HOME - Interviste
 
 
30 Ottobre 2020

A colloquio con Caterina Di Marco, la prima Presidente Commissione Nazionale Albo Igienisti Dentali

Molti i temi in agenda della neonata Commissione: dalla questione dell’abusivismo, alla sentenza del Consiglio di Stato, passando dall’organizzazione dei rapporti con le Commissioni territoriali ma anche con gli altri Albi a cominciare da quello degli odontoiatri


Dopo 26 anni (nel settembre 1994 veniva approvato il primo riconoscimento giuridico della professione dell’igienista dentale) la costituzione della Commissione nazionale Albo Igienisti dentali sancisce definitivamente la nascita della professione di Igienista Dentale. Un riconoscimento frutto di lunghe battaglie sindacali che ora, una volta vinte, consento di rapportarsi con pari dignità con le altre professioni sanitarie e meglio tutelare la professione ed i cittadini.  


Dott.ssa Caterina Di Marco, essere la prima Presidente la fa sentire ancora più carica di responsabilità?

Sicuramente si, e sono cosciente della rilevanza e della consapevolezza del ruolo. Fino a questo momento le istanze della professione sono state portate avanti dalle due Associazioni Maggiormente Rappresentative (AMR), oggi finalmente l’Albo tutela gli interessi pubblici connessi all’esercizio professionale all’interno di un ente pubblico sussidiario dello Stato, quale è la Federazione nazionale. Per molti anni, facendo parte del consiglio direttivo di una delle due AMR, ho avuto modo di allargare le mie competenze attraverso l’esperienza di lavoro su varie tematiche. Nel tempo mi sono occupata in prima persona proprio di diverse attività che oggi fanno capo all’Albo: verifica dei titoli abilitanti, definizione dei fabbisogni formativi, riconoscimento delle qualifiche professionali estere in seno alla Conferenza dei Servizi del Ministero della Salute, contrasto all’abusivismo. Mi sono sempre impegnata senza troppo clamore, ma con responsabilità, determinazione e passione, nel lavoro di squadra per raggiungere gli obiettivi della professione. Sono comunque serena anche perché tutti i componenti della Commissione Albo Nazionale degli Igienisti dentali hanno avuto esperienze all’interno delle AMR nei diversi ruoli che hanno ricopertoIn questo momento storico, proprio perché è la prima volta, tutti noi abbiamo sentito il dovere di impegnarci responsabilmente mettendoci a disposizione della categoria, per renderla come gli assistiti si aspettano che sia. 


Tra le prime questioni che dovrà affrontare, certamente quella della sentenza del Consiglio di Stato. Come vi muoverete?

Innanzitutto mi preme precisare che il Consiglio di Stato, con tale pronuncia, ha posto termine ad una controversia tra le parti di quel giudizio, senza valenza ed estensione immediata e automatica delle relative statuizioni a terzi soggetti. La questione è stata la prima che abbiamo affrontato: ci siamo messi subito al lavoro raccogliendo il testimone dalle AMR. Infatti a pochi giorni dall’insediamento, come primo atto della Commissione, abbiamo redatto e fatto pervenire a tutti gli iscritti il Documento di posizionamento elaborato con i consulenti legali sul tema dell’autonomia e della correlata responsabilità di ciascun Igienista dentale, in piena consonanza con il Documento di posizionamento sull’autonomia delle professioni sanitarie della FNO TSRM PSTRP. Nel frattempo è stato avviato il dialogo fra la CdA Nazionale e la CAO, avendo concordato, sia a tutela dei legittimi interessi degli iscritti che di quelli delle persone da loro assistite, un gruppo di lavoro paritetico per individuare le strade utili a superare le criticità generate dalla sentenza. 


Le Commissioni di Albo territoriali si sono da poco insediate, alla CdA Nazionale il compito di coordinarle. Quali sono le priorità che come Commissione nazionale vi darete?

Ci troviamo di fronte ad un primo modello organizzativo in un contesto completamente nuovo, stiamo costruendo le basi di coordinamento comuni a tutte le 19 Commissioni di Albo afferenti alla FNO, ognuna per la propria professione. Quindi dovremo iniziare dall’organizzazione, gli aspetti comunicativi, le relazioni istituzionali. La Commissione nazionale manterrà un dialogo continuo con le Commissioni territoriali per un monitoraggio costante ed efficace delle tematiche da gestire a salvaguardia dei diritti e degli interessi di tutti gli iscritti. Fra le priorità l’incremento degli Igienisti dentali all’interno del Sistema Sanitario Nazionale, ancora poco presenti nonostante ci sia una necessità crescente, e il contrasto all’abusivismo. 


Infine la questione abusivismo, ancora un problema importante? Avete ora gli strumenti giusti per combatterlo?

Questa rimane una priorità molto importante e il contrasto all’abusivismo è proprio una delle funzioni degli Ordini.Sarà determinante appena terminata l’opera di censimento: chi non risulta iscritto all’Albo non potrà esercitare. La Legge 3/2018 con l’art. 12 ha ben definito il concetto di abuso di professione con le relative pene, includendo e sanzionando anche chi ha determinato altri a commettere il fatto. Ormai siamo una professione regolamentata e ordinata: i cittadini assistiti possono verificare attraverso l’Albo se chi lo sta curando è realmente un professionista abilitato. Il gruppo Aspetti giuridici e medico legali della FNO ci ha fornito procedure e strumenti per la gestione delle segnalazioni, sia da parte degli iscritti e degli assistiti alle Commissioni di Albo, che da parte di queste ultime alla CdA nazionale e alle Autorità competenti. 

Articoli correlati

Celebrata una Professione ed una Associazione in continua evoluzione che bene si interseca con il concetto dinamico della salute


Rinnovate le cariche istituzionali per i prossimi 3 anni del Consiglio Direttivo, Collegio dei Probiviri, Collegio dei Revisori dei Conti


Da venerdì 20 novembre in modalità virtuale. La presentazione del presidente Abbinante


I protocolli utilizzati dagli igienisti dentali italiani riescono a calmierare la diffusione dell’infezione da Covid-19, i dati da una ricerca italiana


Grande partecipazione per la prima convocazione dell’Assemblea Nazionale degli iscritti e prime elezioni per eleggere l’Esecutivo Nazionale AidiPRO 


Altri Articoli

E’ oramai chiaro che il Governo in tema di sostengo alle imprese si ispira alla Ruota della fortuna e sperare in una programmazione o in un progetto di rilancio economico...

di Norberto Maccagno


L’obiettivo, anche in periodo di pandemia, garantire che i futuri dentisti siano preparati a curare le persone. Lo Muzio (CPCLOPD): gli atenei italiani stanno con mille difficoltà lavorando in tal...


Iandolo (CAO): “Coinvolgere gli odontoiatri nella campagna, e vaccinarli per primi, insieme al personale di studio”. Chiesta anche la proroga dell’esenzione IVA sui DPI


Secondo una nuova guida emessa dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) degli Stati Uniti, le mascherine facciali possono proteggere chi le indossa e gli altri dall'infezione da...


Domani 28 novembre Evento online organizzato da Cooperazione odontoiatrica Internazionale Onlus e la sezione di Medicina Legale dell’Università di Torino


Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Il prof. Burioni spiega come funzionano i test Covid e dà qualche consiglio agli odontoiatri ed igienisti dentali