’accreditamento europeo delle Scuole di Specializzazione in Odontoiatria pediatrica presso la European Academy of Paediatric Dentistry. Il che proietterebbe le nostre Scuole, ed i loro specializzandi, in una dimensione di ben più ampio respiro.  


Quali programmi futuri con le Associazione dei pediatri e altre specialità?

Intendo incentivare accordi con le varie sigle per organizzare un capillare programma di approfondimento professionale su temi base dell’Odontoiatria Pediatrica, consentire ai colleghi di individuare le problematiche, dare le giuste risposte ai genitori ed indirizzare i bambini dallo specialista. Sono già in essere, inoltre, sinergie con le società scientifiche delle altre discipline odontoiatriche. Importante la collaborazione bilaterale anche con altre branche come la Chirurgia Maxillo-Facciale, l’Otorinolaringoiatria, la Logopedia, etc. Ovviamente, per i colleghi delle “discipline cugine”, nei Congressi SIOI vi sarà sempre uno spazio scientifico dedicato. 


Quale è la posizione della SIOI in merito alla ricerca scientifica?

La SIOI è essenzialmente una società scientifica, per giunta accreditata al Ministero della Salute secondo la c.d. legge Gelli, e pertanto da sempre attiva. Nei prossimi due anni, oltre alle indagini epidemiologiche per ‘mappare’ la salute orale di bambini ed adolescenti italiani e mettere in campo innovative campagne di sensibilizzazione per il grande pubblico, offriremo il nostro contributo per la stesura di Linee guida delle più importanti procedure preventive e terapeutiche, anche nella sedazione pediatrica e nell’approccio agli ‘special needs children’. Il tutto come da nuovo statuto societario che prevede un Comitato Scientifico Nazionale, affidato a tre colleghi d’esperienza come Roberto GattoGiuseppe Marzo e Luigi Paglia, il quale promuove e vigila sulle attività scientifiche della SIOI. 


Che voto darebbe all’Ente pubblico per l’attenzione alla salute orale dei bambini?

Dal punto di vista dell’assistenza pubblica, l’Italia non si cura adeguatamente della salute orale dei suoi bambini: l’assistenza odontoiatrica versa in un vero stato di emergenza. La SIOI ha prodotto un ‘Position Paper’ che porteremo al Ministro della Salute ed all’Autorità Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza: benchè la soluzione sia complessa e non siano consentite facili illusioni, la SIOI farà la sua parte e non indietreggerà. 


Per finire in bellezza, ci parli dell’iniziativa SIOI   “Adotta un piccolo paziente”.

Dopo un periodo di rodaggio in alcune realtà regionali, il Direttivo nazionale ha approvato all’unanimità un Progetto solidale per cui i soci SIOI, che vorranno aderire, cureranno gratis nei propri studi almeno un bambino all’anno appartenente a famiglie in comprovato stato di difficoltà economico-sociale: un piccolo gesto concreto che inciderà solo marginalmente sull’economia dei soci, ma contribuirà a migliorare la salute orale di migliaia di bimbi in difficoltà.  

Articoli correlati

Premiato il rigore scientifico, la volontà nel perseguire l’eccellenza divulgativa e l’entusiasmo che caratterizzano il lavoro di tutto il Consiglio Direttivo della SIOI


Il presidente Ferrazzano chiede interessamento ed interventi mirati per sostenere la salute orale messa ancora più in crisi dalla pandemia


Documento della Società italiana di Odontoiatria infantile pubblica una guida per il trattamento odontoiatrico nei bambini 


Presentato uno Position Paper in cui si chiedono 5 interventi indispensabile per intervenire sulla preoccupante situazione della salute odontoiatrica dei più piccoli


Indagine SIOI, Mario Negri e Doxa svela le scorrette abitudini e stili di vita dei genitori verso la salute orale dei piccoli. Cartellino giallo per pediatri e farmacisti


Altri Articoli

Il Rapex (sistema comunitario di informazione rapida sui prodotti non alimentari) ribadice l’inutilità ed il Ministero rilancia l’informazione


Secondo l’articolata analisi utilizzata per dare un punteggio agli Atenei, per odontoiatria “vincono” Verona, Insubria e Foggia, per medicina il San Raffaele batte Milano Bicocca


In assenza di tutele pubbliche, queste le possibilità fornite da ENPAM e SaluteMia agli iscritti in caso di contagio e della impossibilità di continuare temporaneamente l’attività


Il Consejo General de Dentistas Spagnolo pubblica delle indicazioni per i cittadini e ribadisce la necessità di modificare la legge sulle società che offrono servizi sanitari


Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il DCPM che conferma le restrizioni già in vigore con il precedente decreto dell’11 giugno


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION